Candido ovvero Un sogno fatto in Sicilia - Leonardo Sciascia - copertina

Candido ovvero Un sogno fatto in Sicilia

Leonardo Sciascia

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
In commercio dal: 23 marzo 2005
Pagine: 133 p., Brossura
  • EAN: 9788845919619
Salvato in 78 liste dei desideri

€ 9,50

€ 10,00
(-5%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

Candido ovvero Un sogno fatto in Sicilia

Leonardo Sciascia

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Candido ovvero Un sogno fatto in Sicilia

Leonardo Sciascia

€ 10,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Candido ovvero Un sogno fatto in Sicilia

Leonardo Sciascia

€ 10,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 10,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Candido Munafò nasce in una grotta della Sicilia la notte dello sbarco degli americani, nel 1943. E questo romanzo ci fa seguire le vicende della sua vita sino al 1977 in una serie di capitoletti che rimandano a quelli del Candide di Voltaire. La forma del conte philosophique, particolarmente congeniale a Sciascia, gli permette di prendere la giusta distanza - e dà un passo leggero, aereo a questo libro, che per altro è forse il più intimo e segreto fra tutti i suoi romanzi. "Le cose sono sempre semplici" mormora talvolta Candido. E sarà appunto il suo desiderio di nominare le cose con il loro nome a procurargli varie disavventure. Questo giovane mite, testardo e riflessivo finisce per apparire, agli occhi del mondo, come un "piccolo mostro".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,09
di 5
Totale 15
5
8
4
3
3
2
2
2
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    And the Oscar goes to ….

    14/07/2019 06:19:09

    Piaciuto solo l'inizio

  • User Icon

    Sonia

    09/01/2019 10:28:18

    Libro in parte autobiografico, Candido ed il suo scrittore hanno gli stessi sentimenti sulla letteratura, su Parigi e sul partito comunista

  • User Icon

    veronica

    19/09/2018 09:04:24

    Sciascia si conferma, anche in questa rivisitazione del Candido di Voltaire, uno dei più grandi scrittori del Novecento italiano. E avendo caratteristiche nel suo stile dovute: sia alla sua terra natia, sia alle sue idee politiche, sia al periodo storico in cui scriveva e sia alla sua vastissima conoscenza, che lo rendono punto per me di ritrovo e di continuo apprendimento. Il " suo" candido non ha nulla da invidiare a quello di Voltaire. Consiglio vivamente la lettura di questo piccolo capolavoro.

  • User Icon

    Gabriele

    24/11/2014 14:45:56

    Noioso romanzo, parodia di una parodia (il Candido di Voltaire, neanch'esso riuscitissimo), uno dei peggiori libri di Sciascia che, da grande scrittore qual è, offre anche qui uno stile brillante. Ma l'ironia slegata dal noir non è nelle sue corde. Inizialmente l'idea sembra buona e i primi capitoli scorrono come nei suoi migliori libri, ma andando avanti nella lettura la mancanza di una trama forte, di colpi di scena, delle tipiche descrizioni sciasiane di intrighi e bassezze locali rende la storia prevedibile e poco appassionante. Lo Sciascia "filosofico" non funziona come il giallista. Un testo di cui si può fare a meno.

  • User Icon

    gianni

    03/09/2014 21:45:29

    La consueta intelligenza, ironia, disincanto e illuministica fiducia nella ragione dell'unico Voltaire, forse, delle patrie lettere italiane. Grandiose le pagine sulla contorta dinamica interna del Pci dei bei tempi.

  • User Icon

    Valentina

    27/06/2013 10:13:27

    Un romanzo che riesce a raccontare con acutezza non solo la storia di un personaggio, ma anche un pezzo di storia d'Italia, mantenendo la sveltezza della penna di Voltaire a cui Sciascia si ispira. Ci sono pagine di ironia gustosissima come quelle in cui il funzionario del PC cerca di scoprire chi è Fomà Fomic, citato da Candido.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    27/09/2009 16:35:11

    Leonardo Sciascia trae spunto dal romanzo filosofico di Voltaire per scriverne uno lui stesso, a cui dà come nome Candido ovvero Un sogno fatto in Sicilia. La vicenda di Candido Munafò è la storia di un vero e proprio eretico, di un individuo la cui rettitudine è talmente connaturata da respingere ogni compromesso, da rifiutare qualsiasi forma di ipocrisia, al punto di risultare dirompente non solo per l’assetto familiare, ma anche per quello sociale. E’ talmente diverso, talmente cristallino e alieno dal più piccolo gioco d’interesse da costituire una vera e propria mina vagante che dove passa lascia il segno, una sorta di morbo di cui una società imbastardita da connivenze, interessi particolari e lotte di potere ha più che un vero e proprio timore. Ma Candido non esisterebbe se non ci fosse la presenza di un uomo tormentato da tale situazione, che è cosciente dei difetti macroscopici della società, ma che è costretto ad accettarli, quasi che questo mondo fosse il migliore di quelli possibili. E’ il suo istitutore, Don Antonio Lepanto, prete che verrà espulso e che per forza di cose deve approdare a un’altra chiesa, cioè il Partito Comunista, dove, pur accorgendosi di tutte le contraddizioni nefaste, rimarrà, perché al di fuori di questa struttura per lui non c’è salvezza. Candido è talmente immune da secoli di irreggimentazione dell’umanità che non è comunista ideologicamente, bensì naturalmente, tanto che non concepisce che possa esistere la proprietà e lui stesso, che per eredità di terreni ne ha tanti, cerca in tutti i modi di liberarsene per darli ai contadini, osteggiato in ciò dal partito. Il ragazzo, ormai maggiorenne, finirà per abbandonare le ideologie strutturate e burocratizzate dall’uomo per tornare all’aspirazione naturale, all’anarchia. Di tutti i romanzi di Sciascia questo è senz’altro quello che preferisco, sincero, a tratti anche commovente, per nulla greve, ha la magia di un sogno, appunto di un sogno fatto in Sicilia.

