Categorie

Rudolf Höss

Traduttore: G. Panzieri Saija
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788806221164
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    mjb

    06/04/2015 00.27.36

    da leggere per cercare di capire e conoscere "dall'interno" la metodologia pensata,valutata,sperimentata del meccanismo dello sterminio; la freddezza con cui Hoss si esprime lascia per certi versi increduli...la fedeltà ad una ideologia ed il connesso "senso del dovere e della disciplina" imposti dalla posizione militare hanno fatto di un piccolo borghese di strette vedute e di frustrazioni represse uno dei peggiori criminali della storia....paradossalmente se trasferito in un altro contesto sociale/lavorativo non avrebbe ucciso una mosca. Consigliata questa edizione per la ricca bibliografia.

  • User Icon

    Gondrano

    08/06/2012 10.53.42

    L'autobiografia scritta da Hoss nel periodo di detenzione antecedente la sua esecuzione. E' un agghiacciante, freddo e lucido resoconto del come una personalità insignificante si potesse inserire alla perfezione nei meccanismi della macchina sterminatrice del terzo reich. Hoss cerca spesso di vestire i panni dell'agnello sacrificale, di colui che eseguiva necessariamente gli ordini pur con l'animo addolorato, ma in quei frangenti risulta solamente patetico ed inverosimile. In realtà il risultato è il ritratto del perfetto nazista, incapace di provare alcunché nei confronti di chiunque, persino dei suoi stessi famigliari, e ligio al dovere al di là di qualsiasi scrupolo di coscienza, ammesso che ne abbia avuta una. Sconvolgente ma imprescindibile.

  • User Icon

    gcarlo

    16/05/2012 23.29.50

    Il libro, dal punto di vista artistico-letterario non è valutabile. E' un semplice diario scritto da un prigioniero in attesa dell'esecuzione! Però dal punto di vista contenutistico è molto ricco di elementi, in certe parti del libro si scorge come Hoss stesso, nonostante fosse un pezzo grosso, sia stato spesso mantenuto all'oscuro di certe operazioni. Altre volte sembri invece autogiustuficarsi, spesso entra in contraddizione (ad esempio sul suo odio-indifferenza verso gli ebrei o i metodi di prigionia da usare nei campi). Nomina spesso la fattoria di campagna dove avrebbe voluto vivere e lavorare, come una sorta di consolazione interiore-speranza, come per dire "voi state per uccidere il capo di auschwitz, una belva per l'umanità, ma io avrei voluto solo vivere tranquillo in campagna". Una personalità molto frastagliata, amante del dovere, incapace spesso di ragionare da sola, un hitleriano tipico.

  • User Icon

    monica

    26/01/2012 09.10.37

    E' a Hoess che si deve la scritta all'entrata del campo "il lavoro rende liberi" perche' riteneva che il duro lavoro fosse il miglior strumento educativo per l'Uomo. Era presente in tutte le attivita' del campo comprese le selezioni per le uccisioni e le gasazioni, adempiva con rigore ed onore ai doveri per il quale era stato addestrato, era consapevole dei crimini che venivano perpetrati in Auschwitz ma li riteneva necessari per il raggiungimento dello scopo che Hitler si era prefissato. In queste sue memorie non esiste nessun senso di colpa, nessun rimorso, solo giustificazioni, ubbidire agli ordini era assolutamente necessario, ribellarsi avrebbe creato disordini e lui, Hoess non amava il disordine. Rimase fedele fino alla fine alla folle Idea nazista della pulizia etnica, all'uso del terrore come strumento ideale per rendere il popolo tedesco ubbidiente e riconoscente al campo supremo del nazismo, alla necessaria guerra di aggressione contro i popoli per creare lo spazio vitale per la razza superiore tedesca. Un libro da leggere per comprendere la figura di questo nazista che compiva il suo lavoro di assassino con freddezza nel solo nome del cieco senso del dovere.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione