I cani e i lupi - Irène Némirovsky - copertina

I cani e i lupi

Irène Némirovsky

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Marina Di Leo
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 23 gennaio 2013
Pagine: 240 p., Brossura
  • EAN: 9788845927706

37° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa straniera - Classica (prima del 1945)

Salvato in 250 liste dei desideri

€ 8,00

€ 10,00
(-20%)

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

I cani e i lupi

Irène Némirovsky

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


I cani e i lupi

Irène Némirovsky

€ 10,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

I cani e i lupi

Irène Némirovsky

€ 10,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 10,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Le basta vederlo una volta sola, quel bambino ricco, ben vestito, dai riccioli bruni, dai grandi occhi splendenti, che abita nella meravigliosa villa sulla collina e di cui dicono sia un suo lontano cugino, per essere certa che lo amerà per sempre, di un amore assoluto e immedicabile. A Kiev, la famiglia di Ada abita nella città bassa, quella degli ebrei poveri, e suo padre appartiene alla congrega dei maklers, gli intermediari, quegli umili e tenaci individui che si guadagnano da vivere comprando e vendendo di tutto, la seta come il carbone, il tè come le barbabietole. Fra le due città sembra non esserci nessun rapporto, se non il disprezzo degli uni e l'invidia degli altri. Eppure, quando il ragazzine Harry si troverà di fronte la bambina Ada, ne sarà al tempo stesso inorridito e attratto: "come un cagnolino ben nutrito e curato che senta nella foresta l'ululato famelico dei lupi, i suoi fratelli selvaggi". Molti anni dopo il destino li farà rincontrare a Parigi: e Harry cederà a quella misteriosa attrazione del sangue che Ada esercita su di lui.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,61
di 5
Totale 62
5
45
4
9
3
7
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Lucia17

    14/05/2020 18:10:17

    1914 – La piccola Ada vive nel ghetto povero della città di Kiev, un giorno incontra un suo coetaneo, riconosce subito l’amore nonostante la sua giovane età, sente un forte richiamo mentre osserva piena di ammirazione il piccolo Harry, dall'aspetto ben curato che la vita agiata gli ha regalato. Le loro vite seguono percorsi diversi fino a quando il destino li porta ad incontrarsi nuovamente, adesso sono diventati adulti ma il sentimento forte non si è mai sopito, Ada cerca di avvicinarsi ancora una volta ad Harry sorprendendolo con un regalo che gli fa recapitare a casa. Un romanzo che evoca tenerezza ma al tempo stesso una passione quasi selvaggia che l’autrice descrive con uno stile raffinato.

  • User Icon

    cecilia

    11/05/2020 09:54:23

    Sarà perché "Suite francese" mi ha soddisfatto parecchio, ma questo romanzo precedente all'altro e osannato alla grande non mi convince per niente. Buona la prima parte ambientata nel ghetto ebraico di Kiev, decisamente meno la seconda parte a Parigi. L'autrice pubblicava spesso i suoi scritti a puntate su diverse riviste, prima di assemblare il tutto in un romanzo: ecco, a volte leggendo "I cani e i lupi" viene da pensare che quella struttura a puntate persista, pregiudicando il risultato finale.

  • User Icon

    robbie

    26/01/2020 19:10:34

    Considero questo libro così come Jezabel il capolavoro dell' autrice.Scritto benissimo,avvincente,mai scontato,è forse questa l'opera in cui si avverte di più il richiamo della Nemirovsky alle sue origini ebraiche.

  • User Icon

    serafini lino pasqualino

    21/10/2019 07:15:12

    come sempre la Nemirovsky non delude, buona scrittura e bella trama.

  • User Icon

    Dani

    25/09/2019 20:45:41

    La penna della Nemirovsky non delude, un romanzo profondo, che apre uno spaccato sulla cultura ebraica, come protagonista una donna forte custode di un sentimento che il tempo e le difficoltà che le vita le riserva non riusciranno in alcun modo a scalfire... Super consigliato!

  • User Icon

    Ilaria

    25/09/2019 08:39:49

    Carino, ben scritto, ma sicuramente non il più bel libro della Nemirovsky...decisamente meglio "Jezabel"!

  • User Icon

    MARINA

    20/09/2019 09:32:27

    I cani e i lupi Un libro non all'altezza dell'autrice Avete presente quei film in cui i protagonisti recitano male e si salvano (in parte) solo per i comprimari?Ecco i due protagonisti, Ada e Harry sono così, da un punto di vista psicologico, enfatici, proferiscono in continuazioni frasi scontate, tutto il libro è scontato, in una salsa romantica. Più che altro sembra un romazo rosa. Non è una brutta lettura, anzi scorre velocemente, ma della Nemirovsky ho letto molto di meglio.

  • User Icon

    Alessandra

    20/09/2019 08:32:02

    Lei non sbaglia un libro. Lei è la Regina delle emozioni. Questo libro è sconvolgente e meraviglioso allo stesso tempo. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    Annalisa

    19/09/2019 13:25:08

    Secondo me una delle oper migliori della Némirovsky, è un racconto delicato e intenso come pochi. Si legge tutto d'un fiato e resta nel cuore. La forza d'animo di Ada, le sue vicessitudini e la storia d'amore con Harry non la dimenticherete.

  • User Icon

    Egome

    28/08/2019 13:59:59

    Ada e Harry. Una storia che inizia da bambini in una Kiev dove gli ebrei sono già ghettizzati dallo stato sociale. Lei vive nella città bassa, quella degli ebrei poveri, lui nel quartiere dei ricchi. Quando lo vede, lei si innamora a prima vista, certa che lo amerà per sempre; lui, attratto, ma freddo e schivo, incapace di corrispondere il sentimento così profondo di lei, per lo status sociale che li separa. Si ritroveranno in Francia, lei sposata con il bizzarro e spiantato cugino Ben, vive facendo la sarta e dedicandosi alla pittura; lui sposato con la ricca Laurence Delarcher, figlia di facoltosi banchieri. Un libro (che Ada invierà in anonimo ad Harry) e un quadro di lei (che Harry comprerà per caso) saranno l’occasione di un nuovo incontro fra i due che inevitabilmente sfocierà in una relazione clandestina. Inevitabilmente le due famiglie si sfasciano. La loro storia però è destinata ad un epilogo triste, innescato dal probabile, imminente crak della banca dei Delarcher e dalle trame del perfido Ben, coinvolto negli affari della famiglia Delarcher. I due amanti dovranno separarsi definitivamente e per Ada - pur forte e temprata - ricomincia un periodo di incertezza, di solitudine, temperata dal suo amore per la pittura e da una inaspettata sorpresa… Brava e sensibile la Nemirovsky nel tratteggiare storia e stati d’animo dei personaggi, ma rimane un po’ di delusione per chi ha letto ‘Jezabel’, ‘Due’ , ‘Suite francese’.

  • User Icon

    Bookena

    18/08/2019 08:07:20

    Semplicemente stupendo come tutte le opere di Irène Némirovsky.

  • User Icon

    Ross

    08/04/2019 21:52:47

    È il primo libro che leggo della Nemirowski e l'ho amata. Mi sono ritrovata nel ghetto ebraico inseguendo Ada e Ben, con la tachicardia. Poi con il libro tra le mani e le lacrime agli occhi e il fiato spezzato. È stato un viaggio fantastico e l'autrice una vera e propria scoperta. Lo consiglio a tutti coloro che amano entrare a far parte delle storie che leggono.

  • User Icon

    Matteo

    11/03/2019 19:38:11

    Ada, la protagonista , entra in scena con la delicatezza dei gesti paterni tesi a proteggerla dal freddo. Intermediario ebreo, il padre, appartiene alla sfera bassa del ceto borghese; vivono ad un passo dal ghetto nella provinciale Kiev, una fra le tante città dello sterminato impero. Una scrittura lieve mi cattura e lo sguardo della bambina mi fa vedere ciò che avevo dimenticato di aver visto: l’alone sul vetro di una finestra lasciato dalla testa appoggiatavi, i giochi con gli anelli di fumo, lo sguardo dal basso verso una realtà ancora impossibile da decifrare. Una zia, vedova e arrivista, irrompe sulla scena, con lei due figli, un maschio e una femmina , quest’ultima mezzo per realizzare il tanto desiderato riscatto sociale perché gli ebrei sono capaci di salirla, la scala sociale, “fino ad altezze vertiginose”. Invidia, divieti, ricchezza e povertà, speranza e un eterno movimento in verticale dalla città bassa a quella alta passando per la città di mezzo dimenticando e rinnegando identità, cultura e religione schiacciati dal peso di un atavico destino. Sullo sfondo i mesti, gli onesti , strisciano, rasenti ai muri, sperando di non essere visti. La Storia ne inghiotte uno :il padre. Ada cresce e con lei la vicenda che, frettolosamente, intrecciandosi con quella del ricco cugino - cagnolino ben nutrito e curato, impaurito dall’ululato famelico dei lupi, suoi fratelli selvaggi - va a naufragare come in una dissolvenza malriuscita . Mentre gli eventi precipitano la maestria nel tratteggiare i caratteri e i più reconditi pensieri e le emozioni e i sentimenti nella vasta gamma che solo il reale può offrire si alterna ad una scrittura tesa a declinare impietosamente l’ “insolenza giudea”.

  • User Icon

    GiuliaM

    11/03/2019 14:53:29

    è una storia sul richiamo del sangue e delle origini, la più “ebrea” fra quelle lette finora della Nemirovsky. I cani sono gli ebrei ricchi, ‘domati’ dal benessere, i lupi sono gli ebrei poveri, famelici e disperati... due modi diversi di vivere la società, di vedere il mondo ma pur sempre due rami nati da uno stesso albero. Stile e scrittura sempre meravigliosi!

  • User Icon

    Carmine

    17/09/2018 23:01:28

    All’inizio di questa storia ci troviamo nei pressi di Kiev e la città è divisa tra gli ebrei del ghetto e coloro che hanno fatto il salto di classe, ovvero quelli che sono riusciti ad arricchirsi e disprezzano ogni cosa e persona che hanno lasciato dietro di sé. La divisione sociale, accuratamente descritta dall’autrice, è fondamentale allo sviluppo del romanzo, i cui protagonisti sono Ada, Ben e Henry, figli dello stesso sangue, destinato a rimescolarsi superando le stesse divisioni sociali che sembrano più forti di loro. Ada e Ben Sinner vivono entrambi nel ghetto, ma il loro cugino Henry, mai conosciuto, ha avuto una sorte migliore solo perché nipote di un parente più ricco. E se la prima crescerà convinta di essere destinata al cugino, così Ben con gli anni maturerà un odio sempre più profondo verso quella parte della famiglia più fortunata, un odio alimentato dalla povertà e dagli stenti. Quella scritta da Irène Némirovsky è la storia di un ciclo che si ripete uguale ogni volta, un passaggio continuo tra bassifondi e alta società, senza che però lo statuto reale dei protagonisti cambi realmente e definitivamente in altro. Ma è attraverso questi viaggi tra le diverse sfere della società che appare il vero io di Ada, Ben ed Henry al lettore – e sebbene i primi due non riusciranno ad aggrapparsi a una vita più degna di essere chiamata tale, ed Henry non sperimenterà per molto tempo la sconfitta – i cani scopriranno di non essere poi tanto diversi dal lupo, che dopo tutto si è diversi solo apparentemente. Così come “David Golder”, “I cani e i lupi” è tra i romanzi più ebrei che Irène ha scritto, ma soprattutto attraverso questo ci viene dato una descrizione dettagliata di cosa fosse l’orgoglio ebreo e la situazione degli ebrei orientali durante il periodo dei Pogrom .

