La città proibita

(Man cheng jin dai huang jin jia)

Titolo originale: Man cheng jin dai huang jin jia
Regia: Zhang Yimou
Paese: Cina; Hong Kong
Anno: 2006
Supporto: DVD
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 6,99

€ 7,99

Risparmi € 1,00 (13%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Andrea92

    21/02/2012 10:39:36

    La lotta tra imperatore e imperatrice finisce per decimare la famiglia stessa ed un intero regno. Eccellente la creazione di ambienti identici alla reale Città Proibita.

  • User Icon

    Giovanni

    04/06/2009 11:08:20

    Spettacolare e indimenticabile. Da gustare, se possibile, con impianto dolby surround (o in una sala cinematografica!), perché parte del fascino di questo capolavoro sta nel sonoro, con fruscii, tintinnii, sospiri e silenzi che coinvolgono quanto le immagini.

  • User Icon

    chen kuan tai

    29/07/2008 10:16:03

    tutto lo splendore della cina imperiale con colori eleganza e grandi scene action.capolavoro

  • User Icon

    Claudio

    10/07/2008 14:40:19

    Ma secondo voi uno come Yimou si mette a fare film così solo per il gusto di rievocare la cina medioevale? Ma dai... il furbone parla della Cina di oggi, del potere e della logica che lo nutre. Un massacro in una piazza non vi dice niente? E l'ipocrisia successiva con una ripulitura rapidissima e ingegnosissima che suscita disgusto e ammirazione allo stesso tempo? Se volete capire il potere dovete passare di qui.

  • User Icon

    paperino68

    01/04/2008 10:31:22

    Se un film fosse solo fotografia, scenografia e costumi, questo film potrebbe essere il più bel film di tutti i tempi. Invece, dietro uno sfarzo da infarto c'è una sorta di tragedia greca, una specie di MacBeth terribilmente noioso e stucchevole. E poi io non amo le storie in cui i protagonisti fanno a gara per chi è il più antipatico: qui ti viene persino da pensare che tutto sommato eliminare Gong Li non sia il peggiore dei mali. Dovrebbe essere la conclusione della trilogia iniziata con Hero e La foresta dei pugnali volanti, ma la poesia dei primi due che mi ha fatto innamorare di questo genere (ben più del carino Tigre e Dragone) qui è inesistente. Peccato.

  • User Icon

    massimo

    28/03/2008 17:57:41

    Parte lento, tra intrighi e misteri, manierismi di corte e scenografie maestose poi improvvisamente si anima in un mix tra i piu' recenti classici del genere Tigre e Dragone tra ninja volanti e duelli "aerei" passando a bagni di sangue alla Kurosawa. Eccellente il cast, specie l'ottimo Chow Yun-Fat e le musiche. Se apprezzate il genere godetevi i duelli tra guerrieri dorati, falci volanti e arcieri catafratti.altamente spettacolari ma, alla lunga, un po' stucchevoli.

  • User Icon

    chen kuan tai

    22/02/2008 10:28:19

    La cina medievale con intrighi di corte raccontata nei particolari con scenografie mai viste prima d'ora,uno sfarzo incredibile scene d'azione formidabili.per gli amanti della cultura cinese consigliatisimo-una curiosita, al cinema il pubblico era in maggioranza composto da donne.

  • User Icon

    Jaqov

    26/12/2007 15:08:09

    SPETTACOLARE nei dialoghi nelle ricostruzioni storiche della Cina imperiale del 962 d.C. Spettacolare nei colori e nelle scenografie nelle coreografie. Ricco di suspance e traboccante di oro velenoso e barocco fino all'eccesso! Narra la Cina medievale coem l'ho sempre immaginata: corrotta, perversa, avvelenata e velonosa, maschilista e decadente. Gong li al massimo della bravura (nei movimenti e nelle espressioni facciali mentre viene avvelenata continuamente attraverso uno stillicidio continuo dal consorte). Si intravedono in scena o dalle parole della famiglia imperiale incesti, intrighi e congiure, ma rispettando le tre unità aristoteliche niente di violento viene mostrato sullo schermo. Solo la carneficina finale, nel giorno della festa dei crisantemi, segna attraverso la violenza, che deflagra alla fine della pellicola, l'inizio di un nuovo ordine e della purificazione del vecchio attraverso una nuova armonia che inizia. Dopo l'assassinio dei tre principi ereditari. Melodramma tragico violentissimo e raffinatissimo, perfetto e barocco. 5++ 10 e lode

  • User Icon

    Giuliano

    24/12/2007 11:56:46

    Io ho visto questo film lo scorso gennaio in Cina con i sottotitoli in inglese. Sono stato davvero entusiasta dalla fotografia e dalla storia. Bellissimi gli interni dei palazzi con le distese di crisantemi gialli. Zhang Yimou si dimostra ancora una volta un Maestro. Da vedere assolutamente

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Uno straordinario affresco corale, dalla rara bellezza visuale

Trama
C'era una volta, nella Cina del decimo secolo, la grande dinastia dei Tang. Nella città imperiale lo sfarzo e la ricchezza si respirano in ogni dove. L'imperatore, l'imperatrice e i loro figli sono serviti e riveriti da uno stuolo di servitori adoranti. Ogni minima azione quotidiana avviene nel rigore e nel rispetto di rituali millenari, nella magnificenza quasi surreale di un mondo estetizzato e dorato.

  • Produzione: 01 - Home Entertainment, 2007
  • Distribuzione: Rai Cinema - 01 Distribution
  • Durata: 111 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Cinese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Area2
  • Contenuti: dietro le quinte (making of); speciale: L'imperatore - L'imperatrice; scene inedite in lingua originale; trailers