Come una carezza. Lettere d'amore dell'Ottocento italiano

Curatore: G. Davico Bonino
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788806178512
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 6,75

€ 10,62

€ 12,50

Risparmi € 1,88 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    03/09/2017 10:28:30

    Un aggrapparsi a caratteri svelti e resi spesso in modo sgrammaticato, a segni come orribili larve nel cosmo di un'elettronica ormai schiacciante, mentre al funerale della calligrafia il corteo diventa di giorno in giorno una sfilata di flotte dilettantesche, di eserciti impreparati, di inetti convogli impossibile da contare. Eh sì, questo mondo in massima parte adora coltivare bifolchi e se ne compiace come in un grande bazar di sottomessi senza cura. Tanto è più facile lo schermo, sbrigativo, pratico, mentre il sensibile vero sfonda registri che nessuna multinazionale potrà mai sognarsi. La penna di un uomo può sempre di più di una sofisticata protesi usata senza criterio. Scontate le dovute eccezioni , ecco un libro di lettere d'amore, quel mondo lontano anche abitato da nastri ad avvolgerle tutte insieme e conservarle poi in qualche grande cassetto, da qualche nenia malinconica e forse retorica nell'urto delle frasi, da distanze scavate in uno stile, una presa, un animo talmente ampi e sinceri come il fuoco che lo smuoveva. Perché quando la parola è potenza, il risultato è bellezza assicurata. La mano preme sulla carta, una linea d'errore può commuovere più di un periodo stupendo; c'è la vita, la lotta, c'è il desiderio che chiama e la paura che frena, il morso che offende e la sorpresa inattesa. Un deposito umano che continuerà sempre a respirare incorrotto e contro il quale ogni sforzo di accantonarlo avrà inevitabilmente partita persa. Ci sono i nomi più grandi delle lettere italiane, la meraviglia della prosa di Verga e le candele mai spente nel petto di Foscolo, le promesse di D'Annunzio, i disagi di Slataper, la Fanny di Leopardi, la forza di Manzoni. Una raccolta che rilassa e commuove, getta le palpebre in decenni così distanti eppure, nel divorante e massacrato tempo dell'oggi,necessariamente così vicine,per contrasto, per salvezza.Si può donare elettronicamente una carezza? Aspettasi risposta tramite epistola...scritta doverosamente a mano, s'intende.

Scrivi una recensione