Categorie

Primo Levi

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: VIII-190 p.
  • EAN: 9788806219529

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    nicola intrevado

    02/06/2015 17.12.22

    Levi e l' etica del lavoro vista attraverso un incontro colloquiale con un montatore di tralicci, ponti sospesi e gru. Un uomo che porta la sua fatica fuori e dentro i confini della propria geografia e della propria dimensione umana. Non un grande libro questo primo lavoro da solo scrittore, e non piu' scrittore e chimico, di Levi ma un buon libro che nulla chiede al lettore se non una riflessione onesta su cio' che abbiamo perduto e che non abbiamo piu' voglia, o motivi, per ricercare : l' amore per il lavoro che appaga il bisogno di dare in cambio della sussistenza del vivere e della dignita' di fare cose per non pedere l' occasione di spendere bene la propria vita.

  • User Icon

    spaggio

    07/10/2014 19.33.42

    Il primo libro da scrittore di professione, come si definì Levi dopo la stesura de "La chiave a stella" e l'abbandono del posto di lavoro che occupava in qualità di chimico presso una ditta di vernici. Episodi legati al lavoro e alle esperienze di Faussone, un operaio montatore che porta in giro per il mondo non solo le capacità acquisite attraverso la passione per il lavoro nel montare strutture e tralici ma anche l'etica, forse oggi persa, che deriva dal concepire il proprio lavoro come valore positivo in sè. Scrive Levi: "Amare il proprio lavoro costituisce la migliore approssimazione concreta alla felicità sulla terra". C'è materiale su cui riflettere, di questi tempi.

Scrivi una recensione