  • User Icon

    Piero

    29/03/2009 16:51:25

    E Sciascia dimostra che quando si ama la letteratura tutto lo è. Se il Candido di Voltaire ha inspirato questo libro, il suo fa venire il senso di una poesia in prosa. Un sogno che mai è reale, ma che nel pensiero del lettore è assolutamente certo. Un percorso guidato da Voltaire che porta a Sciascia a raccontare quello che una persona sogna e fa con i suoi sogni. Un libro idilico, una lettura reale, un retrogusto indimenticabile, un piccolo gioello fatto della materi prima di Voltaire e modellato dal siciliano Sciascia..a Parigi, dove tanti sogni...

  • User Icon

    Emiliano

    07/06/2006 04:27:14

    Un libro che parte un pò lento, riprende tutta la sua classe immediatamente per tenere un livello altissimo come sempre tenuto da Sciascia. Semplice e disarmante.

  • User Icon

    Maria

    14/07/2005 13:28:06

    ".....noi siamo quello che facciamo. Le intenzioni, specialmente se buone, e i rimorsi, specialmente se giusti, ognuno, dentro di sè, può giocarseli come vuole, fino alla disintegrazione, alla follia. Ma un fatto è un fatto: non ha contraddizioni, non ha ambiguità, non contiene il diverso e il contrario.......domandare, inquisire, inseguire non sarebbe valso se non a complicare dolorosamente tutto ciò che era stato semplice, vero..." Un libro da leggere, non soltanto per il suo stile perfetto e per le sue citazioni, riferimeti e allusioni, ma, soprattutto, per la narrazione di una storia improbabile con avvenimenti e fatti quotidianamente reali. Forse, a volte, si avverte un pò troppo distacco, come se una vita, un insieme di mente e di cuore, fosse troppo "facile" per spiegare il dolore e la gioia, la complessità e la semplicità. "......e se l'insieme di tante verità fosse una grande menzogna? Un domanda semplice che potrebbe trovare una risposta semplice."

  • User Icon

    Holden

    06/07/2004 04:54:41

    Il mio libro preferito di Sciascia. Letto quando avevo 10 anni. Magari me lo rileggo ora dopo 20 anni...

  • User Icon

    Sasso

    23/05/2004 01:31:51

    No, niente a che vedere con il capolavoro di Voltaire. Con tutta la stima letteraria per Sciascia (dal punto di vista politico ha spesso espresso opinioni discutibilissime), questo romanzetto risulta risaputo, velleitario e inconcludente.

  • User Icon

    Antonello Ciappesoni

    29/08/2003 22:03:48

    Una lettura obbligata e staordinaria per gli amanti del Candide di Voltaire ed il Candido in Italia di Giovanni Mosca. Difficile fare una graduatoria dei tre.

  • User Icon

    davide vesigna

    16/02/2003 09:07:17

    èuno dei libri più belli e sorprendenti che abbia mai letto

  • User Icon

    EDOARDO

    04/09/2002 23:24:32

    In questo racconto viene fuori il talento narrativo di Sciascia : egli sa proporci sia una prosa complessa e profonda propria delle sue opere più drammatiche e ad alto contenuto di impegno civile, sia cimentarsi con grande successo in una scrittura leggera, a tratti venata di un sottile umorismo. L'ispirazione all'opera di Voltaire è ovvia, ma Sciascia conserva una sua originalità. Per chi è abituato allo Sciascia "giallista" può essere un interessante diversivo.

Vedi tutte le 15 recensioni cliente
  • Leonardo Sciascia Cover

    Scrittore e uomo politico italiano. Esordisce sotto il segno di una prosa poetica (Favole della dittatura, 1950; La Sicilia, il suo cuore, 1952) che lascia però presto il passo ad una vena che si rivelerà per lui più feconda. A dire dello stesso Sciascia, la sua cifra più autentica affonda infatti le radici in «una materia saggistica che assume i modi del racconto». Questa direzione è subito evidente fin da Le parrocchie di Regalpetra (1956) e Gli zii di Sicilia (1958), che mostrano come gli spunti di cronaca isolana si sappiano fare pretesto e cornice per indagare sul costume sociale e le sue degenerazioni.Esempi ancor più compiuti in tal senso saranno Il giorno della civetta (1961) e A ciascuno il suo (1966), che affrontano il tema... Approfondisci
Note legali