Categorie
Traduttore: T. Dobner
Collana: Pandora
Anno edizione: 2016
Pagine: 516 p.
  • EAN: 9788820060107
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 16,92

€ 19,90

Risparmi € 2,98 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 10,74

€ 19,90

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Nel nuovo romanzo del "re del brivido" il terrore non corre sul filo del telefono ma tra i cellulari. Chi li usa è condannato a perdere il senno, basta accostarli all'orecchio perché un impulso misterioso azzeri la mente dell'ascoltatore trasformandolo in un pazzo omicida. Potete dunque immaginare lo scenario apocalittico che apre Cell, l'ultimo libro di Stephen King: uomini d'affari, ragazzine metropolitane, donne in carriera, automobilisti che non riescono più nemmeno a parlare ma solo ad emettere incomprensibili grugniti, si inseguono e si aggrediscono selvaggiamente tra le strade di Boston sotto lo sguardo inorridito del protagonista Clayton Riddell. Per gli appassionati del genere horror il sangue sgorga a fiotti e il terrore regna sovrano, per gli amanti della suspense il mistero e la tensione abbondano dalla prima all'ultima pagina. La corsa contro il tempo di Clayton, che fugge nel Maine per salvare la moglie Sharon e il figlio Jhonny Gee dalla minaccia incombente del loro telefonino, si trasforma in un'impresa titanica. Tra i resti di un progresso tecnologico ormai sfuggito a ogni controllo e a ogni limite, l'uomo attraversa città svuotate dove la popolazione è allo sbando e le autorità e la polizia completamente impotenti. Al suo fianco si coalizza ben presto un piccolo gruppo di scampati al delirio, Tom, la giovane Alice, Jordan, che lo accompagneranno nella sua avventura per riconquistare all'umanità il diritto di coesistere con la nuova specie dominante.
Lasciandosi affascinare da due temi molto amati dalla letteratura fantasy e horror, la regressione dell'umanità all'orrore primordiale e la rivolta della tecnologia contro l'uomo, King racconta con il suo stile inconfondibile una storia agghiacciante e piena di colpi di scena, ma coglie anche l'occasione per metterci di fronte, attraverso una trama densa di richiami beffardi e ironici, ai falsi miti del nostro tempo. Il disegno occulto di una misteriosa volontà, lo scherzo di un hacker finito male, una tragica casualità sono in attesa dietro l'angolo, dove non è molto il confine che separa realtà e fantasia.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Bookworm

    28/07/2016 10.49.41

    Un horror catastrofico ben congegnato che ti tiene incollato alle pagine dalla prima riga. Stupendo.

  • User Icon

    Roberto

    28/12/2014 18.21.45

    King, King,... cosa mi combini? Questo libro è nella mia librerira ma, diversamente dagli altri del Maestro, ci rimarrà per un bel po' prima che mi venga l'idea di rileggerlo...

  • User Icon

    Ady

    20/10/2014 10.51.41

    Pur avendo letto molte recensioni negative, ho voluto comunque dare una possibilità a questo libro, incuriosita dall'argomento; l'inizio è ottimo, inquietante e interessante, ma piano piano tutto cade nel grottesco, la trama si appiattisce, non viene spiegato nulla di come è stato generato l'impulso, i "telepazzi" sono rappresentati come degli esseri ridicoli, per nulla "cattivi". L'unico personaggio più delineato è il protagonista Clay, del quale King descrive abbastanza bene l'amore per il figlio. Per quanto riguarda il finale devo dire che non mi è dispiaciuto. Il voto è 2,5.

  • User Icon

    Trixter

    31/03/2014 09.16.40

    Discreto romanzo di King, forse un pò troppo lungo e prolisso. Non succede un granchè di eclatante in oltre 500 pagine, a tratti l'autore sembra incartarsi su se stesso ma, nel complesso, dialoghi e narrazione sono più che accettabili. Un libro improntato al puro intrattenimento, più di altre opere del Re. Peccato per il finale, decisamente monco. Consigliabile.

  • User Icon

    Daniele

    26/01/2013 11.59.42

    Non credo a chi dice che se questa storia fosse stata scritta da un altro sarebbe un libro acclamato. In verità è una storia debole, scontata e patetica e a salvarla è solo il fatto che sia scritta da King che ha ormai sempre il suo numero ben sostenuto di estimatori nonostante le ultime opere siano a dir poco scadenti e non più all'altezza del passato. Leggere questo libro è come continuare a masticare lo stesso cibo all'infinito, con tanto di scienza che uccide l'uomo e miracolosa salvezza divina. Bah ...

  • User Icon

    Claudia

    16/11/2011 10.30.33

    Vorrei più che commentare rispondere a chi critica sopra ogni dire questo libro. Questa e una storia che se non avesse scritto King sarebbe piaciuta e acclamata da chiunque, ma siccome il Re ci ha abituato a capolavori di altra levatura allora e un libro facile da denigrare. E ben scitto come al solito scorrevole piacevole ed anche seppur senza grandi colpi di scena un libro che arriva come al solito dove altri non si sognano neanche. E poi scusate perche e King non significa che non possa avere un momento di defaillance anche lui no? per me resta sempre il migliore.

  • User Icon

    Elio

    29/10/2009 19.59.57

    Ordinaria amministrazione per King. Godibilissimo fino alla fine,scritto benissimo come sempre ma privo di particolari sorprese. Se fosse stato scritto da qualcun altro probabilmente staremmo parlando di sorpresa letteraria ma King ci ha abituato a standard veramente molto alti. Anche il finale è ottimo,a volte è giusto concludere in questa maniera un libro o meglio non concludere... L'ho trovato un grande omaggo a Matheson come mi pare abbia detto anche King. Anche se non è un capolavoro,Matheson sarebbe fiero di questo libro.

  • User Icon

    Elisa

    29/06/2009 11.58.56

    Zio Steve ha fatto decisamente di meglio! In questo romanzo cerca di tenersi al passo con la tecnologia, ma il risultato è molto simile alla sceneggiatura di un film horror. La trama è già stata vista e rivista, trita e ritrita...uno "strumento dell'uomo" che causa follia estesa e innesca una spirale di violenza. Io sono di questa idea riguardo ai sentieri già battuti: o sei in grado di rivisitare il tema attraverso qualche colpo di genio ( e zio Steve ha avuto certi colpi di genio in passato da fare spavento a legioni di altri scrittori), oppure lascia perdere. A parte i primi tre o quattro capitoli, il resto è noioso e banale.

  • User Icon

    MatteoF.

    25/01/2009 21.24.05

    L'idea era buona, ma dopo un buon incipit la narrazione diventa noiosa.

  • User Icon

    Shara

    06/11/2008 08.59.16

    Ho finito il libro ieri, King mi piace quasi sempre... questo non è certo uno dei suoi libri migliori ma è coinvolgente, anche se a tratti un po' crudo, scorre veloce e lo molli a fatica (ho fatto tardissimo diverse sere, perchè non riuscivo a smettere di leggere), però... avrei ampliato un po' il finale. Nel complesso comunque è sicuramente un bel libro.

  • User Icon

    Andrea Canton

    13/10/2008 21.05.09

    Personalmente adoro Stephen King, ma questo è un libro senza né capo né coda, come un b-movie dell'orrore per teenagers. Ci si aspetta sempre la svolta, qualcosa che contraddistingua lo stile di King, ma non c'è. Più che un romanzo è un compito che King ha eseguito di malavoglia. Il peggior libro di King, che comunque rimane un grande scrittore.

  • User Icon

    A.M.

    10/09/2008 11.32.52

    Sono arrivato alla conclusione che i voti dal tre al cinque provengono da due tipologie di lettori: quelli al primo approccio con Stephen King e i fanatici dello scrittore, quelli che non lo boccerebbero nemmeno se cominciasse a scrivere romanzi rosa. Signori miei, il trono del Re vacilla più che mai. Se siete ancora in tempo EVITATELO!

  • User Icon

    Davide

    06/07/2008 23.09.14

    Ho finito di leggere il libro pochi minuti fa e devo dire che mi è piaciuto...ovviamente de gustibus però non me la sono sentita di dare meno di 5...è stato uno dei pochi libri che mi ha appassionato già dalla trama e dalla copertina e poi come storia mi è piaciuta subito...il finale beh è un po' scontato, forse troppo tronco però va bene così...questo è il primo libro che leggo del Re e se tutti questi commenti mi confermano il fatto che gli altri sono molto meglio non vedo l'ora di iniziarli :D

  • User Icon

    Antonio

    26/06/2008 12.43.56

    Un libro piacevole da leggere , da brividi la vicenda ke potrebbe anche accadere...e il finale? King ti sei scordato di finire il libro o cosa? Alla fine nn ti lascia con l'amaro in bocca , anzi le papille te le distrugge!!!! Questo è il motivo del 4, il punto in meno l'ha avuto perchè in realtà la fine del libro ti carica di altre domande aggiuntive, oltre a quelle a cui non si è data risposta(tipo: da dove cavolo è arrivato il segnale? oppure perchè lo sfreggiato è quello più capace? ke fine fa il figlio? e qualcun' altra ke nn cito perchè altrimenti i lettori mi ucciderebbero) Un consiglio:accettate tutto ciò che succede solamente per fede, calatevi nei panni non di eroi che risolvono tutto , ma di poveri malcapitati che aspettano che qualcun altro risolvi la questione...secondo me King è questo ke intendeva fare , altrimenti nn mi spiego un finale così.

  • User Icon

    Simona

    23/06/2008 22.47.30

    Bella idea e libro scorrevole, ma... a mio avviso mancano almeno 30 pagine per integrale il finale che sembra in qualche modo incompleto.

  • User Icon

    Maddy

    09/06/2008 12.43.50

    Come sempre King sa cogliere il momento giusto per raccontare il tema giusto. Idea in sé e per sé forse anche buona. Nel complesso noioso. Meno male che c'è la traduzione di Dobner che è sempre all'altezza di tutto e con grande professionalità "solleva" le sorti di un libro qualsiasi. Ma la traduzione da sola non basta. L'autore avrebbe potuto (e forse dovuto) sforzarsi di più.

  • User Icon

    HIt_Man

    24/03/2008 19.18.33

    Si legge bene, scorrevole, puro intrattenimento. L'idea della tecnologia che riporta ai primordi è originale, gustoso ossimoro e critica alla società dei consumi mica tanto velata...

  • User Icon

    Marco Benadir

    12/03/2008 15.42.07

    adoro i romanzi catastrofisti e questo è un eccellente esempio del genere, un romanzo non privo di sbavature (ma non per colpa di King, ma per il pessimo lavoro di traduzione e revisione); nel complesso però incoraggiante e indicativo di un Ritorno del Re.

  • User Icon

    Michaela

    09/01/2008 18.41.53

    Molto interessante la trama anche se un po' splatter come genere;deludente e poco chiaro il finale: anche Clay diventa un cellulato o su figlio torna normale?

  • User Icon

    iamlegend

    12/12/2007 15.55.28

    Innanzitutto condivido l'opinione che questo libro sia composto da alcune parti abbastanza crude e che sia un pò fuori dai canoni letterari di king, ma devo anche ammetere che rispecchia quasi realmente(o almeno per il 40%)quello che accadrebbe in una situazione simile e che riesce a creare dei personaggi indeminticabili. King, non trasformarlo in un film per favore. potevi fare di meglio in onore a matheson.

Vedi tutte le 145 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione