Il colore della luna. Come vediamo e perché - Paola Bressan - copertina

Il colore della luna. Come vediamo e perché

Paola Bressan

Scrivi una recensione
Editore: Laterza
Collana: I Robinson
Edizione: 8
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 8 marzo 2007
Pagine: XIV-192 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788842082408

nella classifica Bestseller di IBS LibriPsicologia - Coscienza e psicologia cognitiva - Percezione

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 15,30

€ 18,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 18,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È opinione comune che il mondo appaia come lo vediamo semplicemente perché è così. Al contrario, la realtà che ci sta davanti è, per intero, una costruzione del nostro cervello. In pagine sorprendenti e curiose, Paola Bressan svela i complessi fondamenti scientifici dei piccoli misteri che costellano la nostra vita quotidiana. Scopriremo come costruiamo il mondo e perché lo costruiamo in questo modo, a partire dalla catena di eventi che precede la percezione visiva, via via fino ai colori, alla tridimensionalità e alla ragione per cui alcune cose ci appaiono in movimento. No, la risposta non è perché sono in movimento.
4,6
di 5
Totale 5
5
3
4
2
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Angelica

    20/09/2018 18:13:00

    Libro piuttosto semplice e utile per chi si approccia per la prima volta allo studio della percezione visiva. Utilissima la bibliografia alla fine di ogni capitolo che ti dà la possibilità di approfondire tematiche/studi interessanti.

  • User Icon

    claudio

    17/10/2012 09:31:34

    Il titolo del libro e le sue tematiche generano aspettative non non soddisfatte a fine lettura. Nulla da eccepire sulla gradevolezza del testo e sulla capacità dell'autrice di portare nella quotidianità le tematiche...ma per chi si interessa tutto tondo di problemi e spiegazioni nell'ambito della percezione rimane la sensazione d'incompiuto. In realtà l'argomento sembra sospendersi "in cerca d'autore"..tra scienze e filosofia, tra descrizioni e spiegazioni sulla base processi cognitivi. Per chi ha letto J.Gibson e la consistenza della luce di Cassera i rapporti tra luce e percezione risolti in chiave di elaborazione delle informazioni risultano insufficienti. Al tempo stesso l'autrice lascia integro l'enigma che accompagna lo studio della percezione quasi ad evidenziare l'incompletezza delle ratio scientifiche

  • User Icon

    Mario

    12/07/2008 11:48:56

    Il libro contiene tantissimi sorprendenti legami tra scoperte scientifiche e la vita quotidiana, ed è scritto in un linguaggio ricco, lucido e facile da capire. Merita assolutamente il premio che ha vinto, non c’è dubbio!

  • User Icon

    Piero Dorfles

    17/06/2008 21:53:56

    Che il mondo non sia proprio come lo vediamo, ce l’avevano già spiegato. Ma leggendo Il colore della luna, passando da come si è evoluto l’orsetto di peluche al modo in cui riconosciamo le facce, dall’illusione dei colori alla percezione delle distanze, lentamente ci rendiamo conto di quanto è diversa dall’apparenza la nostra capacità di vedere il mondo. Con precisione scientifica, ma insieme con ironia, il libro ci porta - giustamente - a dubitare di tutto quello che crediamo di vedere. Un saggio che si legge come un romanzo, un’indagine scientifica che ci porta a riflettere sui grandi problemi della vita.

  • User Icon

    Guido Moretti

    21/04/2007 20:11:15

    Non è un libro facilissimo ma quando lo hai letto ti rendi conto di possedere, situato nella scatola cranica, un alleato formidabile. Un amico straordinario che costruisce per se stesso e per noi il mondo che ci circonda. Spesso ci inganna ma se lo fa lo fa solo ed esclusivamente nel nostro interesse. E chiudendo il libro dopo aver letto l'ultima riga, senza rendertene conto, ti sorprendi a sussurrare: che meraviglia! Guido Moretti, scultore.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
"Di solito non è difficile spiegare di che ci si occupa. Se di professione faceste lo psicologo della percezione visiva, però, le cose starebbero diversamente. Provate a dire che vi occupate del modo in cui vediamo. Il modo in cui vediamo che cosa? Il modo in cui vediamo i colori, le facce, la distanza degli oggetti, il movimento? E dove sta il problema?". Con queste riflessioni, Paola Bressan, ricercatrice presso l'Università di Padova, esperta di psicologia della visione e psicologia evoluzionistica, inizia il suo libro e inquadra con ironia uno degli aspetti che caratterizza il modo in cui percepiamo ciò che ci circonda. Usiamo i nostri sensi con tale naturalezza da avere l'impressione che non vi sia nulla da spiegare nella percezione; eppure, dietro l'apparente immediatezza della nostra esperienza visiva, è celata una catena di eventi complessi, della maggior parte dei quali non siamo consapevoli.
Leggendo questo libro, chi pensa che il mondo ci appare come lo vediamo semplicemente perché è così, rimarrà sorpreso nello scoprire che la realtà che percepiamo è interamente una costruzione del nostro cervello. Allo stesso modo, chi già conosce parte dei fenomeni della visione, potrà rinnovare il proprio stupore di fronte alle numerose scoperte riferite nel libro, in cui, accanto agli studi classici, sono riportate le più recenti ricerche. L'autrice traccia in modo sintetico e accurato i temi fondamentali della visione ponendo particolare attenzione ai "come" e ai "perché" dei fenomeni connessi.
Particolarmente curato è l'aspetto della comparazione con quello che sappiamo sulla percezione visiva nelle altre specie animali. Ne emerge una prospettiva di ampio respiro, in cui i fenomeni della visione vengono collocati nell'ambito della complessità dei fenomeni biologici dell'evoluzione. La vista è un senso talmente poderoso da costituire il mezzo fondamentale tramite cui raccogliere informazioni dall'ambiente circostante. Grazie alla vista, riusciamo a percepire non solo la presenza di oggetti e di altri esseri viventi, ma anche come sono fatti, di che colore sono, a che distanza si trovano e a che velocità si muovono. Un senso, dunque, quello della vista, che ha costituito una grande rivoluzione nella storia dell'evoluzione della vita sulla Terra.
Perché la luna ci appare bianca e luminosa anche se è di colore grigio scuro? Perché il mondo non si muove quando muoviamo gli occhi? Perché nella penombra possiamo ancora percepire la forma di un oggetto, ma non vediamo più di che colore è? Il volume affronta in modo originale una miriade di quesiti, guida il lettore alla comprensione della complessità dei fenomeni percettivi e rivela molte sorprendenti capacità del nostro cervello. Bressan trae spunto da fatti della vita di tutti i giorni e li traduce in problemi scientifici, coinvolgendoci nella costruzione di un ponte tra l'esperienza quotidiana e i fenomeni legati alla visione. Il risultato è un ottimo lavoro di divulgazione in cui il rigore scientifico non è mai relegato in secondo piano. I lettori più curiosi potranno approfondire le tematiche affrontate nel testo attraverso il blog del libro (http://ilcoloredellaluna.blogspot.com/): con questa idea l'autrice apre uno spazio d'incontro non solo con i suoi lettori, ma con chiunque voglia capire perché il nostro cervello costruisce il mondo in un certo modo.
  Valentina Truppa
Note legali