€ 13,60

€ 16,00

Risparmi € 2,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Serena

    21/11/2011 16:34:45

    Mi ha letteralmente incantata. Che atmosfere! Che personaggi! non i soliti detective e marescialli. E poi quanta ironia. Consigliato perchè è un autore molto bravo.

  • User Icon

    Ludovica

    21/01/2011 11:34:05

    L'ho comprato con lo scetticismo di chiunque decide di acquistare un nuovo autore, ma mi sono ricreduta sin dalle prime pagine. L'ho letto in un boccone perchè la trama è davvero intrigante, con tanti colpi di scena che mi hanno tenuta incollata fino all'ultima pagina. Scritto benissimo, con dialoghi simpaticissimi e personaggi che sono macchiette. Molta ironia pur in una vicenda che è attuale e drammatica allo stesso tempo. Insomma, vale la pena di leggerlo, sperando che Vullo ne scriva subito un altro dello stesso livello. A chi piace Camilleri, questo libro piacerà ancora di più!

  • User Icon

    Beppe

    19/01/2011 17:18:16

    Niente è mai come sembra, recita la regola che ogni cronista di nera si deve stampare bene nella mente. La provincia siciliana con i suoi profumi e i suoi colori non riesce a nascondere i misteri di una terra affascinante e misteriosa, ma in fondo bonaria. Scava, scava e alla fine c'è sempre un giallo da svelare nel paesino pur lontano dai crocevia di mafia. E' l'atmosfera del commissario Montalbano, ma stavolta tocca ai carabinieri, anzi ai "carrabbinièri", indagare sul rompicapo della baronessa morta. Totò Calandro, fotografo sfaccendato e senza fortuna, e il barbiere Cantatutto sono due siciliani cocciuti. Sembrano un po' macchiette e invece hanno il fiuto lungo e il naso fino. Altro che "scimuniti" come li apostrofa il maresciallo Blandino, che dovrà ricredersi sul loro conto. E così come in un romanzo di Camilleri l'immaginario paesino di Ricasola diventa teatro di un giallo dai sapori forti. Nella Sicilia dei riti un po' retrò, ma pure orgogliosa di se stessa, scoppia il caso dell'anziana baronessa Mariannina Gallo del bosco. La credevano chiusa in casa e invece era morta. La credevano morta per uno di quei malori che si porta via gli anziani, anche quelli di sangue blu, e invece c'è qualcos'altro di peggiore. Calandro e Cantatutto sono due satanassi che non si fidano di tutta quella fretta dei carabinieri, il maresciallo Blandino e il brigadiere Frasca, che chiudono il caso come morte naturale. Brutta storia, invece. E' un giallo divertente dove la Sicilia si prende un po' in giro e ironizza sulle proprie abitudini convenzionali. Il fotografo e il barbiere il giorno di Santo Stefano, mentre ancora non hanno digerito il cenone di Natale, costringono i carabinieri a entrare nel palazzo di Gallo del Bosco. E lì comincia l'intrigo che per i carabinieri non c'è. La baronessa, rinsecchita nel suo letto invece rivela qualcos'altro. Il maresciallo vuole chiudere il caso, ma la strana coppia non si arrende.

Scrivi una recensione