Canti Carnascialeschi - Lorenzo de' Medici - ebook

Canti Carnascialeschi

Lorenzo de' Medici

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 421,51 KB
  • EAN: 9788833461526

€ 1,49

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

I "Canti carnascialeschi" sono le canzoni che si accompagnano ai divertimenti del carnevale dal Quattrocento in poi, particolarmente diffusi a Firenze nei secoli XV e XVI nelle mascherate carnevalesche. Le mascherate che rappresentavano divinità mitologiche e personificazioni di virtù erano dette "Trionfi", quelle di mestieri o condizioni d'uomini "Carri". Questa trovata per festeggiare il Carnevale si attribuisce a Lorenzo il Magnifico, che la sostituì alle preesistenti canzoni a ballo cantate da uomini mascherati a guisa di donne e di fanciulli. Per la maggior parte, i canti carnascialeschi hanno forma metrica affine alla ballata. Uno dei più noti, il "Trionfo di Bacco ed Arianna" è presente in questa raccolta.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Lorenzo de' Medici Cover

    (Firenze 1449-92) uomo politico e letterato italiano. Figlio di Piero di Cosimo e di Lucrezia Tornabuoni, seguì, adolescente, le lezioni di G. Argiropulo, di M. Ficino e di C. Landino. Fu amico di L. Pulci; amò e cantò Lucrezia Donati. Nel 1469, morto Piero, assunse il governo di Firenze, consolidando la signoria con abili riforme costituzionali fondate su un accorto compromesso con le istituzioni democratiche preesistenti (formalmente conservate e anzi valorizzate, in realtà esautorate e svuotate di ogni libertà e autonomia decisionale). Dopo la partecipazione alla guerra veneto-ferrarese (1482-84) e l’intervento risolutore nella congiura dei baroni (1485-86), Lorenzo raggiunse il culmine della sua fortuna politica e divenne il supremo moderatore dei conflitti fra la Napoli aragonese, la... Approfondisci
Note legali