  • User Icon

    Hadar

    30/08/2018 14:13:13

    Libro intenso sua nella scrittura magnifica sia nel gioco delle emozioni. Come un vero eccellente libro ti lascia qualcosa dentro che riesci ad assaporare giorno dopo giorno

  • User Icon

    angelo

    28/03/2018 15:57:09

    Ingredienti: una ragazza di umili origini innamorata fin da bambina, un suo coetaneo di ricca famiglia sempre osservato da lontano, due vite in primo piano che si avvicinano ed allontanano più volte tra Kiev e Parigi, l’ossessione tipicamente ebrea per i soldi come sfondo di contorno. Consigliato: a chi crede nel richiamo del sangue e dei legami familiari, a chi è costretto a vivere da cane mansueto tra lupi spietati.

  • User Icon

    Elisabetta

    14/12/2015 11:22:14

    Qualcuno prima di me ha definito questo libro 'un'opera da comodino noiosa e inutile', io non posso che definirlo un'opera splendida che ti tiene sveglia alla sera e ti fa alzare presto al mattino per proseguirne la lettura. Quello che amo di questa scrittrice e che mi spinge ad approfondirne la 'conoscenza', più che le storie in sé sono lo stile e la profondità d'animo che sgorga da ogni immagine. Il titolo già di per sé spiega tutto; i cani sono gli ebrei arricchiti che, strada facendo, hanno mitigato, per via dei contatti con la buona società e degli agi dati dal benessere, quell'ansia da lupi famelici e disperati propria invece degli ebrei più poveri. Nello specifico, Harry appartiene alla prima categoria e Ada alla seconda. La Némirowsky dipinge la propria razza senza filtri e lascia trasparire sentimenti assai contrastanti, una sorta di amore e odio verso i propri simili. Disprezzo per quella smania di accumulare e di ostentare benessere e ricchezze e per l'atavico terrore di sprofondare di nuovo nel baratro della povertà, orgoglio per la tenacia e l'arte d'arrangiarsi del proprio popolo, e in fine tenerezza per quel sentire potente e selvaggio che non permette di amare se non di un amore assoluto e divorante. Quell'amore selvaggio e indiscusso che Ada nutrirà e concederà soltanto ad Harry per tutta la vita. I sentimenti in questo bellissimo libro sono potenti, la scrittura quanto di più bello si possa trovare!

  • User Icon

    marta

    26/12/2014 15:22:54

    Il libro più ebraico tra tutti quelli di Nemirovsky che ho letto finora. Mirabile la descrizione del ghetto e la vita di Ada e Ben da bambini in questo. Struggente la descrizione della loro vita a Parigi da adulti. Il solito stile raffinato e coinvolgente, privo forse dell'ironia presente in altri romanzi ma sempre magistrale.L'archetipo della fiaba è ricostruito con note assolutamente originali.E' presente pure un omaggio all'arte della pittura. Da leggere

  • User Icon

    Nicola59

    27/11/2014 10:08:46

    Bellissimo, leggendo le ultime righe mi sono commosso. Ada è uno dei personaggi più belli e amati che ho incontrato nelle mie letture. La scrittura è sempre chiara e scorrevole, bastano poche pennellate per descrivere gli stati d'animo, i sentimenti dei personaggi. E' stato un vero piacere leggerlo: è nella mia personale "Hall of Fame".

Vedi tutte le 62 recensioni cliente
  • Irène Némirovsky Cover

    Scrittrice ucraina di religione ebraica.Irène Némirovsky, figlia di un ricco banchiere ebreo, fin da giovane venne allevata in modo da parlare fluentemente il francese. Della sua educazione si occupò infatti la tata Zezelle, di madrelingua francofona: la madre di Iréne, Anna Margoulis, non si interessava particolarmente alla formazione della figlia. Oltre al francese, la piccola imparerò il russo e l'inglese. Ben presto purtroppo le leggi razziali cominciarono a mordere: la famiglia Némirovsky si trasferì prima a San Pietroburgo, poi in Finlandia, infine in Svezia.Finchè, nel luglio del 1919 si stabilirono definitivamente in Francia, dopo un avventuroso viaggio in nave. Sembrava che tutto fosse tornato come prima: la famiglia comprò... Approfondisci
Note legali