Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Img Top pdp Film
Salvato in 6 liste dei desideri
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
A Civil Action
19,99 €
DVD
Venditore: Vecosell
19,99 €
disp. in 4 gg lavorativi disp. in 4 gg lavorativi (Solo 1 prodotto)
+ 4,10 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Vecosell
19,99 € + 4,10 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Vecosell
19,99 € + 4,10 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
A Civil Action di Steven Zaillian - DVD
A Civil Action di Steven Zaillian - DVD - 2
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Jan Schlichtman, un avvocato specializzato in lesioni personali, cinico e molto costoso, accetta di occuparsi solamente dei casi che hanno buone possibilità di concludersi con grandi risarcimenti e sicuri accordi amichevoli. Sebbene il suo ultimo caso all'inizio sembri semplice, Schlitchman rimane coinvolto in una difficile battaglia legale in cui metterà in gioco la sua carriera, la sua reputazione e tutto quello che possiede per difendere i diritti dei suoi clienti.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

1998
DVD
8010773200226

Informazioni aggiuntive

Paramount, 2016
Videodelta
versione prima uscita
95 min
Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1);Francese (Dolby Digital 5.1);Spagnolo (Dolby Digital 5.1)
Italiano; Inglese; Francese; Greco; Portoghese; Spagnolo; Ebraico
1,78:1 Wide Screen
trailers; dietro le quinte (making of)

Valutazioni e recensioni

4,2/5
Recensioni: 4/5
(5)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(2)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
Mauro Lanari
Recensioni: 4/5

Forse il miglior sceneggiatore U.S.A. è Steven Zaillian, MA SOLO quando è lui stesso a dirigere il film come appunto in questo caso. Qui, allora, egli evidenzia il suo tentativo di ridurre al minimo l’apporto finzionale lavorando invece su un biopic o docudrama, tanto per dimostrare ANCORA UNA VOLTA che la realtà è narrativamente più ricca d’ogni invenzione immaginativa. Inoltre Zaillian, almeno in questa specifica occasione, opta per l’epica del quotidiano, per il donchisciottismo vero e perdente. Quando viceversa alza il tiro e quindi anche il budget, deve ricorrere a una sedicente “firma autoriale di garanzia”, come negli esempi multipli con Scott senior. I “legal thriller” ricavati dai bestseller di John Grisham, e firmati da Pollack, Pakula, Schumacher, Foley, Coppola, o il Mann di “Insider – Dietro la verità”, che eppure è tratto da una vicenda reale, puntano invariabilmente sull’enfasi retorica, che in quanto tale sortisce l’effetto estetico ed emotivo opposto. Ma lo scontro morale che avviene di fatto nella banalità d’ogni giorno ha il basso, bassissimo, infimo profilo che sa inscenare soltanto Zaillian: Duvall tenta Travolta con una banconota, cerca di corromperlo, e nel momento della scelta etica il protagonista non può che trovarsi infinitamente isolato con la propria coscienza, ripreso in campo largo, inquadrato appartato in fondo al corridoio del tribunale come se fosse stato gettato lontanissimo rispetto al cosmo intero. Per il Mereghetti è “meccanica l’evoluzione di Travolta da avvocato egocentrico e vanesio a francescano paladino della giustizia”. Ha del tutto dimenticato che si tratta d’un caso di CONVERSIONE, per quanto comunque laica, e che Zaillian la mostra con la supercar di Travolta che si ferma sul PONTE dove egli si blocca, scende, pensa e decide di ribaltare le sue priorità esistenziali.

Leggi di più Leggi di meno
gianmatteo
Recensioni: 5/5

come al solito l'interpretazione di travolta riesce a spingere in alto il livello di un film che altrimenti sarebbe stato basso grande prestazione anche di r.duvall

Leggi di più Leggi di meno
emanuela
Recensioni: 5/5

Caso davvero accattivante e triste. Il sapere ke si tratta di una storia vera mi intristisce ancora di più , perfetta interpretazione di TRAVOLTA. Consiglio a tutti di guardare questo film, ke purtroppo non ha avuto il giusto successo!

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,2/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(2)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

Thriller giudiziario interpretato da buoni attori

Trama
L'avvocato rampante Jan Schlichtmann intenta una causa a due grandi industrie del Massachusetts, la Beatrice Foods e la WR. Grace & Co, per aver inquinato le acque di un fiume provocando la leucemia in 8 ragazzi. La causa è di quelle già perse in partenza ma il regista lavora sugli attori e, in particolare, sulla prestazione di un Duvall cinico quanto basta nel ruolo dell'avvocato degli inquinatori.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Robert Duvall

1931, San Diego, California

"Propr. R. Selden D., attore statunitense. Dopo una lunga esperienza nei teatri di Broadway, approda alla tv e al cinema quando ha già quasi trent'anni. Sul grande schermo esordisce in Il buio oltre la siepe (1962) di R. Mulligan e ottiene ruoli via via sempre più importanti in film quali Conto alla rovescia (1967) di R. Altman, Bullit (1968) di P. Yates, m.a.s.h. (1970) ancora di Altman. Il suo volto scavato, l'aria taciturna e l'espressione sottilmente ironica assumono tonalità essenziali nel personaggio di Tom Hagen, freddo consigliere di mafia in Il Padrino (1972) di F.F. Coppola, per la cui interpretazione ottiene una nomination all'Oscar. Dopo Killer Elite (1975) di S. Peckinpah, Quinto potere (1976) di S. Lumet, Io sono il più grande (1977) di T. Griest, la sua figura si impone definitivamente...

Stephen Fry

1957, Hampstead

"Propr. S. John F., attore inglese. Dopo un’apparizione nell’ironico Un pesce di nome Wanda (1988) di C. Crichton e nel drammatico Il matrimonio di Lady Brenda (1988) di C. Sturridge, è l’efficace protagonista di Gli amici di Peter (1992) di K. Branagh, storia di un capodanno tra ex compagni di università e lucido ritratto, tra ironia e nostalgia, della generazione degli yuppies. Atmosfere più leggere aleggiano invece in Genio per amore (1994 di F. Schepisi), commedia sentimentale con W. Matthau nelle vesti di un Einstein alle prese con gli amori della nipote. Nel 1996 è nella campagna inglese degli anni ’20 in Cold Comfort Farm, di J. Schlesinger, divertente presa in giro di alcuni luoghi comuni sulla presunta buona educazione britannica....

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore