Cattivi capi, cattivi colleghi. Come difendersi dal mobbing e dal nuovo «capitalismo selvaggio»

Alessandro Gilioli,Renato Gilioli

Editore: Mondadori
Collana: Frecce
Anno edizione: 2000
Pagine: 172 p.
  • EAN: 9788804476245
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Disponibile anche in altri formati:

€ 7,80

€ 14,46

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 12,29

€ 14,46

Risparmi € 2,17 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Nel libro gli autori raccontano alcune storie di uomini e donne che hanno vissuto in prima persona un'esperienza di mobbing: il dirigente tenuto a digiuno di informazioni per essere rigettato sul mercato come una scatola vuota; l'impiegata statale precipitata in un clan maschile in cui moneta di scambio è il turpiloquio; il giornalista che, insieme a tutta la redazione di un giornale, è costretto a recarsi ugualmente al lavoro per più di un anno dopo la chiusura della testata, senza avere nulla da fare, in attesa di ricoprire un altro ruolo che alla fine si rivela di bassissimo livello... Storie esemplari che rivelano una nuova forma di violenza psicologica legata a una nuova fase dell'economia mondiale. I meccanismi per metterla in atto sono messi molto bene in evidenza dai due autori, che analizzano anche la tipologia del lavoratore su cui viene più frequentemente praticato il mobbing. L'aggressione può iniziare con una serie di allusioni, sguardi, battute, episodi che sembrano casuali e scollegati, per poi proseguire con un attacco che si fa via via sempre più chiaro. Al termine del volume i due autori hanno scritto una sorta di vademecum per imparare a difendersi e a liberarsi dalle molestie morali sul lavoro, in cui vengono anche indicate le strutture che in Italia si occupano del problema ormai abbastanza diffuso (coinvolgerebbe già circa il 4% degli italiani).