Campo di fuoco. Sniper. Vol. 1

Alan D. Altieri

Editore: TEA
Collana: Teadue
Edizione: 3
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
In commercio dal: 9 luglio 2009
Pagine: 279 p., Brossura
  • EAN: 9788850205332
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Usato su Libraccio.it - € 4,64
Descrizione
Russell Brendan Kane, tenente colonnello del 22° Reggimento SAS, corridori della lama dei commandos di Sua Maestà Britannica. Sul suo volto, il tempo pareva aver scavato le angolazioni squadrate di una maschera totemica. Non solamente il tempo. Un uomo senza volto, un soldato nella penombra, uno sniper, un letale cecchino in grado di penetrare, esplorare, colpire e svanire nel nulla... Spedito in missione nella giungla messicana, con una collega molto pericolosa e con informazioni incomplete, Kane si trova in prima linea al centro di un micidiale intrigo di politici corrotti, servizi deviati e guerriglieri narcos. La foresta è un luogo ideale per uccidere e morire, per affrontare l'oscurità e seppellire i fantasmi del proprio passato. Ma per Kane non è ancora tempo di deporre il fucile d'assalto. Un inseguimento senza pause sui terreni più difficili, l'ombra del tradimento, il crepitare delle armi automatiche: un thriller adrenalinico con un guerriero indimenticabile.

€ 4,64

€ 8,60

5 punti Premium

€ 7,31

€ 8,60

Risparmi € 1,29 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    sandro

    30/08/2010 17:10:44

    pessimo libro da un autore che avevo imparato ad apprezzare,la caratterizzazione del protagonista e' assolutamente risibile,la voce una sequela di tronfie sentenze spesso fuori contesto che appesantisce i dialoghi e rende il romanzo spesso incapibile ho abbandonato la lettura a poche pagine dalla fine Caro Altieri non faccia esercizi di stile,da lei non pretendiamo altro che un solido romanzo sparatutto con una buona struttura narrativa(cose che lei sa fare egregiamente) così come ci aveva abituato sui suoi primi romanzi con rinnovata stima comunque

  • User Icon

    Kobal L. I.

    04/10/2009 12:23:39

    Non è il primo libro che leggo di quest'autore, è già quel "La città oscura", mi aveva lasciato un buon ricordo, ma rileggendo le pagine mi accorgo di aver riscontrato le medesime difficoltà anche nel precedente. Lo stile narrativo non è dei migliori, e ci sono palesi discordanze temporali al di là di quelle volute come ricordo dell'esperienza del protagonista. Non è un brutto libro, ma non è di facile lettura. Oltre lo stile personale dell'autore, anche i numerosi termini tecnici creano difficoltà ad un non esperto. Non credo di poter dare la colpa alla traduzione questa volta giacchè l'autore è italiano e sul libro non risulta alcun traduttore, sicchè il suo modo di scrivere è proprio così. Ma ritengo che l'opera vada letta più come una sceneggiatura(in effetti l'autore è principalmente uno sceneggiatore) che come un romanzo qualsiasi, e in quest'ottica si possono comprendere meglio gli sbalzi temporali e i dialoghi botta e risposta, anche se poi ovviamente sullo schermo hanno un altro effetto. K.L.I recensione di: inquietudinedikobal

  • User Icon

    Gionata

    30/04/2009 21:39:36

    Un libro veramente noioso..il linguaggio per questo genere non e' proprio consono. Se volete un libro vero sugli snipers leggete la vita di Carlos Hathcock!!

  • User Icon

    Enzo

    06/09/2005 14:16:52

    Ho appena finito di leggere tutta la trilogia, e devo ammettere che Altieri ha fatto ancora una volta centro con il tenebroso Russell Kane. Azione, pessimismo e adrenalina a fiumi. A livello di storia "Campo di Fuoco" si gioca la palma di migliore della serie con "Victoria Cross" ( l'ultimo ).

  • User Icon

    max

    04/07/2005 18:34:54

    Un buon esempio di libro d'azione, scritto da un maestro (che non ha sempre riscosso il successo meritato: solo le iperboli e le circonvoluzioni del linguaggio meriterebbero una serie di studi esegetici). Pur non essendo sui livelli di complessità di altre opere maggiori (in fin dei conti è una ristampa di Segretissimo che, con tutto il rispetto, non è la collana più in nel panorama editoriale italiano) Sniper 1 tratta i consueti temi dell'Autore: il mondo è violento e può essere raddrizzato (o, meglio, reso meno storto) solo esercitando una violenza ancora maggiore. Kane tra i personaggi di Altieri è uno di quelli più evenescenti e meno delineato. Da buon sniper del SAS è un fantasma, senza volto e senza storia. E' un genere che può piacere o meno. Se cercate un po' di distrazione a base di piombo rovente è un libro adatto.

  • User Icon

    ugo

    12/05/2005 19:14:24

    Per quanto sia un appassionato del genere e' un romanzo mal scritto con una tecnica che annoia e ruota intorno a se stessa. Uno specchio nello specchio dove l'unico che si ritrova e' l'autore. Consiglio un buon Andy McNab. Ugo The Quiet Professional

  • User Icon

    Alessandro

    14/02/2005 23:04:57

    Sniper:Campo di fuoco,è uno dei migliori libri del grande Alan Altieri,secondo solo,secondo me a Kondor,un vero capolavoro.Sniper è il primo della serie di 3 sulle missioni di Russel Kane,master Sniper dei SAS.Auspico veramente che l'ottima Editrice TEA accelleri le ristampe degli altri romanzi di Altieri,tra cui gli altri due capitoli di Sniper,in cui l'azione ed il tecnicismo militare,preciso ed accurato,uniti ad una grande trama adrenalinica sono assicurati al massimo.

  • User Icon

    alexfaina

    24/01/2005 10:55:43

    indubbiamente un ottimo libro, ben curate le descrizioni e molto viva l'azione,ma trovando qualche pecca,c'è da sottolineare che il protagonista è poco umano ovvero un pò troppo rambo...per il resto consiglio vivamente la lettura a chi è appassionato di sniper&spotter

  • User Icon

    maurizio

    20/06/2004 14:25:07

    Altieri è uno dei migliori autori di gialli nel panorama italiano ma non gode della fama e del successo di critica di altri autori meno dotati. Da Città Oscura in avanti ha creato un mondo parallelo con intrecci tra complotti di mafia, corporazioni industriali e apparati spionistico-militari, più o meno deviati, con storie complesse e articolate che si intrecciano tra loro. Nei suoi romanzi quasi tutto può essere risolto da una canna rigata e Sniper 1 non fa eccezione. In effetti, è un'opera "minore" lontana dai complessi intrecci di Kondor o Ultima Luce, tanto che a suo tempo venne pubblicata, insieme ai due sequel, su Segretissimo, rimarcandone la connotazione quasi pulp & popular. Comunque si tratta di una lettura gradevole per gli appassionati del genere, le cui sfumature e i riferimenti incrociati possono essere apprezzati in pieno solo dai fan della prima ora dell'Autore. Una peculiarità di Altieri è che nelle riedizioni delle sue opere, come in questo caso e nell'Uomo esterno, rielabora il testo originale attualizzandolo alla realtà odierna: è un esempio insolito di una letteratura "evolutiva". Come se Le Carrè sostituisse il KGB con Al Qaida.

  • User Icon

    Alex

    21/04/2004 19:37:12

    Sono un estimatore del grande Altieri,praticamente ho letto tutti i sui libri, a comincire da Città Oscura ed ero in attesa da una vita che pubblicassero la trilogia dello Sniper che mi mancava. Tuttavia una volta finito il romanzo devo ammettere di non essere stato soddisfatto dalla lettura,infatti la trama e l'azione non mancano mai,ma devo dire che comincio ad essere un po stufo dalla repititività di certe situazioni e in particolar modo di alcuni dialoghi.Anche il personaggio mi è sembrato più un super eroe alla Rambo rispetto ai suoi predecessori che per quanto stereotipati mantenevano comunque una certa somiglianza con la realtà.Comunque è proprio il pelo nell' uovo!!! Da leggere.

  • User Icon

    Rikyboss

    07/04/2004 09:53:27

    E' il romanzo che mi ha fatto scoprire Alan D. Altieri. Da allora non l'ho mai abbandonato. Leggere i suoi romanzi è come vedere un film di John Woo, con una differenza. Per Woo la trama è solo un pretesto per l'azione. Il nostro Alan invece ci regala storie originali e intrecci avvincenti, conditi con dosi abbondanti di azione adrenalinica, e non ci risparmia colpi di scena e finali a sorpresa. E questo vale sia per le storie di guerra e special operations ambientate ai giorni nostri, come nel caso della "trilogia dello sniper", che per la guerra futura fanta-tecnologica, vedi per esempio il bellissimo e giustamente premiato "Kondor", che per i gialli immediati come "Corridore nella pioggia" o "L'uomo esterno", che per i complessi ed intricati polizieschi come i bellissimi "Città oscura" e "Città di ombre". Finalmente la TEA ci pubblica la serie dello sniper, che fino ad ora era praticamente introvabile, essendo uscita solo in edicola anni fa... chissà se possiamo aspettarci anche la prossima ri-pubblicazione di "Ultima luce", "L'occhio sotterraneo" e "Alla fine della notte", che sono fuori catalogo ormai da anni...

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione