Categorie

Agnese Silvestri

Editore: Franco Angeli
Anno edizione: 2013
Pagine: 416 p.
  • EAN: 9788820405953
  L'+le du Diable, che si trova al largo della Guyana francese (Sud America), è oggi deserta. Quando vi fu recluso per alto tradimento il capitano francese, di origine ebraico-alsaziana, Alfred Dreyfus, verso la fine del XIX secolo, essa ospitava un rigido penitenziario dell'Empire colonial français, incubo dei galeotti. Ripercorrendo la storia del processo e della campagna di stampa che portarono l'ufficiale, in seguito riabilitato, a quella condanna, si getta ora nuova luce sul contesto entro cui si svolsero i fatti e sul loro epocale impatto in merito al rapporto fra intellettuali e politica in Europa. Le varie sezioni del volume vertono sulle singole fasi dell'Affaire, con una ricca scelta di articoli di giornale o discorsi ad affiancarne la dettagliata ricostruzione. Dopo la messa in stato d'accusa di Dreyfus per spionaggio a favore dei tedeschi, la Francia si spaccò in colpevolisti e innocentisti: capofila dei primi era la stragrande maggioranza dei quotidiani come dei settimanali, e in genere della "letteratura da marciapiede", esperta nelle facili mitologie da offrire in pasto ai meno istruiti o ai nazionalisti più aggressivi; il foglio antisemita "La Libre Parole" toccava da qualche anno le centomila copie. Furono invece in minoranza, restando però instancabili e ostinate anche quando tutto sembrava perduto, le pubblicazioni a sostegno di Dreyfus, pubblicazioni che sarebbero infine riuscite a squarciare, dati alla mano, la cortina fumogena dei pregiudizi antisemitici e antirepubblicani, grazie al traino di una combattiva élite illuminata: quella di Zola, France, Mirbeau, Monod, Durkheim, Clemenceau e Jaurès. Il clima divenne infuocato. Alcuni dreyfusardi, come il senatore Sheurer-Kestner, vennero aggrediti fisicamente. Ben presto, su Dreyfus si era stretta una morsa: l'antigiudaismo della "Croix", di profilo cattolico, si era saldato con l'antisemitismo dei fanatici à la Drumont e dei nazionalisti come Barrès. Non secondari si dovevano rivelare poi l'apporto del plebeismo di un pugnace ex comunardo quale Henri Rochefort e di settori socialisti ostili al mondo ebraico, in cui semplicisticamente si coglieva il rispecchiamento dell'ombra dei Rothschild e dell'alta finanza. Nemmeno i giornali moderati furono esenti da ambiguità, soprattutto quando si riferivano con accenti critici al secolare "internazionalismo" ebraico. Un aiuto determinante per comprendere la portata storica dell'Affaire viene fornito dagli articoli di Georges Clemenceau qui riprodotti. Politico di rango, egli più di ogni altro denunciò come, a latere del complotto per trasformare la più classica montatura giudiziaria in micidiale collante antidemocratico, si collocasse una ragion di stato che ostacolava il diritto a una reale difesa per la vittima in nome di quella, necessaria e imperativa, dell'esercito, "Arca santa" della patria; specularmente, se è vero che Alfred Dreyfus non ritenne mai l'antisemitismo all'origine dei propri tormenti, è altrettanto vero che i suoi stessi partigiani identificavano la sua causa con quelle, più alte, della repubblica e della democrazia.Per questa via, il caso si configurò, scrive l'autrice, quale "momento di lacerazione sociale, di chiarimento dei referenti etici e ideologici della Repubblica, di discussione degli assetti istituzionali".   Daniele Rocca  

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabrizio Porro

    24/11/2014 17.55.03

    Fu una figura straordinaria quella di Bernard Lazare che ancor prima di Émile Zola si attiva in quel ruolo che fu di Voltaire e di Victor Hugo e che sarà poi anche di Jean-Paul Sartre: quella dell' intellettuale engagé, dell'uomo di cultura che agisce all'interno della società in cui vive , che prende posizione e interviene per affrontare questioni solo apparentemente estranee alla sua professione. Charles Pierre Péguy lo definisce "uno dei più grandi profeti d'Israele". Sí, perché si tratta di un "combattente per la dignità e i diritti individuali dell'uomo" che difendendo il capitano Alfred Dreyfus ha voluto difendere anche e soprattutto la libertà e la giustizia sociale in accordo alle tesi profondamente anarchiche e libertarie. Purtroppo non riuscì a condividere la gioia della riabilitazione di Dreyfus: mori nel 1903, dimenticato dai molti intellettuali che hanno preferito esaltare e valorizzare maggiormente la figura del suo successivo "erede" (legittimo, beninteso) verso il quale aveva per cosi dire "spianato la strada".

  • User Icon

    Fabrizio Porro

    24/11/2014 05.28.19

    Non solo l'anarchico lodigiano Camillo Berneri, amico di Salvemini e corrispondente di Gobetti, fu tra i primi, dall'esilio parigino, a denunciare il crescente razzismo mussoliniano degli anni trenta. Anche l'anarchico ebreo francese Bernard Lazare si dedicò esclusivamente al caso Dreyfus, molto prima di Émile Zola. Ha pubblicato il suo primo articolo, "L'Affaire Dreyfus - Une erreur judiciaire" in Belgio nel novembre del 1896; era in effetti una completa riscrittura di un testo precedente che aveva scritto su richiesta di Mathieu Dreyfus, fratello di Alfred Dreyfus, nell'estate del 1895. Basandosi su un articolo de "L'Eclair" dal 15 Settembre 1896, edizione che ha rivelato l'illegalità del processo del 1894, Bernard Lazare ha confutato punto per punto l'accusa e ha chiesto che la sentenza di condanna fosse rovesciata. Questa tattica conforme più ai desideri della famiglia Dreyfus, come la prima versione del testo era un attacco selvaggio agli accusatori, che termina con la storica frase "J'accuse", poi resa famosa da Émile Zola.

Scrivi una recensione