Categorie

Silvio D'Arzo

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2007
Pagine: 141 p. , Brossura
  • EAN: 9788806187026

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiana

    02/08/2016 09.03.41

    Le prefazioni si sa sono noiose, si ha voglia di cominciare a leggere, vien voglia di saltarle, ma in questo caso è necessario almeno sapere che si tratta di una raccolta postuma, nessuno dei racconti è stato pubblicato durante la brevissima vita dell'autore. Così non ci si stupirà delle ripetizioni da un racconto all'altro e soprattutto della loro disomogeneità e del fatto che alcuni siano appena un abbozzo. Forse se leggerete questa mia breve nota potrà anche bastare, ma la prefazione di Affinati è bella e Casa d'altri è davvero una meraviglia. Leggere la prefazione dopo il racconto (e io l'ho riletta) ce lo farà apprezzare un po'di più perchè noteremo qualcosa che ci è sfuggito della splendida struttura. A me comunque non era sfuggita la freschezza e poeticità della prosa, la meravigliosa capacità di descrivere l'accordo fra la natura e la vita degli uomini e quell'uso sorprendente dei "colori" che credo mi spingerà a rileggere ancora e ancora questo testo.

  • User Icon

    spaggio

    10/03/2014 13.46.06

    Merita leggere questa raccolta di racconti, in particolare, ça va sans dire, il racconto che da il titolo al libro, ma non solo (a me è piaciuto anche, per la tenerezza e la malinconia che ne trasuda, il racconto "i due vecchi"). Merita inoltre leggere la prosa di D'Arzo che, nel suo essere datata, ci ridona il gusto del leggere il bello scrivere.

  • User Icon

    Loris

    22/11/2012 11.08.39

    Lo stimolo alla lettura mi è arrivato da una recensione televisiva (CultBook). 'Casa d'altri' in effetti è un racconto notevole, sia per la costruzione dell'intreccio che per la caratterizzazione dei protagonisti. Anche il paesaggio, elemento primario nella narrazione, è evocato in modo suggestivo. Gli altri testi della raccolta oscillano tra bozzetti riusciti (in particolare quelli legati alle vicende di guerra) e prose più di maniera, inclini a una certa malinconia senile, a dispetto della giovinezza dell'autore. È incluso anche il testo della prefazione a un romanzo, utile a comprendere il quadro biografico e storico in cui si è mosso D'Arzo

  • User Icon

    lina

    08/08/2012 20.18.13

    con tutto il rispetto per Montale, non credo proprio di aver letto il "racconto perfetto"! sicuramente il tocco aulico nobilita la prosa dell'autore, ma che le prime due pagine di CASA D'ALTRI siano pedissequamente riprodotte come incipit di uno dei raccontini successivi (senza che questo sia neanche inconsciamente un espediente letterario) mi lascia veramente perplessa. poco più di cento pagine ma poca sostanza.

  • User Icon

    regonaschi mara

    24/07/2012 12.40.11

    Racconti poetici, trasparenti, ma tanto potenti da percuotere l'anima, costretta ad interrogarsi sul senso della vita, tant'è che l'autore chiude sempre i suoi racconti con un aperto interrogativo, per invitare alla riflessione e alla comprensione del messaggio. Il tutto intriso da lucide e vitree descrizioni e da tanta "vecchia" saggezza, perchè "nessuno alle volte sa esser più vecchio di un giovane".

  • User Icon

    Valeria

    18/12/2011 22.51.45

    Un racconto straordinario

  • User Icon

    Toppi Alessandro

    24/09/2009 20.22.54

    "Sette case.Sette case addossate e nient'altro".Sette case e strade non più larghe d'un braccio,piegate dal buio,bussate dal vento.Campanacci di pecore e capre,la pioggia e la neve,poi niente."Niente di niente".Ed in questo niente livido e pesto,che invita a serrare le spalle,abbassare lo sguardo,affrettare le gambe,capita d'inciampare nell'umile che reca in sè il nobile d'una questione suprema.Zelinda è una capra in corpo di donna:"Tutte le mattine alzarsi alle cinque e andare giù in fondo la valle per pigliare gli stracci e fermarsi a mezzogiorno un momento a mangiare olio e pane sopra l'erba di un fosso:e poi venire fino su a monte a pigliar la carriola e andarsene al canale a lavare.Fino alle sei,fino alle sette,e il lunedì fino alle nove di sera.E poi dopo caricare la carriola e tornare su a casa,appena in tempo per mangiare ancora olio e pane e anche un pò di radicchi,e poi ancora andare a dormire".E il giorno dopo fare lo stesso,farlo poi ancora per "tutti i giorni del mondo".A Montelice vive l'ombra d'un prete che veglia sei vecchie e confessa pastori con barbe da santi.Quando ascolta Zelinda si volta,cerca e non trova parole da dire."Senza fare dispetto a nessuno... si può avere il permesso di finire un pò prima?".Senza fare dispetto a nessuno Silvio D'Arzo è partito a 32 anni.Un solo ulteriore respiro ed avrebbe veduto "Casa d'altri" in rivista.Con parole che sanno di mano allungata e confessione fiatata ricorda l'infinito diritto al rispetto che merita ogni carne vissuta.Lasciandoci attoniti a contemplare le ultime lettere di questo scrigno cartaceo dipinto ad inchiostro:"C'è quassù una cert'ora.I calanchi ed i boschi e i sentieri e i prati dei pascoli si fanno color ruggine vecchia,e poi viola,e poi blu:nel primo buio le donne se ne stanno a soffiar sui fornelli chine sopra il giardino di casa,e i campanacci di bronzo arrivan chiari lì giù fino al borgo.Allora mi vien sempre più da pensare ch'è ormai ora di preparare le valige per me e senza chiasso partir verso casa. Credo d'avere anche il biglietto"

  • User Icon

    gianluca guidomei

    16/01/2009 18.43.00

    Ne avevo sempre sentito parlare e finalmente, quando mi sono deciso a leggerlo, ho capito chi è Silvio D'Arzo: uno scrittore potente e sublime. I racconti sono tutti molto belli, ma "Casa d' altri" è assolutamente straordinario: la vecchia Zelinda, delusa e stanca di una vita di solitudine, "una vita da capra e nient' altro", ha un dilemma che la tormenta: è lecito anticipare volontariamente la propria morte senza peccare davanti a Dio, fare uno strappo alla regola? Così ingaggia un duello di sguardi, un incrocio di occhiate con il prete, che è anche il narratore, titubante e timorosa se fargli questa domanda così "pericolosa". Sono due i concetti che emergono dal racconto: uno è l' involontario sentimento di attesa, l' atmosfera di sospensione che si crea tra i due, come quando approcciano due innamorati, ognuno tende vertiginosamente verso l' altro, l' una mossa dall' urgenza di avere una risposta consolatrice, l' altro roso dalla curiosità di conoscere il motivo di tanto interesse. E poi il tema centrale del racconto, il male di vivere. Scriveva D'Arzo all' editore Vallecchi: " Quando si vive come la vecchia, il mondo non è più casa nostra, è casa d' altri; quando un uomo come il prete non ha la possibilità di far niente per aiutare la vecchia, il mondo non è più casa nostra, è casa d' altri". Un linguaggio magico, un autore da rivalutare, uno sguardo lucido sul senso della vita.

  • User Icon

    luca bidoli

    12/11/2007 15.53.01

    Non posso che associarmi, con entusiasmo, agli altri commenti. Un grandissimo racconto, una prosa perfetta, di rara suggestione e bellezza:i temi classici del fluire del tempo, della propria ed altri diversità, spaesamento e solitudine. Non accade nulla- in Casa d'altri e negli altri racconti- eppure tutto un intero universo di simboli, di echi, di suggestioni profonde e umanissime, si concentra in poche pagine. E implode, nella parte più autentica del nostro cervello, quella che è ancora in grado di connettere razionalità ed emozione. Una capacità rara di rarefazione e di accumulo: descrizioni appena accennate, pochi i diloghi, più frequenti i monologhi interiori, una resa dei paesaggi- siano essi appenninici o interni di case cittadine- che svelano l'anima dei personaggi, tutti, a loro modo, degli estranei, dei visitatori di case d'altri.

  • User Icon

    Mario

    12/04/2007 13.34.33

    "La domenica viene dopo sei giorni. Ed è per questo che la chiamano festa. Poi una notte successe qualcosa". 'Casa d'altri', il lungo racconto che apre il libro, è la storia di un'attesa, il resoconto narrato in prima persona di un "tentativo di avvicinamento"; ed è il capolavoro di Silvio D'Arzo, una fra le più originali e indipendenti figure del Novecento italiano, con la sua poetica modernissima e uno stile personale, asciutto e antinaturalistico, permeato delle lezioni degli scrittori anglosassoni. A un curato di campagna, di uno sperduto borgo sull'Appennino emiliano dove "non succede niente di niente", capita di fare un incontro che promette di vincere la monotonia della vita del paese, del ripetersi sempre uguale dei gesti e delle abitudini: una vecchia solitaria e cupa, senza storia e senza affetti, non curante degli altri, "un uccello sbrancato", a sua volta ignorato da tutti. Quella selvatichezza pacata, che pare nascondere una risoluzione o un'azione occultata, suggestiona il prete, ed egli cerca di farsi rivelare quello che sospetta un segreto esistenziale. La donna a sua volta lo mette alla prova e in un colloquio lo interroga sulla legittimità di derogare a una "regola" della Chiesa cattolica. Quale, lo si scoprirà solo alla fine del racconto; intanto il lettore si trova coinvolto in una vicenda dal ritmo sempre più serrato, in un intreccio di tensioni e conflitti, fra pagine dense insieme di concretezza e lirismo, con echi ed evocazioni di un mondo interiore, nel suo svelarsi doloroso e pudico. Lo stesso clima di attesa incalzante si ritrova negli altri racconti qui riuniti: Elegia alla signora Nadier, Due vecchi, Un minuto così. Nei temi comuni della solitudine, dell'isolamento, della "diversità", dell'alienazione dell'uomo nella società contemporanea, c'è la disperazione lucida e modernissima di vivere il proprio tempo e il proprio posto come "casa d'altri".

  • User Icon

    FABIO SCARNATI

    06/04/2007 15.16.38

    CAPOLAVORO. SEMPLICEMENTE IL PIU' GRANDE RACCONTO DEL NOVECENTO. Dal risvolto di copertina: "Casa d'altri è stato definito da Montale un racconto perfetto.Pare fatto d'aria,tanto che si può riassumere in due righe: un'assurda vecchia, un assurdo prete, tutta un'assurda storia da un soldo. Eppure - per la sua capacità di toccare nel profondo il senso della vita - è uno dei racconti più belli del Novecento". Grande D'arzo, la leucemia lo ha portato via a soli 32 anni. Sarebbe ora di riscoprire questo autore e diffonderlo come l'acqua o il pane.Ne vale veramente la pena.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione