Salvato in 8 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
I cinque canti di Palermo. Le prime indagini di Leo Salinas
16,15 € 17,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
I cinque canti di Palermo. Le prime indagini di Leo Salinas 160 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,15 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
16,20 € + 2,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
MAURONLINE
16,15 € + 3,85 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
16,15 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
17,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
17,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
17,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
17,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,15 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
16,20 € + 2,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
MAURONLINE
16,15 € + 3,85 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
16,15 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
17,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
17,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
17,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
17,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
I cinque canti di Palermo. Le prime indagini di Leo Salinas - Giuseppe Di Piazza - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

I cinque canti di Palermo. Le prime indagini di Leo Salinas Giuseppe Di Piazza
€ 17,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Due innamorati divisi, come Romeo e Giulietta. Una ragazza belga, stupenda e malinconica, che nasconde un terribile segreto. Un medico per bene con simpatie fasciste. Un malacarne buono a nulla che rapisce i suoi tre figli. Un "ladro onesto", fratello di un mercante di uova di tonno alla Vuccirìa. Queste le persone che popolano le giornate di Leo Salinas, detto "occhi di sonno", un giovane cronista di nera che ogni sera torna a casa con le scarpe sporche di sangue umano. E tanta voglia di vita e bellezza. Perché è Palermo, sono gli anni Ottanta, la giovinezza in una città sconvolta dalle guerre di mafia. Ma anche un luogo unico, di profumi, di chiese, cibo e mare. E donne bellissime, che come sirene promettono meraviglia e possono portare salvezza o perdizione. "I quattro canti" è il nome con cui gli abitanti della città chiamano la piazza che nasce dall'incrocio delle due strade principali, perché ogni suo angolo apre su uno dei quattro quartieri storici. Qui, riproponendo una versione riveduta, ampliata e corretta del suo libro di esordio, Giuseppe Di Piazza compone un quinto canto, inaspettato e fondamentale, "un canto impercettibile alla vista, il più visibile per chi è andato via da Palermo: il canto dell'assenza". E così facendo regala al lettore un libro eccezionale, una "commedia umana" siciliana e noir che è tante cose insieme: cinque storie diverse che però sono una storia sola, il racconto della passione e del delitto, della speranza e della disperazione, una denuncia durissima contro la mafia da parte di un autore che, come il protagonista, ha vissuto quegli anni terribili e sanguinosi in prima persona. E, ovviamente, un infinito atto di amore nei confronti di una città.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2020
16 gennaio 2020
285 p., Brossura
9788869057540

Voce della critica

 

Il racconto di una generazione da tempo andata altrove e che adesso avverte l’irrinunciabile bisogno di rinsaldare, con la scrittura, una relazione mai interrotta con la propria città: è questa, tra le tante possibili, la chiave di lettura che, più delle altre, mi piace proporre per il nuovo romanzo di Giuseppe Di Piazza (qui ritratto nella foto di Claudio Guaitoli).

Con I cinque canti di Palermo (285 pagine, 17 euro), edito da Harper Collins, il palermitano Di Piazza, oggi responsabile della redazione romana del Corriere della Sera, ci offre una versione riveduta, ampliata e corretta del suo libro di esordio, per la quale ha composto un «quinto canto», forse il più intenso in quanto «impercettibile alla vista, eppure il più visibile per chi è andato via da Palermo: il canto dell’assenza».

E a tornare sui suoi passi per completare l’opera non poteva che essere Leo Salinas, il “biondino” del mitico quotidiano del pomeriggio, che da grande spera di fare il giornalista a tempo pieno e intanto lavora tenendo bene a mente la frase del suo primo direttore; «Fai il cronista, imparerai il mondo». È lui a correre, a bordo della sua Vespa per le strade di una città insanguinata dalla mafia, potendo contare su una buona dose di dedizione e sulla forza d’animo di un ventiquattrenne.

Un giovane che, seppur talvolta invecchiato, assediato e corroso da una miriade di fatti di una violenza inaudita, continua ad amare la sua città e a sentirsi attratto da un mestiere che, a tamburo battente, gli impone di andare a vedere, di persona, come si sono svolti i fatti, per poi raccontarli sulle pagine di un giornale che, atteso da tanti lettori, esce verso le quattro del pomeriggio (lo so, sembra Medioevo, e invece sono solo gli anni Ottanta).

Niente di tutto quello che fa Leo quando lavora è facile, né indolore, nemmeno quando la città non è scossa dall’ennesimo delitto; per ingoiare l’ennesimo rospo gli basta parlare, anche di cose futili, con uno dei suoi capi. Per questo, quando può, tenta in tutti i modi di rifugiarsi nella bellezza, perché il suo Yasunari Kawabata, «una delle poche divinità che all’epoca riconoscevo» ha scritto che «la bellezza uccide la morte».

Sì, perché Leo ed i suoi amici e coetanei, oggi tutti poco più che sessantenni, ebbero allora bisogno di ucciderla, la morte, schiacciati come erano, tra la irrinunciabile voglia di godersi appieno gli anni più intensi della loro vita e l’innegabile circostanza di vivere in una città, in quel periodo sfregiata da una guerra di mafia senza precedenti, dalla quale sarebbe stato più naturale scappare.

E malgrado tutto, Occhi di Sonno (così chiamano Leo Salinas) sa che Palermo, principale vittima di un sequestro quasi interminabile, fu e rimane ancora quel «luogo unico, di profumi, di chiese, cibo e mare» e poi anche «lontano e vicino, esotico e normale», che senza alcuna esitazione oggi torna a confortarlo nelle «notti di cuore sospeso». Da qui, il nuovo canto.

Giuseppe Di Piazza affida a Salinas il compito di dare nuovamente inizio e, adesso, compimento ad una “commedia umana”, che parte dalla vita “non comune: varia e avariata” di un ragazzo che non di rado torna “a casa con le suole delle scarpe sporche di sangue umano” e spesso non dorme perché, sostiene il neurologo, ha la corteccia cerebrale “arricciata”.

Salinas piace perché è un antieroe, non si picca di fare cose strabilianti, né pretende, mai, di avere la soluzione pronta (e come potrebbe averla mai, povero ragazzo?). Talvolta, anzi, sembra rimanere sopraffatto dalla cruenza inaudita di quello che egli stesso chiama “acquario alimentato a sangue” e dal pericolo di una tragica convivenza: “Buoni e cattivi. Vittime e carnefici”.

Ma Leo si è dato, adesso, un compito importante e, come ha sempre fatto, vuole portarlo a termine. Cosa può fare, allora, se non prestare occhi ed orecchie al lettore, affinché lo aiuti a rivivere, in un inedito quinto canto, quel periodo?

Saranno, è vero, quelli, gli anni della guerra di mafia e della mattanza, ma anche degli amici del cuore, delle tante, bellissime, donne, corteggiate e amate, del mare e, perché no, anche di tutte quelle esistenze e fatti, forse adesso più nitidi, che Salinas si prende il compito di evocare, uno a uno, rimanendo sempre in equilibrio tra realtà e finzione. Come al solito farà tutto lui: scriverà, denuncerà, si arrabbierà, e al lettore chiederà soltanto di tendergli una mano nei momenti più complicati, perché, si sa, esporsi a questa età con una dichiarazione d’amore non è mai un compito facile. Soprattutto se l’amata è la città che non hai mai dimenticato.

Recensione di Camillo Scaduto

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Giuseppe Di Piazza

Responsabile dell’edizione romana del Corriere della Sera, è stato a capo di Sette, Corriere della Sera Magazine e Max. Comincia la carriera giornalistica nel 1979 a L’Ora di Palermo. Dal 1986 al 2000 è al Messaggero, dove è capocronista, editorialista, caporedattore centrale. Dalla fine del 2000 approda a Milano, in Rcs. Ha pubblicato quattro romanzi e fatto diverse mostre fotografiche. Con HarperCollins ha pubblicato Malanottata, che ha vinto il Premio Cortina d’Ampezzo 2018, Il movente della vittima (2019) e L' arte di non amare (2021).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore