Il clan dei siciliani

Le clan des siciliens

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Le clan des siciliens
Paese: Francia
Anno: 1969
Supporto: DVD
Salvato in 24 liste dei desideri

€ 8,74

Venduto e spedito da MASSIVE MUSIC STORE

Solo 1 prodotto disponibile

+ 6,99 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
DVD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,63
di 5
Totale 8
5
6
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    cecilia

    29/10/2020 12:51:48

    Siamo all'epilogo dell'evoluzione del polar francese. Non c'è più la malavita del milieu anni Cinquanta, il grisbi è diventato un colpo grosso da clan internazionali, l'atmosfera e il bianco e nero sono ricordi d'altri tempi. Rimangono però le grandi interpretazioni di Gabin e Ventura, con un altrettanto grande Delon ormai affermato nella parte dell'individualista ribelle e condannato.

  • User Icon

    G

    03/09/2020 10:59:34

    Gabin, Ventura, Delon che altro aggiungere, dire che è un film spettacolare è riduttivo.Pietra miliare del cinema internazionale.

  • User Icon

    n.d.

    15/06/2018 08:40:02

    Grande interpretazione di una troika di attori dei quali due ci hanno già lasciato

  • User Icon

    Giorgio

    13/01/2017 11:23:20

    Film bellissimo. Per gli amanti del noir poliziesco francese è strepitoso. Jean Gabin Lino Ventura, Alain Delon e anche tutti gli altri protagonisti sono ineguagliabili. La colonna sonora è a sua volta un capolavoro. Un'opera d'arte del cinema realizzata in assoluta perfezione sotto di ogni aspetto. Imperdibile.

  • User Icon

    HULK

    15/01/2008 09:53:14

    Film cosi' l'Europa non ne farà mai più. Non si tratta del polar minimalista, orientale alla Meliville 'Maestro'.Ma un triller dall'alto contenuto spettacolare 'All'americana'. I soldi si vedono, grandissimi attori, grande respiro internazionale. Noi film del genere, non potevamo permetterceli, pochi soldi aguzzavano l'ingegno, infatti tutto il nostro cinema di genere, ora è trasmigrato negli USA. Ma il clan è un film dove il cinema francese, se la giocava alla pari con l'americano. Superandolo per quando riguarda le psicologie dei personaggi, l'approfondimento delle personalità. Spesso negli USA si utilizza lo stereotipo, il fumetto, spingendo il pedale del'azione e della spettacolarità, spesso fine a se stessa. Poi che dire, oltre ai tre grandissimi attori protagonisti, tutto il resto è perfetto, dalle comparse, dai caratteristi. Rivendedolo sembra arrivare da un'altro pianeta, ora il nostro cinema ridotto al pianerottolo, al cinepanettone, al nulla. Ad una autorialità che spesso non conosce il campo/controcampo. La Francia si difende con i suoi vecchi leoni, con esordi notevoli, ma la sfida con gli USA per quanto riguarda il cinema spettacolare, intelligente è ormai persa da decenni.

  • User Icon

    FABRIZIO COLOMBO

    02/01/2007 15:57:46

    Film enigmatico della grande tradizione noir francese dove si confrontano tre grandi divi francesi di diverse "generazioni".Malinconico,inquetante,scandito dalle magie musicali di Morricone,questo film è stato poco apprezzato dalla critica,ma raccoglie tutti gli stereotipi di una stagione cinematografica irripetibile ed esemplare:quella dei Delon e dei Gabin,sornioni "gatti"della mala parigina avvolti dal fumo delle loro gitanes.

  • User Icon

    antonio

    31/03/2006 00:21:48

    Opera storica di un'epoca irripetibile. La più bella colonna sonora che Morricone abbia scritto. Non compratelo, o butterete via la maggior parte dei dvd che avete acquistato in questi anni.

  • User Icon

    Giuseppe Albino

    28/02/2006 15:18:55

    Grande poliziesco / noir francese degli anni '70. Magistrale l'interpretazione di Jean Gabin, che riveste il ruolo di malavitoso "siculo" dietro le spoglie di piccolo imprenditore francese. Penso che pochissimi attori stranieri, siano stati tanto bravi nell'interpretare il ruolo di un siciliano tanto legato alla famiglia,alle tradizioni, e alla propria terra. Eccezionale interpretazione anche di Lino Ventura, integerrimo commissario, astuto, intelligente e assai performante nel ruolo che riveste. Degno di nota anche Amedeo Nazzari in una delle sue ultime interpretazioni cinematografiche. Alain Delon indiscusso protagonista, riveste invece un ruolo dominante nella pellicola "Il Clan dei Siciliani": Gangster spietato, ricercatissimo dalla "Gendarmerie", "disonora" la famiglia del boss (J.Gabin) e fa, purtroppo una brutta fine.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente
  • Produzione: 20th Century Fox Home Entertainment, 2006
  • Distribuzione: Videodelta
  • Durata: 121 min
  • Lingua audio: Francese (Dolby Digital 5.1);Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Francese; Italiano; Olandese; Tedesco
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Jean Gabin Cover

    Nome d'arte di Jean-Alexis Moncorgé, attore francese. Grazie al padre, artista di primo piano dei caffè concerto parigini, entra nel 1924 nel «tempio» delle Folies-Bergère come figurante. Apprende poi le basi del mestiere nelle compagnie di giro e sulle assi dei cabaret e music-hall e dal 1930 ottiene diverse parti come coprimario sui set, soprattutto in commedie brillanti e musicali. Nel 1934 incontra J. Duvivier, regista che assieme a J. Renoir e M. Carné si accingeva a codificare drammaturgicamente gli elementi peculiari del clima e del sentimento della Francia «frontista» di quegli anni nella corrente cinematografica del «realismo poetico», di cui G. con i suoi memorabili personaggi diviene l'attore-feticcio. Il sodalizio con Duvivier comincia da Il giglio insanguinato (1934), opera ancora... Approfondisci
  • Alain Delon Cover

    Attore francese. Un’infanzia infelice e una giovinezza avventurosa, comprensiva di battaglie nella Legione straniera, gli temprano lo spirito e lo muniscono di una grinta mascherata dal volto angelico per quanto virile. Arriva al cinema dopo il congedo e si fa notare nel giallo di R. Clément Delitto in pieno sole (1959), in cui interpreta il primo di una lunga serie di personaggi «belli e dannati» che lo renderanno il divo di Francia simbolo degli anni ’60 e ’70. Amato anche dal cinema italiano, lavora con L. Visconti in Rocco e i suoi fratelli (1960) e in Il Gattopardo (1963), M. Antonioni che lo dirige in L’eclisse (1962) e con V. Zurlini in La prima notte di quiete (1972). Sempre al centro di travagliate cronache mondane e sentimentali, consacra la propria fama in alcuni fra i migliori... Approfondisci
  • Lino Ventura Cover

    "Nome d'arte di Angelo Bonini, attore italiano. Nato a Parma, segue nel 1927 i genitori in Francia dove, dopo aver fatto i mestieri più disparati, esordisce sullo schermo in un ruolo secondario (Grisbì, 1954, di J. Becker) ma ottiene un successo che gli permette di recitare come protagonista in numerosi film «neri» (Ascensore per il patibolo, 1958, di L. Malle) o avventurosi (Un taxi per Tobruk, 1961; Asfalto che scotta, 1960, di C. Sautet) che lo rendono uno degli attori più popolari in Francia e all'estero (La ragazza in vetrina, 1960, di L. Emmer; Il giudizio universale, 1961, di V. De Sica). Specialista in personaggi di simpatico «duro», sempre caratterizzati da una pro­fon­da umanità e da una vena di malinconia, fornisce nei film successivi buone prove drammatiche, grazie a una tecnica... Approfondisci
Note legali