Categorie

Mino Argentieri

Editore: Editori Riuniti
Anno edizione: 1998
Pagine: 128 p.
  • EAN: 9788835944393

scheda di Principe, M., L'Indice 1998, n.10

Dagli anni della guerra a oggi il cinema italiano ha vissuto stagioni di alterna fortuna, per quanto riguarda sia gli assetti produttivi, sia le politiche che lo hanno più o meno sostenuto. Questi i due elementi di costante riferimento del saggio di Argentieri, il quale, ripercorrendo in modo sintetico la storia del nostro cinema, riesce da un lato a mettere in evidenza gli autori di punta di una produzione che vive oggi un periodo di forti contraddizioni, dall'altro a dare spazio anche ai film di genere, che in alcuni momenti storici hanno costituito la spina dorsale del cinema italiano. Non perdendo mai di vista il contesto sociale e culturale del nostro paese, l'autore presenta al lettore problemi e debolezze strutturali che, oggi più che mai, affliggono il nostro sistema produttivo. Più che all'opera dei singoli autori, è a questioni più generali che Argentieri rivolge l'attenzione: dall'attacco democristiano contro il Neorealismo alle ancora vive commissioni di censura; dall'euforia produttiva degli anni cinquanta e sessanta alla crisi profonda che affligge da tempo l'industria cinematografica italiana (che, a essere precisi, è improprio chiamare industria, poiché minimo è il rischio dei produttori e irrinunciabile il sostegno dello Stato). Di grande utilità è il floppy allegato al libro, che riporta in un data base, anno per anno, dal 1945 al 1997, le classifiche dei dieci film più visti in Italia, tutti vincitori della Mostra del cinema di Venezia, dei festival di Cannes e di Berlino, del premio David di Donatello e degli Oscar, insieme a preziosi dati statistici relativi ai biglietti venduti, alle sale e ai film italiani e stranieri distribuiti nel nostro paese.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabio Marchioni

    22/05/2012 08.51.01

    Interessante più per gli elementi sociali ed economici di storia del cinema che per le valutazioni critiche sui grandi film del cinema italiano, spesso sono ossificate a scarne liste di nomi e titoli. Da uno dei decani della critica cinematografica nazionale mi aspettavo di più. Sarebbe interessante il floppy disck allegato ma, di questi tempi, non è facile trovare il supporto adeguato.

Scrivi una recensione