€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Eugenio

    20/10/2017 17:07:45

    A me è piaciuto molto, il film denuncia i pregiudizi razziali di una nazione che ha tutt'ora grandi difficoltà a lasciarsi alle spalle cose come il razzismo. Sidney Poitier a me piace molto e trovo sia un magnifico attore.

  • User Icon

    ziogiafo

    11/09/2017 13:28:36

    ziogiafo - La calda notte dell'ispettore Tibbs - USA 1967 - In questo eccezionale cult-movie degli anni 60, si assiste ad una vera e propria sfida recitativa di alta classe, fra Rod Steiger e Sidney Poitier. I due tenaci protagonisti, infatti, danno vita sin dalle prime sequenze, con intensi dialoghi e con formidabile bravura... ad una tesissima atmosfera che alimenta in maniera incalzante, questo memorabile poliziesco. Il tutto sfocerà in un intrigante crescendo nell'eterna tematica sociale del razzismo, senza mai perdere però, il filo conduttore della trama che ha come obiettivo primario quello di catturare il vero colpevole dell'assassinio di un ricco industriale "bianco", motivo dominante da cui parte tutta la storia. Gillespie (Rod Steiger), è il rozzo capo della polizia locale di una piccola cittadina del Mississipi, dove si svolgono i fatti. Virgil Tibbs (Sidney Poitier), invece, è il raffinato ispettore "nero" della FBI, elemento di spicco della squadra omicidi di Philadelphia, che per caso si trova da quelle parti. Dopo un difficile approccio dovuto ad una serie di malintesi, compreso i pregiudizi verso le persone di colore, i due, si trovano prima di fronte per una guerra psicologica, poi uniti, per collaborare nell'indagine in corso, dove Tibbs, nonostante l'ambiente ostile, darà prova delle sue eccellenti capacità di detective, che il burbero Gillespie riconoscerà collaborando con lui fattivamente, mettendosi addirittura contro la sua stessa gente, diventando infine amico di Tibbs. Stupenda prova dei due attori protagonisti, che hanno reso chiaro il messaggio che ribadisce il concetto di rispetto e di riscatto sociale dell'essere umano innanzitutto, a prescindere dalla razza e dalla nazionalità di appartenenza. Da collezionare! Cordialmente, ziogiafo.

  • User Icon

    Michele Bettini

    04/01/2017 21:31:37

    Piacevole, ma estremamente inverosimile. L'ispettore senza dormire, senza mangiare, senza DATABASE, senza una opportuna pistola, e soprattutto SENZA SCORTA, risolve il caso troppo velocemente. E tutti quelli che lo minacciano e vogliono farlo fuori se la passano liscia? E perché? E perché l'Oscar è andato a Steiger e non a Poitier? S’è visto qualcosa del genere, ancora più riprovevole, anche nel finale di Star Wars, quindi l’America e i suoi registi restano razzisti, per timore di contrariare il suo pubblico. E perché un prezioso testimone viene accusato di omicidio soltanto per aver raccolto un portafoglio che forse voleva restituire? L'ispettore dopo aver tanto rischiato e dopo aver tanto digiunato e non dormito, se ne va senza ricompensa. Soltanto con un GRAZIE! E lo sceriffo dopo aver tanto sbagliato resta al suo posto e non viene cacciato via? E la signora Colbert, con le corna (il marito, invece di andare a dormire con la moglie era andato in cerca di una minorenne), si dispiace davvero della morte del marito, adesso che è diventata ricca? Sarà che l'America, tanto agognata (che non fa prigionieri e che spara su tutto ciò che si muove), funziona (sic!) soltanto così? Perché non rendere il film più verosimile? E perché il coltivatore si arrabbia tanto in fretta, nonostante i modi signorili di Tibbs? L’ispettore lavora senza equipe, senza testimoni a suo favore e senza scorta e tutto questo è assurdo! Ma può essere NORMALE nell’America che conosciamo!

  • User Icon

    alessandro

    24/12/2011 20:19:34

    concordo con lora.le tematiche sono ancora attuali,d'accordo con lei,il dialogo nell'ufficio dello sceriffo, tra steiger e poitier resta la parte piu'intensa,commovente del film.

  • User Icon

    lora

    04/05/2009 03:28:31

    assolutamente non datato,come è scritto nel commento sottostante,perche le tematiche dell'odio raziale,sono molto più vive oggi che nei decenni 70/80 e 90,oggi sono molto più camuffate,sottocutane e striscianti e meno esplicite dell'epoca del film,ma sempre esistenti,per quanto reprorevoli possano essere,ma è così. il film è grandioso,immenso e persino struggente,la scena in casa di staiger,e il confronto umano tra lui e poitier,vale l'intero film. interpretazioni sublimi di staiger in primis e di poitier,e meritatissimi tutti i premi piovuti da ogni dove. un film da vedere a tutti i costi. voto :10 con lode.

  • User Icon

    REXLEX

    22/12/2008 12:05:09

    Un bel film , ben recitato anche se oramai un po' datato nelle tematiche ( è del 1967 ). Gli States hanno appena eletto un presidente afroamericano...impensabile nel contesto di allora dove un proprietario bianco pensava di poter ancora schiaffeggiare un poliziotto di colore per una risposta troppo diretta. La provincia americana in uno stato del sud fa da sfondo alla vicenda negli anni in cui l'integrazione razziale era ancora tutta da costruire. Il film è un tassello di quel cinema di denuncia ( soft ) e ha una sua validità evergreen per il rapporto di rude amicizia che alla fine si instaura tra i due protagonisti . La recitazione è ottima sia da parte dei protagonisti che dei comprimari. Per una videoteca di base. Da vedere.

  • User Icon

    Fabrizio

    05/01/2008 18:02:59

    Bellissimo film con un Poitier grandioso

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Destinato al successo con due insoliti film musicali (Il violinista sul tetto e Jesus Christ Superstar), Jewison "cattura" qui l'attenzione con un caso poliziesco, avviando un discorso limpido e impegnato sui pregiudizi razziali del profondo Sud.

Trama
Un industriale viene assassinato in una città del profondo Sud degli Usa. Viene arrestato, come individuo sospetto, un nero elegantemente vestito. Costernazione quando si scopre che è un ispettore della Polizia Federale esperto in omicidi. Singolare contesa tra il capo della polizia locale e il nero, al quale la vedova dell'assassinato ha affidato le indagini. Eccellente la caratterizzazione di Steiger, nella parte del capo della polizia locale che alla fine diventa amico del poliziotto nero.

1967 - Oscar [Academy Awards] Miglior Attore Steiger Rod

  • Produzione: MGM Home Entertainment, 2003
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 109 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono);Francese (Dolby Digital 1.0 - mono);Inglese (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Francese; Olandese; Inglese
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers