Colpisci il tuo cuore - Amélie Nothomb,Isabella Mattazzi - ebook

Colpisci il tuo cuore

Amélie Nothomb

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Isabella Mattazzi
Editore: Voland
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 327,1 KB
Pagine della versione a stampa: 128 p.
  • EAN: 9788862433976
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Marie è una bellissima diciannovenne che gode a suscitare l'invidia delle sue coetanee. Quando va in sposa a un giovane benestante, non si rassegna alla nascita di Diane, l'incantevole figlia che attira su di sé l'attenzione di tutti, come non si rassegna a una vita che sembra deludere le sue aspettative... Amelie Nothomb torna a regalarci un romanzo crudele, mettendo a nudo con precisione millimetrica i meccanismi più distruttivi dell'animo umano. "Colpisci il tuo cuore" è la storia di un amore assoluto. L'amore di una figlia per la madre, la sua ricerca di tenerezza, di conferme. Non è però il racconto di una crisi familiare. Invidia, gelosia, rabbia, rancore si muovono all'interno del testo come personaggi silenziosi in grado di farci sussultare a ogni cambio di pagina.
3
di 5
Totale 7
5
1
4
2
3
1
2
2
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    AAA

    20/05/2019 08:51:30

    l'"Igiene dell'assassino" rimarrà sempre il mio preferito di Nothomb, ma anche questo ha una trama originale e non scontata. C'è anche un cambio di personaggio principale. Lo consiglio

  • User Icon

    Laura

    14/01/2019 12:15:04

    Con quale maestria la Nothomb riesce a descrivere lo sprezzo di una madre verso la propria figlia, la gelosia, l'indifferenza..

  • User Icon

    Lorena

    31/08/2018 13:25:43

    In effetti, la Nothomb sembra aver esaurito gli argomenti. I personaggi sono abbastanza uguali a quelli dei suoi precedenti libri (bambini con un'empatia prodigiosa, le figure femminili problematiche e piene di conflitti). L'ho letto perchè le sue storie mi hanno sempre affascinata, visto anche il personaggio che le scrive, ma questa volta sono rimasta un pochino delusa.

  • User Icon

    cristina

    18/08/2018 08:40:03

    Non la solita caustica Nothomb, qui un po' meno "cattivella" con i suoi personaggi, più numerosi del solito. Un racconto incentrato su varie figure femminili, diversamente madri e figlie, capaci di sentimenti meschini come l'invidia, la gelosia e l'arrivismo. Ne escono meglio sicuramente le figlie. Al prossimo romanzo!

  • User Icon

    massimo r.

    23/04/2018 15:08:45

    La Nothomb sembra avere un po’ esaurito gli argomenti, e tende a ripetere atmosfere e meccanismi psicologici, con variazioni sul tema che non cambiano una sostanza già vista.Consigliato solo a chi l’ha letta poco finora.

  • User Icon

    Emanuela

    11/04/2018 07:14:24

    I libri della Nothomb sono tutti uguali. Dopo averne letto uno, il resto sono solo mezz'ore di vita sprecate (sono cortissimi quindi si finiscono subito). Per quanto sono simili non saprei neanche più associare qualche trama al titolo giusto.

  • User Icon

    Alessandra

    08/04/2018 18:19:19

    Non sono rimasta particolarmente colpita da questo romanzo, il primo che leggo di questa scrittrice. Non so se ne leggerò altri.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  • Amélie Nothomb Cover

    Scrittrice belga. Figlia di un ambasciatore membro di una delle famiglie più in vista del suo paese ha trascorso l'infanzia in Giappone, per poi trasferirsi in Cina al seguito del padre diplomatico.I suoi libri hanno ormai conquistato milioni di lettori e fans appassionati. L’esordio a soli ventitré anni con Igiene dell’assassino, cui ha fatto seguito, ogni anno, un romanzo accolto con identico successo. Laureatasi, decide di ritornare a Tokyo per approfondire la conoscenza della lingua giapponese studiando la «langue tokyoïte des affaires»: assunta come traduttrice in una enorme azienda giapponese, vive un'esperienza durissima che racconta in seguito nel libro Stupore e tremori, che riceverà il Grand Prix du Roman dell'Académie... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali