Categorie

Aldo Busi

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
Pagine: 172 p.
  • EAN: 9788804501060

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Michele

    02/01/2016 20.01.31

    Un Busi appannato rispetto ad altri scritti; ma sempre e comunque una spanna sopra a tutti gli scrittori che scalano le classifiche di vendita(ora). Testo non di alta leggibilità(nel senso più nobile del termine), che provoca e ghermisce il bestiario umano nelle sue più "umane" piccolezze e contraddizioni. Lo stile come sempre ricco e multistrato.

  • User Icon

    olivia

    18/02/2013 23.52.49

    Solo la grande letteratura può scuotere, risvegliare, plasmare il pensiero, donando una nuova possibilità per una vita migliore.

  • User Icon

    bianca

    18/02/2013 23.39.33

    Un libro scritto in uno stile sublime, travolgente, appassionante, alle volte anche irritante, ma che costringe il lettore ad una continua e serrata e poco indulgente analisi della realtà, propria e altrui... che è poi lo scopo finale di tutti quei pochissimi libri degni d'una immortalità letteraria.

  • User Icon

    gabriele

    13/02/2013 23.17.50

    Scrittore è straordinario nell'eleganza dello stile e nella composizione dell'opera. Una sorta di riflessione amara sulla vita e sul sentire degli uomini, che come mai appaiono in tutta la loro nudità, schietta umanità così meschina, a volte, così triste, anche. E l'estenuante ricerca di una vita, domande che consumano e logorano, alla fine si stemperano in maniera mirabile nella solitudine interiore dalla quale nessuno può sfuggire.

  • User Icon

    clemente

    13/02/2013 22.58.37

    Un libro dalla scrittura affascinante che affronta argomenti profondi, di vita, di morte, d'amore e del tempo che passa, sempre in maniera poetica e personale, portando il lettore ad una riflessione e condivisione di grandi emozioni.

  • User Icon

    felice

    13/02/2013 22.24.08

    E' un libro da tenere sul comodino, da leggere, rileggere, riassaporare insomma!

  • User Icon

    emma

    13/02/2013 08.06.04

    Difficile non dare commenti entusiastici a questo bellissimo libro: potente, efficace, coinvolgente nel racconto.

  • User Icon

    Maurizio Ricci

    03/12/2008 18.06.44

    Credo che ogni parola scritta da Aldo Busi meriti di essere letta e, perchè no, meditata. Non troverete qui il respiro delle opere maggiori, ma anche in questo libriccino ci sono spunti davvero eccellenti, che magari potranno generare futuri sviluppi (su tutti, le scene di vita familiare con la madre....). Gesualdo Bufalino ha scelto per il suo libro più noto il bellissimo titolo "Diceria dell'untore" dopo averne provati diversi, chiesto pareri in giro, scartato ad una ad una le opzioni al pari dei petali di una margherita: non conosco i dettagli del processo mentale di Aldo Busi per arrivare a questo, ma un titolo così lo poteva partorire solo un Genio.... Una nota di merito anche a chi ha scelto il dipinto effigiato in quarta di copertina, dal titolo altrettanto ironicamente geniale.Voto 3/5 al libro, 5/5 a titolo e copertina => Media voto 4/5

  • User Icon

    mauro

    15/01/2008 22.02.47

    Terribile. Il più brutto libro che io abbia mai letto.

  • User Icon

    Blackdog

    10/11/2004 22.52.27

    E' il primo libro di Busi che ho letto. Divertente in certi punti, da leggere ma secondo me non da regalare.

  • User Icon

    Paolo

    26/11/2003 17.07.29

    Libro bellissimo, forte, intenso, divertente: una delle opere più belle di Aldo Busi. Lo consiglio a tutti quelli che di un uomo cercano da sempre la parte assente... la mente, latitante o deprimente.

  • User Icon

    Claudio

    01/02/2003 13.21.39

    Bhe, molto bello, Aldo Busi dimostra anche qui la sua intelligenza, la sua bravura nel descriverti e farti vivere le sue passioni. Sincero e divertente!

  • User Icon

    Giorgio

    14/08/2002 11.41.05

    E' molto più che divertente: architettato molto bene, naturalmente, scritto magistralmente come solo questo autore sa fare (quando non perde di vista la letteratura e diventa una macchietta di se stesso, il che avviene purtroppo!). Qui c'è vero dolore, che pulsa sotto l'irrisione, che è senz'altro la corda migliore di Busi. Fose non è un capolavoro epocale (che definisce un'epoca) come "Suicidi dovuti": ma è ottimo!

  • User Icon

    stefano

    01/06/2002 18.05.44

    assai divertente!

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione