Categorie

Fulvio Tomizza

Editore: Marsilio
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
Pagine: 165 p. , Brossura
  • EAN: 9788831706674
Usato su Libraccio.it € 6,75

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    18/05/2014 06.29.00

    Corre l'anno 1972 quando Fulvio Tomizza pubblica La città di Miriam, terzo romanzo, dopo La quinta stagione e L'albero dei sogni, in cui è protagonista Stefano Marcovich, giovane profugo istriano di origini contadine, e che rappresenta, sotto molti aspetti, l'autore stesso. I riferimenti personali, infatti, hanno riscontri frequenti con la vicenda narrata. In particolare, come nel libro, Tomizza nel 1954, quando la Zona B del Territorio Libero di Trieste, compresa Materada dove risiede, passa alla Jugoslavia, lui emigra, viene in Italia e si trasferisce a Trieste. È lì che conosce Laura Levi, di cui si innamora e che poi sposerà ed è sempre a Trieste, che finirà per eleggere a sua dimora, che inizia a occuparsi di scrittura. Infine, precisi e puntuali i riferimenti, i tradimenti coniugali presenti nel libro non sono frutto di pura invenzione, perché Tomizza, benché amasse la consorte, si dedicava a non infrequenti scappatelle. E se è vero che nel lavoro di qualsiasi scrittore ispirazioni e svolgimenti sono frutto di esperienze personali, la circostanza è ancor più probante nel caso dell'autore istriano. Anche in questo libro è presente quel senso di non appartenenza che accompagnò Tomizza per tutta la vita, poiché l'Italia altro non era che un paese che lo ospitava, con cui condivideva la lingua e anche una parte della cultura, ma lui restò sempre profondamente istriano, legato a quella terra aspra e selvaggia eternamente di frontiera. Ma La città di Miriam non è solo un romanzo sull'impossibilità di sentirsi membro naturale e a tutti gli effetti di una nuova patria, è anche, soprattutto, un'opera sull'amore coniugale, su quei tradimenti di cui Miriam è vittima incolpevole, la dolce serena Miriam, un'affascinante figura femminile tratteggiata con sincero affetto e anche devozione. Da leggere. .

Scrivi una recensione