La collera di Napoli

Diego Lama

Editore: Mondadori
Collana: Oscar gialli
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: 293 p., Brossura
  • EAN: 9788804668589
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 6,48

€ 12,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ALESSANDRAGORI

    10/05/2017 18:48:13

    Thriller semplice e intrigante,come un'equazione di primo grado.Misteri in Convento ,morti di orfanelle in noviziato e non ,e un commissario simpaticissimo che,tra un brodo di polipo napoletano e una passeggiata al bordello,dove ha la sua Donna di fiducia,risolve i casi difficili con la rassegnazione di chi sa che così deve andare... E così l 'autore va verso l 'Eccellenza. Do infatti proprio cinque stelline perché l 'autore ha costruito un personaggio simpaticissimo e umano e perché le atmosfere di questa Napoli mi riportano indietro nel tempo....indietro di 50 anni ...in una città bella come il Sole,dove però è sempre stato difficile capire ... Leggetelo!Vi piacerà ! Alessandra Gori

  • User Icon

    Luca

    18/02/2017 16:21:28

    Bellissimo. Gran bel personaggio. Scrittura semplice e intelligente. Ottima trama.

  • User Icon

    Tiktaalik

    29/09/2016 11:41:25

    Un giallo che può piacere particolarmente a chi ama Napoli,una città unica in Italia e forse nel mondo.In questa storia la morte la attraversa sia naturalmente che per la follia umana.Mentre tanti muoiono per il colera,altre persone sono vittime di omicidi,seriali o saltuari.Se ne occupa il commissario Veneruso,che domina la scena,impulsivo,ironico,che si impone continuamente di restare calmo,ma spesso esplode in spettacolari scatti d'ira,la sua collera fa da contraltare a quella della città,si arrabbia verso i subalterni,le persone da interrogare,il Padreterno,per una suora che si ritiene molto fortunata lui riflette che il Signore le aveva voluto veramente bene,abbandonata,azzoppata e incarcerata a vita dentro un convento.E sempre per seguire l'impulso il nostro non disdegna neanche periodiche capatine in un bordello,perchè come diciamo noi giù al Sud,"quann ce vò ce vò".Una lettura che ho trovato spassosa e coinvolgente.

Scrivi una recensione