Categorie

Sebastiano Ardita

Editore: Mondadori
Collana: Saggi
Anno edizione: 2015
Pagine: 192 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804656395

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Carlo

    14/11/2015 14.06.49

    Attilio BOLZONI su Repubblica. Invisibile e spietata è la Cosa Nostra 2.0 Se davvero le Sicilie sono almeno due - quella occidentale e quella orientale - quante mafie esistono nell'isola? Il giudice Falcone e il maxi processo ci hanno svelato che Cosa Nostra è una e una sola. Ma se dovessimo esplorare attentamente gli usi e i costumi degli uomini d'onore e indagare sulla loro origine, scopriremmo che fra "famiglia" e "famiglia" qualche differenza c'è. E anche grande. Per capirne di più bisogna leggere Catania bene scritto da Sebastiano Ardita. Bisogna leggerlo perché è il primo libro italiano che spiega cos'è diventata la mafia oggi: «Un fuoco che cova sotto la cenere e che sta divorando la legalità nel Paese, agisce sottotraccia, s'insinua e si mimetizza nella politica, vuole far dimenticare gli anni delle stragi, anzi la sua stessa esistenza». L'analisi di Ardita è intelligente e coraggiosa insieme, lontana dalle pigrizie investigative che hanno sopraffatto molti dei suoi colleghi ancora tutti concentrati sui macellai stile Corleonesi, cautamente posizionati a non disturbare i potenti. Per descriverci la realtà criminale contemporanea il magistrato parte dalla sua città, Catania, nei suoi vicoli maleodoranti e nel ventre molle dei Palazzi, prova (e ci riesce benissimo) a interpretare i nostri tempi rivisitando il passato di una Catania mafiosamente "governativa" già conosciuta dal giornalista Pippo Fava e dal generale dalla Chiesa. È la storia di un modello mafioso che è diventato dominante, mafia mascherata a braccetto con pezzi di Stato. Finita per sempre l'era dei Riina e Bagarella, la mafia 2.0 sta prendendo un'altra forma: «Somiglierà sempre di più a una loggia segreta dove tutto fa capo alla finanza, e attraverso di essa potrà portare l'assalto al potere politico». Sebastiano Ardita ci avverte: « E' un pericolosissimo modello di governo criminale che sa essere spietato e duraturo. È la Cosa Nostra che ha vinto e che è impossibile disgelare tutta intera.

Scrivi una recensione