copertina

Il cavaliere, la donna, il prete. Il matrimonio nella Francia feudale

Georges Duby

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Laterza
Edizione: 3
Anno edizione: 1991
In commercio dal: 26 gennaio 1987
Pagine: 288 p.
  • EAN: 9788842028413

Nella lista dei desideri di 1 persona

€ 20,00

€ 20,01
(-0%)

Venduto e spedito da Libreria Fernandez

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Claudio Ti

    29/03/2019 09:20:11

    L’ambito di studio dell’Autore abbraccia i secoli a cavallo dell’anno Mille ed i documenti presi in esame sono quelli conservati nei monasteri francesi. Tuttavia, le vicende riguardano un po’ tutta l’Europa post Carolingia, in cui la mentalità era omogeneamente diffusa. Attraverso l’analisi degli scritti di Burcardo di Worms, Guiberto di Nogent, Ivo di Chartres ed altri, Duby ci mostra l’evoluzione della posizione ecclesiastica nei confronti del matrimonio. Ovviamente, i monaci che sono votati alla castità, cercano di imporre ai laici delle regole che limitino la passione nei rapporti tra coniugi e condannano il piacere sessuale: vietato avere rapporti durante tre periodi quaresimali e sempre in tre giorni di ogni settimana. La germanica tradizione del “friedelehe”, cioè della libera scelta di vivere insieme, non può che essere condannata dalla Chiesa, che la definisce “concubinato”. Anche il contrarre matrimonio viene sottoposto a spocchiose limitazioni; se tra i futuri coniugi vi è un rapporto di parentela (o di affinità) entro il settimo grado, il matrimonio assume un carattere incestuoso, è considerato nullo e la coppia doveva divorziare. Tale direttiva fu adottata dal clero senza alcun fondamento teologico. In un mondo in cui si richiedeva di formare coppie di pari rango, i sovrani ed i nobili erano spesso accusati di “incesto”, perché erano tutti imparentati, sia con il marito che con la moglie. Tra il decimo ed il dodicesimo secolo, la Chiesa riuscì ad impadronirsi della cerimonia e pose le basi per far diventare il matrimonio un vero e proprio “sacramento”,

| Vedi di più >
Note legali