Editore: Bompiani
Edizione: 26
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 211 p., Brossura
  • EAN: 9788845249150
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,94

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luciano Doria

    04/04/2016 15:52:41

    Interessante rappresentazione, a volte troppo densa di particolari (il che, di per sé, non sarebbe un male, se solo fossero articolati in modo più accattivante), di una realtà irreale e irragionevole. Lontano anni luce dal poter essere considerato un pilastro della letteratura omosessuale - e aggiungo l'aggettivo "omosessuale" solo perché è questo il motivo per cui lo si considera letteratura - il romanzo è la storia di una coppia nevrotica, conformista nel suo anticonformismo da pseduo-dandy mitteleuropeo, che vive nella repressione mentale (peggiore, forse, di quella sessuale) travisata da loro e dai loro prezzolati amici per superiorità intellettuale e che si scambia effusioni intermittenti a suon di cliché. L'unico aspetto azzeccato è che il racconto non poteva finire in altro modo se non con la stereotipata e piattissima morte del gay, che finalmente muore per la gioia lettore, gay e non. L'unica fine alternativa poteva essere, a mio avviso, una non-fine (almeno avrei potuto dire di essere arrivato fino in fondo). Altro aspetto esecrabile del testo è la totale mancanza di background del protagonista, che invece di assistere il proprio compagno morente, decide di girare l'Europa nelle vesti di bohémien scapestrato, depresso e ricchissimo. Acquista appartamenti nelle maggiori capitali europee con domestiche tre giorni a settimana, ma non una singola menzione sulla provenienza delle mazzette che gli escono dalle tasche come acqua fresca. Che capolavori avrà scritto questo neanche trentenne per permettersi il tenore di vita di un Rockefeller? Il denaro giustifica quindi il racconto, ma non giustifica se stesso, annullando e il proprio valore e quello della narrazione tout court. Un libro esiziale, soprattutto per chi non è in grado di comprenderne fin da subito l'aspetto nevrotico e disturbato. I ragionamenti di tipo introspettivo e filosofico sono, quando non così superficiali da dover essere saltati a piè pari, totalmente queruli ed obsoleti.

  • User Icon

    anna nibba

    26/01/2012 21:06:45

    Proprio niente di che. Interessante l'esperienza di leggere un romanzo che descrive il mondo dei maschi omosessuali, ma questo e' tutto. Non lo consiglio.

  • User Icon

    Polly

    02/09/2010 11:20:33

    Avrei anche potuto dare 4/5 ma, non ho ancora esattamente capito perchè, questo libro non mi ha convinto fino in fondo. Sicuramente ho apprezzato molto di più la seconda parte...a tratti l'ho trovata commovente, straziante perfino. La lettura di questo libro mi ha sicuramente scosso e, come già detto da qualcuno, ha suscitato in me emozioni contrastanti. Nel bene o nel male, se un libro riesce a suscitare tutto questo, probabilmente è un libro da leggere.

  • User Icon

    Antonio

    26/01/2010 00:06:40

    Camere Separate è un libro spettacolare... Non ho parole per descriverlo... leggerlo è fondamentale perché ci fa conoscere quella parte fragile che ognuno di noi, possiede... Privarsi delle parole di questo scrittore, sarebbe veramente un peccato fatto a noi stessi...

  • User Icon

    Giuseppe Ciatto

    19/10/2009 15:38:06

    Mi sono ritrovato per caso questo libro fra le mani e così ho iniziato a leggerlo. Non nego che se avessi saputo prima che si trattava della storia di una coppia omosessuale non l’avrei nemmeno aperto, ma dopo averlo letto mi sento in dovere di dire che è un bel libro. Non siamo in presenza del solito trattato a difesa del mondo gay… Certo, i temi affrontati non sono di grandissima portata, ma è davvero magistrale la capacità con la quale Tondelli riesce a fare di lettore e libro un’unica, indivisibile entità. Questo romanzo – che rappresenta una vera e propria svolta nell’opera di Tondelli –, come l’autore stesso lo ha definito, non è altro che «la storia di un percorso scandita in tre movimenti-capitoli concentrici e contigui come un’operetta di musica ambientale. Il tema della morte, del lutto per la perdita del compagno, la religiosità, la madre, il paese, i viaggi, l’amicizia costituiscono il tessuto narrativo di una complessa ricerca di interiorità e di approfondimento». Una sorta di autobiografia scritta in terza persona, in uno stile raffinato e scorrevole che avvolge il lettore dalla prima all’ultima pagina.

  • User Icon

    FILIPPO

    31/12/2007 18:07:10

    I lettori, la critica e le classifiche di vendita non l'hanno premiato con la stessa enfasi di 'Rimini' o 'Altri libertini', ma per me rimane il romanzo migliore di Tondelli: intimo, sincero, a tratti incredibilmente triste. Se considero che gran parte della storia é verosimilmente autobiografica, non posso fare a meno di pensare al disagio, alla solitudine ed al senso di inadeguatezza che deve aver accompagnato l'autore nel corso della sua vita.

  • User Icon

    VALE

    02/03/2007 17:33:07

    ho letto il libro sotto consiglio di una persona di cui mi fido, beh questa volta non l'ha azzeccata!!! mi è sembrato molto melenso, troppo semplice la scrittura, non so a me piacciono i libri un pò sussurrati dove devi porre attenzione alle parole per capirne il significato, questa volta non ho dovuto fare abbastanza attenzione!!! prendo spunto da Carmelo per confermare che Yehoshua è uno dei migliori, li ho letti tutti e " cinque stagioni" mi è rimasto nel cuore!

  • User Icon

    mary

    31/10/2006 10:39:14

    ho letto il libro per caso....la lingua è perfetta....scritto in modo sublime!!!!ma mi ha messo una grande tristezza addosso..forse,perchè ,il modo di amare di Leo è diventato un male troppo comune...

  • User Icon

    Carmelo De Rosa

    17/10/2006 12:41:41

    Non mi è piaciuto perchè mi sembra scritto con uno stile da romanzetto d'amore, inoltre non mi comunica quasi niente perchè il dolore mi sembra solo enunciato con enfasi e non, appunto comunicato in altro modo come invece, per fare un esempio, succede in "Cinque stagioni" di Yehoshua

  • User Icon

    Tommaso

    16/03/2006 14:17:00

    Un gran bel libro, l'ho letto quasi tutto di un fiato..davvero sembra di vedere un film al cinema, emozionante e profondo. Mi ha trasmesso emozioni contrastanti..stupore, meroviglia, a volte impressione e spavento. Lo consiglio a tutti, omosessuali e non..

  • User Icon

    Sergio

    13/09/2005 14:03:50

    Uno splendido libro: ho rivisto la mia vita come se fosse un altro a raccontarmela e a farmela riscoprire.Un libro talmente intenso e vero che NON può non essere esperienza vissuta.Questa non è letteratura, è vita.

  • User Icon

    Massimo Sannelli

    25/05/2005 19:52:36

    Leo è innocente, o almeno incolpevole, perché la sua ‘colpa’ è nata con lui, in un tempo anteriore all’articolazione delle parole (*in-fantia*). Leo è colpevole, ma innocente; innocente, ma colpevole, e comunque segnato e destinato *naturaliter* alla letteratura. «La letteratura non salva, mai. Tantomeno l’innocente», e non avvicina di necessità l’altro, come ricorda il capitolo dei *Fragments d'un discours amoureux* di Barthes su *écrire*: «Savoir qu’on n’écrit pas pour l’autre, savoir que ces choses que je vais écrire ne me front jamais aimer de qui j’aime, savoir que l’écriture ne compense rien, ne sublime rien, qu’elle est précisément la où tu n’es pas – c’est le commencement de l’écriture». Non è corretto dire che l’ostacolo si trasforma in grazia, così come il portatore del senso di colpa non guarisce; ma l’ostacolo, che rimane tale, viene giustificato e accompagnato, dialetticamente, dalla grazia (dalla letteratura). Questo su un piano sempre strettamente laico e di sola operatività letteraria: l’altra Grazia non esce dai confini individuali, e riguarda l’uomo interiore. Il romanzo è bello.

  • User Icon

    donnie

    29/04/2005 19:51:34

    Tondelli ha una scrittura fluida, ben costruita, immediata. Camere separate ha le note di Chet Baker e le tinte pop di Basquiat. Si legge come un buon rhum invecchiato ed ingollato d'un colpo.

  • User Icon

    Mirko

    20/03/2005 18:58:00

    Ciao! Ho letto anche io camere separate.....un bellissimo libro, ma molto molto toccante ed emozionante....mi ha trasmesso tanta tristezza e solitudine...come sensazione

  • User Icon

    sat

    13/03/2005 20:03:49

    Il libro è scritto bene e ha dei passaggi molto intensi Però, francamente, io l'ho trovato un po' stanco e macchinoso. Una sfoltita prepubblicazione non gli avrebbe nociuto

  • User Icon

    paola

    11/03/2005 14:18:36

    sensazioni descitte e trasmesse al lettore...che ti fanno ricordare...la freschezza dei momenti vissuti! quelli belli e quelli tristi

  • User Icon

    Donatella

    16/10/2003 20:01:51

    Ho comprato questo libro per puro caso e mi sono innamorata di questo autore. Sentimenti veri profondi laceranti ,descritti con parole semplici ....

  • User Icon

    sad

    16/10/2003 19:32:12

    a mio parere un libro eccezionale...leggendolo si riesce quasi a vederlo proiettato come un film davanti agli occhi.

  • User Icon

    esule nel vento

    12/09/2003 12:13:53

    Lacerante, sanguinante, autentico. Scritto con il sangue e le lacrime. Destinato a rimanere. Eros e Thanatos. E c'e' ancora chi si ostina a definire Tondelli uno scrittore gay o cattolico.... Partigianerie di una Italietta misera e triste.

  • User Icon

    dario

    18/03/2003 20:45:43

    Per il commento di tale Solal: Se dici che questo romanzo non ti piace ok...ci posso credere...ma se dici che è scritto male, hai problemi seri con la tua capacità di valutazione. ciao

Vedi tutte le 24 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione