Traduttore: M. Bevilacqua
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
Pagine: 350 p., Brossura
  • EAN: 9788845932267
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Cargo è il più conradiano dei romanzi di Simenon

«Sappiamo che Simenon è un maestro nel creare le atmosfere e gli intrecci. Qui è insuperabile. Le acque limacciose, la vegetazione tropicale, l'afa avviluppano il Croix de vie in un groviglio che appare inestricabile. Perché, ai "peccati" che hanno varcato l'oceano, si aggiungono le dissipazioni della terra ferma. E queste non sono da meno: avventurieri senza scrupoli, commercianti pronti a ogni baratto, bar malfamati, prostitute, una nuvola d'alcol e di sudore che le pale dei ventilatori sembra non riescano mai a disperdere.» - Giorgio Montefoschi

«In queste pagine non c'è assolutamente nulla che appaia inutile, nessun episodio, nessun dialogo, nessuna descrizione di paesaggio che non abbia una sua precisa funzione.» - André Gide

Come in un incubo, sin dall'inizio Joseph perde il controllo della situazione e viene travolto da eventi il cui senso gli è oscuro: prima la fuga da Parigi insieme a Charlotte, la compagna che, "in nome dell'Idea", ha ucciso l'uomo che era stato il suo amante. E che rifiutava di darle il denaro per finanziare il loro giornaletto anarchico. Poi, l'imbarco a bordo di una nave di contrabbandieri, il precipitare in "un universo incoerente, buio e fradicio", l'arrivo in una miniera d'oro colombiana, tra ragni, cimici e ratti, fino a Tahiti, dove Joseph incontrerà il suo destino...

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 13,30 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elena

    05/11/2018 18:12:35

    Questo romanzo è molto opprimente e lento nelle prime due parti per trasformarsi in un autentico gioiello nell'ultima parte. Josef Mittel,il protagonista,è il figlio ventiduenne di due anarchici cresciuto senza amore o punti di riferimento scappa in Sud America per seguire Charlotte una giovane donna cattiva e priva di empatia ricercata dalla polizia per aver sparato al suo amante facoltoso al quale aveva chiesto del denaro.Durante il loro peregrinare in Colombia e poi a Tahiti Jef scoprirà che l'ordine che pensava di aver creato con Charlotte,la loro piccola famiglia, non è mai esistita ma sono semplicemente due persone che si sono aggrappate l'uno all'altra per salvarsi e garantirsi la sopravvivenza senza nessuna unità o lealtà.In questo rapporto già di suo travagliato si aggiunge la presenza del capitano Mopps ,un contrabbandiere che li nasconde sul suo cargo fino in Colombia e si innamora di Charlotte,imponendo la sua presenza e scatenando il putiferio che li costringerà ancora una volta a scappare dalla polizia. Il libro è bello soprattutto per il talento unico di Simenon nel descrivere in modo così reale ed autentico i rapporti interpersonali nei quali non si può fare a meno di rivedersi, ma leggerlo richiede pazienza e forza d'animo a volontà per non cadere nella tentazione di metterlo da parte.

  • User Icon

    Lake's Meadow

    19/09/2018 08:38:34

    La fregatura è quando uno nasce tram ma gli tocca fare il cargo.

  • User Icon

    tommaso

    18/10/2011 13:24:33

    Cargo il cui protagonista Joseph Mittel è un romanzo particolarmente intenso a livello emotivo,alcune pagine fanno soffrire il lettore. Joseph è un giovane malaticcio, insicuro, tubercolotico, il figlio non voluto, cresciuto senza un padre che si è suicidato in nome di un ideale. Proprio a causa di un ideale si ritrova sballottato a seguire da fuggiasco, Charlotte una giovane parigina di umili origini che ha assassinato per la causa anarchica un ricco uomo di affari.Questa fuga porterà Joseph a incontrare personaggi dai tratti reali, meschini, uomini potenti senza scrupoli che hanno una vita disordianata, ripugnante, ma che si sono scelti e non vogliono cambiare come il comandante Mopps del Cargo, Moise, Dominico. In sostanza il genio di Simenon è tale perchè affronta una serie di temi immortali, quali l'amicizia, il rapporto tra uomo e donna, l'adulterio,l'importanza di ricercare una felicità duratura, che niente ha a che fare con la ricchezza, ma che si basa su rapporti umani, sinceri. Mittel dalle proprie peripezie giunge alla conclusione che la propria vita avrebbe avuto un senso solo se si fosse creato una famiglia. Purtroppo la vita sembra essere crudele; l'uomo capisce tal volta troppo tardi i misteri di cui è fatta. Joseph sembra avere trovato, troppo tardi, la donna con cui condividere i piaceri più semplici della vita. Tita è la donna in grado di regalare a Mittel quell'ordine, quella serenità e comprensione che nessuno prima di allora gli aveva dato.Lei lo rassicura, non lo abbandona mai. E' saggia e pura. Coerente nelle parole e nelle azioni, non sguaiata, frivola, meschina e di facili costumi come Charlotte e neppure capricciosa, desisderosa di tutto ciò che vedeva come la madre Bebè, che sembrava ricordarsi di Mittel di tanto in tanto; quasi a ricordargli che non era venuto al mondo per desiderio dei genitori.

  • User Icon

    francesca70

    25/01/2008 10:26:51

    E' vero, il libro in alcuni punti è un pò statico.Cupo e triste come sono tutti i romanzi di Simenon.Ma ogni suo romanzo vale la pena leggerlo.Povero Mittel,finisci nell'immedesimarti nella sua situazione e nella sua solitudine. Ho tovato il libro molto attuale nonostante la data della prima pubblicazione(1936). Consiglio di leggerlo. Leggete anche l'ultimo uscito "Il treno".Non l'ho ancora letto ma sarà sicuramente meraviglioso.

  • User Icon

    Alessio Quatrini

    18/02/2007 14:40:54

    finalmente un libro piutttosto lungo di simenon, l'unico suo difetto è quello di scrivere libri che finiscono subito e vorresti fosero infiniti. Il capitano Mopps è il personaggio più bello, c'è dovunque la sua presenza anche se non è il principale.Poi la francia, panama, colombia e polinesia, viaggi che attraversano i personaggi, non potrebbero mai essere loro senza quei nomi geografici.Barranquilla......

  • User Icon

    Davide G.

    07/02/2007 18:31:26

    I racconti di Simenon ti lasciano una nostalgica amarezza, perchè i suoi protagonisti, come il Mittel di Cargo, sono persone fragili, alle prese con le difficoltà della vita quotidiana e la paura di non sapere come reagire di fronte ai problemi. Proprio come molti di noi da questa parte del libro; noi che ci possiamo benissimo immedesimare in queste vite marginali, dipinte da Simenon magistralmente, e ci affezioniamo alle traversie di questi personaggi come se ci guardassimo allo specchio e contemplassimo ciò che siamo e come viviamo. Ecco, dunque, un altro anti-eroe simenoniano, che però si tramuta in eroe in alcune drammatiche situazioni, proprio come noi tutti, che spesso siamo comparse fragili di fronte agli eventi ma che a volte sappiamo reagire con il cuore e l'istinto di sopravvivenza trasformandoci in indomiti eroi, anche se per un breve fugace lasso di tempo.

  • User Icon

    fabrizio

    24/07/2006 03:42:40

    Stepitosa sintesi di un percorso di vita che ci accomuna tutti. Ci sono descritti gli eventi che segnano il passaggio dall`adolescenza alla fase adulta, alla famiglia, alla nuova liberta`della maturita` e alla fase della riappacificazione finale. E`cupo e a tratti sembra statico, ma decrizioni ambientali e psicologiche sono attuali e coerenti. Amaro, ma mai melodrammatico.

  • User Icon

    unalaura

    13/07/2006 11:47:25

    tutto è sospeso, in stallo, ma l'attenzione viene catturata, trascinata in una lettura vorticosa per arrivare alla fine del viaggio!

  • User Icon

    luca

    15/06/2006 23:30:20

    Un ottimo Simenon, tra i più belli che abbia letto. Ci sono tutte le tematiche care alllo scrittore belga: i tropici, il progressivo estraneamento del protagonista dalla vita "normale", la "pazzia"...da leggere senz'altro.

  • User Icon

    Simone

    09/06/2006 11:22:28

    L'ho letto molto lentamente, e ho potuto apprezzare l'atmosfera dei luoghi descritti. Aleggia sopra tutti i personaggi un senso di sospensione, di incertezza e irrealta'. Nessuno e' quello che sembra, in questo romanzo. Lo sconsiglio a chi soffre di malinconia.

  • User Icon

    vidforull

    08/03/2006 20:18:45

    un buon libro,ma simenon ha fatto di meglio,cmq x 2 terzi ottimo

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Nella vastissima produzione di Georges Simenon vi sono anche quelli che lui definiva romans durs, non connessi al commissario Maigret e non strettamente gialli: Cargo è uno di questi. Scritto al ritorno da una crociera per il Sudamerica e il Mar delle Antille, il romanzo narra la fuga rocambolesca di una coppia di ragazzi poco più che ventenni che, dalla Francia, si imbarca su un cargo diretto a Panama. I due si conoscono nell’ambiente anarchico, ma hanno ben poco in comune: il protagonista, Joseph Mittel, è un giovane spiantato figlio di un famoso anarchico suicida; tubercolotico, sensibile ma ancora indeterminato, ha sempre vissuto all’ombra paterna grazie alla generosità della sua rete di conoscenti, pressoché ignorato dalla madre. Charlotte invece è una risoluta ragazza del popolo che, con il pretesto di servire la causa anarchica, prima estorce denaro al suo ex datore di lavoro e sgradito amante, poi finisce per ammazzarlo. Per sfuggire alla polizia s’imbarcano su un cargo diretto a Panama, lui lavorando in qualità di assistente alle caldaie, lei soggiornando nella cabina e nel letto del capitano Mopps, per arrivare, tra alterne vicende, a vivere prima nella giungla tropicale e infine a Tahiti.

Tra le varie peripezie a catturare l’attenzione del lettore c’è uno speciale senso di mancanza, d’indeterminatezza, di nostalgia perpetua rispetto a una felicità mai conosciuta. La vita di Mittel è dominata da questo senso di perdita. È un ragazzo senza passato e senza nome; non sa cosa fare di sé stesso e allora segue la corrente nella quale si trova invischiato. È per caso che sta insieme a Charlotte, non per amore; così come è un caso che si ritrovi coinvolto come complice di un omicidio, poi fuggitivo sul cargo di un contrabbandiere, poi padre: via via che il viaggio continua è sempre il caso a dirigere la sua vita, non una scelta. Questo romanzo non è la semplice scrittura di una trama avventurosa, è la messa a nudo della precarietà, del falso equilibrio su cui poggia la fragile impalcatura della vita dell’uomo. Anche quando il protagonista, sognando una vaga ma pulita, rassicurante idea di felicità familiare, si batte per creare un po’ di ordine, un evento fortuito torna a disperdere ogni altra possibilità. Non c’è sorpresa in tutto questo: fin dalle prime pagine aleggia un inquieto sentore di catastrofe incombente, e il calore soffocante, l’umidità claustrofobica, la natura opprimente, i miasmi della palude, tutto concorre a confermarlo.

Lo stile è trascinante, l’architettura della storia talmente ben calibrata che davvero ogni descrizione, ogni passaggio appare nella sua consequenzialità addirittura necessario e la lettura – nonostante la mole di pagine sia maggiore rispetto ad altri lavori dell’autore – scorre vorticante. Ma la storia possiede degli echi angoscianti, uno speciale ammonimento che ha a che fare col diventare adulti e un gran pessimismo di fondo. E mostra un’alienazione disturbante: l’estraneità non solo rispetto agli altri, inetti a qualsiasi atto di empatia, ma anche rispetto a sé stessi, alla propria capacità – messa a dura prova – di mantenere la salute mentale; alla propria vita, che non corrisponde a quello per cui si è tanto lottato; persino rispetto al proprio corpo, gracile, malaticcio, limitante.

Così la fuga, che dopo la perdita e l’alienazione è l’altro tratto distintivo del romanzo, assume i contorni di una fuga da sé stessi tentata ma mai riuscita, che si risolve in un perenne vagare disarticolato e senza senso, in miseria e pena. Eroe tragico moderno, Mittel è prigioniero di un percorso non scelto ma subito e tuttavia vissuto al massimo delle proprie possibilità, e perciò teneramente umano.

Quello che di più interessante caratterizza questo autore è il multistrato della sua scrittura: sembra sempre che, oltre le righe, voglia sussurrare al lettore qualcosa di più; a volte cerca di distrarre con elementi utili allo scorrere del racconto ma non al senso del messaggio – in questo caso per esempio la sottotrama del geologo belga, o la misteriosa Barranquilla – veri e propri MacGuffin letterari. Si è condotti per mano in un mondo altro, con una perfetta tessitura narrativa che l’autore svela poco per volta, senza fretta; l’impressione è di incredibile equilibrio e maestria, e di una ricchezza e profondità che si ritrovano solo nei grandi classici. A questo proposito si è detto che Cargo è il più conradiano dei testi di Simenon, e a ragione. La somiglianza a La linea d’ombra è evidente, non solo per l’ambientazione esotica, la vita di bordo o i presagi di follia e morte che aleggiano e tormentano gli uomini – che pure ci sono, e magistralmente evocati –, ma soprattutto per la potenza narrativa e simbolica della scrittura, che attraverso le parole di questi autori diviene il mezzo attraverso cui stimolare la partecipazione emotiva del lettore traslando l’individuale nell’universale: è questo che li rende sempre attuali, immortali.

Recensione di Violetta Marzano