Cent'anni di solitudine. Nuova ediz. - Gabriel García Márquez - copertina

Cent'anni di solitudine. Nuova ediz.

Gabriel García Márquez

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Ilide Carmignani
Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 13 giugno 2017
Pagine: 378 p., Brossura
  • EAN: 9788804675983

54° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa straniera - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Salvato in 1138 liste dei desideri

€ 13,30

€ 14,00
(-5%)

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Cent'anni di solitudine. Nuova ediz.

Gabriel García Márquez

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Cent'anni di solitudine. Nuova ediz.

Gabriel García Márquez

€ 14,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Cent'anni di solitudine. Nuova ediz.

Gabriel García Márquez

€ 14,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (15 offerte da 13,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«Le cose hanno vita propria,» proclamava lo zingaro in tono aspro «è solo questione di risvegliarne l'anima.»

Da José Arcadio ad Aureliano, dalla scoperta del ghiaccio alla decifrazione delle pergamene di Melquíades: sette generazioni di Buendía inseguono un destino ineluttabile. Con questo romanzo tumultuoso che usa i toni della favola, sorretto da un linguaggio portentoso e da una prodigiosa fantasia, Gabriel García Márquez ha saputo rifondare la realtà e, attraverso Macondo, creare un vero e proprio paradigma dell'esistenza umana. Un universo di solitudini incrociate, impenetrabili ed eterne, in cui galleggia una moltitudine di eroi.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,57
di 5
Totale 126
5
95
4
18
3
6
2
4
1
3
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Mandy

    10/10/2020 10:20:41

    Edizione molto bella!

  • User Icon

    marcolaudati

    04/10/2020 12:30:56

    bellissimo, e bellissime sono le descrizione di quei paesaggi, alla fine ci sono stato anche io a Macondo

  • User Icon

    Martina

    09/09/2020 18:05:13

    L'ho letto perché ero molto curiosa, ma non è esattamente il mio genere. Diciamo che è intrigante e caotico, quindi non è scontato.

  • User Icon

    Anastasia Bartashuk

    09/09/2020 08:24:36

    Molto bello, interessante e scorrevole. Lettura piacevole.

  • User Icon

    Very

    04/09/2020 12:23:11

    Libro stupendo, da leggere assolutamente almeno una volta nella vita!

  • User Icon

    Zannik

    19/08/2020 09:04:54

    Romanzo affascinante nella sua stranezza, nomi tutti uguali che si susseguono nel tempo, da senior a junior, ma i nomi non cambiano. È la saga di una famiglia sudamericana che vive un'esistenza disgraziata, tra illusioni, raggiri, speranze frustrate e molta molta solitudine. Un po' demoralizzante e depressivo, ma comunque affascinante. Da leggere.

  • User Icon

    ChiaraB

    04/08/2020 12:52:22

    Un capolavoro!

  • User Icon

    Michela

    28/07/2020 10:09:58

    E' difficile definire la belleza di questo libro; ci si trova a spaziare nell'intrigante storia della famiglia Buendia con i suoi strani personaggi che ti portano dalla favola alla storia e dalla realtà ai sentimenti più profondi; che dire? Bellissimo, ti incanta.

  • User Icon

    HILLARY

    18/06/2020 13:14:27

    Non mi è piaciuto, ma dicono che per amarlo bisogna leggerlo più volte !!!

  • User Icon

    stella

    02/06/2020 11:43:56

    Grandioso

  • User Icon

    AdrianaT.

    27/05/2020 05:39:50

    Non ho voglia di scrivere altro oltre all'affidarmi a due pensieri di Baricco il quale, al solito, dice tutto e meglio: - Ho scoperto, leggendolo, che i sentimenti possono essere repentini, le passioni devastanti, le donne infinite; che gli odori non sono dei nemici, le illusioni non sono degli errori, e il tempo, se esiste, non è lineare: tutte cose che non mi avevano dato in dotazione quando mi hanno spedito a vivere. Gli sono grato per la risposta che, rigirandosi semiaddormentato nella sua amaca, il colonnello Buendía diede un giorno quando lo avvertirono che era arrivata una delegazione del partito per discutere con lui del bivio a cui era arrivata la guerra: «Portateli a puttane». - Sono totalmente, perdutamente e irrimediabilmente innamorata di García Márquez (oltre che di Baricco, ovviamente...). «Taciturno, silenzioso, insensibile al nuovo soffio di vitalità che faceva tremare la casa, il colonnello Aureliano Buendía comprese a malapena che il segreto di una buona vecchiaia non è altro che un patto onesto con la solitudine.»

  • User Icon

    Nastikata

    26/05/2020 09:12:48

    Il romanzo, che ha valso a Gabriel García Márquez il premio Nobel per la letteratura nel 1982, racconta l'insolita storia della famiglia Buendía, che, a causa di un rapporto di parentela fra i cugini capostipiti José Arcadio e Ursula Iguarán e dalla convinzione che da una simile unione debba nascere un figlio con la coda di maiale, sembra destinata a non avere sviluppo. Ma il mito si rivela vano, e ai due coniugi, fondatori del paese di Macondo al termine di un lungo viaggio, è assicurata una discendenza fatta di figli e nipoti destinati a grandi avventure: infinite guerre civili, amori furtivi, odi laceranti, manie parossistiche e passioni cocenti. Alla biografia dei Buendía non si legano solo le vicende della storia colombiana, ma anche straordinari episodi paranormali o di attività di gusto minuzioso, che rendono il testo un esempio eccezionale di realismo magico e narrativa pittoresca: la casa in cui si svolge gran parte delle vicende si popola allora di fantasmi, di figure angeliche rapite in cielo, di animaletti di caramello e pesciolini d'oro, di amanti accompagnati da corteggi di farfalle gialle.

  • User Icon

    Edo

    17/05/2020 20:08:52

    Come descrivere un racconto che ha fatto la storia? Va detto solo che è un classico e che quindi andrebbe letto.

  • User Icon

    Antonio Zhou

    17/05/2020 16:44:49

    Capolavoro assoluto, seguire la storia della famiglia Buendía e la meravigliosa scrittura di Marquez è stato un vero piacere. Un must della letteratura, da leggere assolutamente, un capolavoro senza limiti nel tempo.

  • User Icon

    Ariel

    16/05/2020 23:00:44

    Si tratta di un capolavoro della letteratura moderno e forse piuttosto sottovalutato. Ha una trama piuttosto complessa e può forse essere difficile da seguire almeno all'inizio, ma poi, una volta continuata la storia, il lettore non riuscirà più a staccarsi dalle pagine del libro. E di sicuro il libro migliore della letteratura sudamericana. L’atmosfera a è assolutamente magica ed è impossibile non rimanere stregati da questo incantesimo.

  • User Icon

    Cristina

    16/05/2020 21:12:13

    Questo è il libro degli eterni ritorni e, come suggerisce il titolo stesso, della solitudine che attanaglia gli animi della famiglia Buèndia, protagonisti delle vicende che si sviluppano per un secolo intero. Marquez dipinge i personaggi e i luoghi in un complesso intreccio di eventi in cui tutto cambia per restare com’è. L’elemento magico presente in tutti gli avvenimenti rende questo libro unico nel suo genere. Consiglio di leggerlo tenendo sotto mano la genealogia della famiglia Buèndia!

  • User Icon

    cynthia

    16/05/2020 12:48:17

    Il realismo magico di Marquez e di gran parte degli autori latino-americani è da sempre uno dei miei generi preferiti di lettura. E Gabriel Garcia Marquez ne è il maestro indiscusso. Cent'anni di solitudine è un lungo viaggio nel tempo che segue la famiglia Buendia in un secolo di cambiamenti con cui i personaggi si scontrano per restare imprigionati nel loro inevitabile destino.

  • User Icon

    jack

    16/05/2020 12:28:00

    Questo romanzo è incredibile, a metà strada tra la sfrenata fantasia, il grottesco, e una sana critica morale, una vera perla di originalità. La narrazione di Marquez vi porterà a conoscere la strana storia di una famiglia e della sua discendenza nell'arco di cento anni, con uno stile superbo e una scrittura fluida e piacevole, ho letto praticamente tutto il libro con uno stupido sorriso stampato in faccia. Il sarcasmo pervade tutto il romanzo come lo zucchero a velo sul pandoro, impossibile resistere. Attenzione pero', il vero messaggio è sempre presente, sempre percepibile, è lì, in ogni pagina, in ogni evento assurdo raccontato, sembra nascosto nell'ombra ma lascia il segno. Geniale.

  • User Icon

    carlotta

    16/05/2020 08:51:13

    Iniziato, abbandonato e poi ripreso. È stata una lettura complicata per molti aspetti: i nomi sempre uguali, gli avvenimenti assurdi, gli intricati legami tra i personaggi. Però arrivare alla fine mi ha dato una soddisfazione mai provata prima. Consiglio di leggerlo con attenzione, altrimenti si rischia di perdersi.

  • User Icon

    giannimoronese

    15/05/2020 22:02:56

    Perfetto

Vedi tutte le 126 recensioni cliente

L'incipit di Cent'anni di solutidine

Molti anni dopo, davanti al plotone di esecuzione, il colonnello Aureliano Buendía avrebbe ricordato quel pomeriggio remoto in cui suo padre l'aveva portato a conoscere il ghiaccio. Macondo era allora un villaggio di venti case di fango e canne costruite sulla riva di un fiume dalle acque diafane che si precipitavano su un letto di pietre levigate, bianche ed enormi come uova preistoriche. Il mondo era così recente che molte cose erano senza nome, e per menzionarle bisognava indicarle col dito. Tutti gli anni, nel mese di marzo, una famiglia di zingari straccioni piantava la tenda vicino al villaggio, e con gran chiasso di fischietti e timbales veniva a far conoscere le nuove invenzioni. Prima portarono la calamita. Uno zingaro corpulento, con una barba selvatica e mani di passero, che si presentò col nome di Melquíades, diede una truce dimostrazione pubblica di quella che chiamava l'ottava meraviglia dei sapienti alchimisti di Macedonia. Andò di casa in casa trascinando due lingotti metallici, e tutti si spaventarono vedendo che paioli, padelle, pinze e fornelli cadevano in terra, e i legni scricchiolavano per la disperazione dei chiodi e delle viti che cercavano di schiodarsi, e anche gli oggetti perduti da molto tempo ricomparivano là dove più erano stati cercati, e strisciavano in un turbolento fuggifuggi dietro ai ferri magici di Melquíades. «Le cose hanno vita propria,» proclamava lo zingaro in tono aspro «è solo questione di risvegliarne l'anima.» José Arcadio Buendía, la cui smisurata immaginazione andava sempre oltre l'ingegno della natura, e addirittura più in là del miracolo e della magia, pensò che fosse possibile servirsi di questa invenzione inutile per sviscerare l'oro dalla terra. Melquíades, che era un uomo onesto, lo avvisò: «Per quello non funziona». Ma José Arcadio Buendía all'epoca non credeva nell'onestà degli zingari, così scambiò il suo mulo e una partita di capre con i due lingotti calamitati. Úrsula Iguarán, sua moglie, che contava su quegli animali per accrescere lo stentato patrimonio domestico, non riuscì a dissuaderlo. «Ben presto avremo tanto oro da lastricare la casa» replicò il marito. Per vari mesi si impegnò a dimostrare la validità delle sue congetture. Esplorò palmo a palmo la regione, compreso il fondo del fiume, trascinando i due lingotti di ferro e recitando a voce alta la formula magica di Melquíades. L'unica cosa che riuscì a dissotterrare fu un'armatura del Quattrocento, con tutti i pezzi saldati insieme da una crosta di ruggine e che all'interno suonava vuota come un'enorme zucca piena di sassi. Quando José Arcadio Buendía e i quattro uomini della sua spedizione riuscirono a disarticolare l'armatura, trovarono uno scheletro calcificato che appeso al collo aveva un reliquiario di rame con un ricciolo femminile.
A marzo tornarono gli zingari.
  • Gabriel García Márquez Cover

    Scrittore colombiano Premio Nobel per la Letteratura nel 1982.Come giornalista ha soggiornato in Francia, Messico e Spagna; in Italia è stato allievo del Centro sperimentale di cinematografia. Ha esordito con un breve romanzo, dove più evidente è l’influenza di Faulkner: Foglie morte (La hojarasca, 1955), cui sono seguiti Nessuno scrive al colonnello (El coronel no tiene quién le escriba, 1961); i racconti raccolti ne I funerali della Mamá Grande (Los funerales de la Mamá Grande, 1962), nei quali, soprattutto in quello che dà il titolo al volume, è già tratteggiato il mondo mitico e paradossale del narratore; La mala ora (La mala hora, 1962), altro romanzo, dove si narra una storia spietata di lettere anonime che coinvolge... Approfondisci
Note legali