Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Come diventare buoni - Nick Hornby - copertina

Come diventare buoni

Nick Hornby

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Stefano Viviani
Editore: TEA
Collana: Teadue
Edizione: 6
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
Pagine: 292 p., Brossura
  • EAN: 9788850207305

€ 8,60

Venduto e spedito da Librisline

Solo una copia disponibile

+ 2,90 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 7,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Come si fa a diventare buoni? E soprattutto, che cosa significa essere buoni? Katie Karr non se l'è mai chiesto: una donna che ha scelto di diventare medico per aiutare gli altri e che ha cresciuto i figli ai valori morali più profondi non ha nemmeno bisogno di chiederselo. Finché quella donna non tradisce il marito. E allora il marito, David, decide di dare una svolta alla sua vita. Abbandona le arguzie sarcastiche con le quali non risparmiava nessuno, nemmeno la moglie e i figli, e rinuncia a versare veleno su tutto e tutti nella rubrica che firmava regolarmente su un quotidiano locale; insomma smette di essere "l'uomo più arrabbiato di Holloway" per diventare buono. Ma buono sul serio, facendo perdere a Katie ogni punto di riferimento.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,02
di 5
Totale 94
5
20
4
21
3
15
2
21
1
17
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    federica

    08/03/2014 11:42:59

    Ho appena terminato il libro e lo considero impeccabile. Solito stile di Hornby, tra il profondo e l'ironico, è scritto benissimo e ha un ritmo incalzante che invoglia alla lettura. E, soprattutto, parla delle nostre più private contraddizioni e ipocrisie. Ho ammirato la capacità di un autore uomo di descrivere quel che accade nella mente di una donna. Chapeau!

  • User Icon

    Annarita

    21/09/2013 23:36:56

    Il tema è la crisi di coppia. Lei, medico, è l'anima bianca della famiglia, lui quella nera: rancoroso e sempre ostile con tutti. Poi lei lo tradisce, tutto cambia e i ruoli si ribaltano. In fondo è la vita, chi è solo buono e chi solo cattivo? Hornby, al solito, scrive bene e racconta con ironia una storia comune. Rappresenta con grande abilità e acutezza i conflitti e le puerili ripicche quotidiane spingendosi fino al paradosso senza, tuttavia, scivolare mai nel banale. Mentre ci diverte esplora con schiettezza e profondità le dinamiche psicologiche individuali e la complessità dei rapporti umani. Non delude il finale.

  • User Icon

    Sophya

    05/03/2013 19:40:20

    A parte l'inizio un po' lento, il resto del libro ha un buon ritmo ed è incalzante e coinvolgente. Consigliato.

  • User Icon

    Nicolò

    21/05/2012 19:37:43

    Bello, originale, molto ben scritto e spiritoso. Non è solo un libro per ridere: i dialoghi e le considerazioni della protagonista sono a volte di una comicità irresistibile (a me è capitato di scoppiare a ridere mentre lo leggevo (con mia moglie che mi guardava con uno sguardo perplesso...)) ma presenta delle situazioni paradossali che sono tali solo in apparenza, e servono per aiutarci a comprenderle (e soprattutto a comprenderci) meglio.

  • User Icon

    simonetta ortelli

    10/07/2011 20:51:20

    Grande profondità psicologica. Grande capacità di penetrare e smascherare i giochi psicologici di coppia, i subdoli ricatti, le ripicche e i rancori che ci illudiamo di nascondere e annullare. Sottile e acuto, un romanzo in cui sotto l'apparente comicità si nasconde la "tranquilla disperazione" che molte coppie vivono. La crisi della coppia non è roba trita e ritrita (è il primo motivo per cui le persone consultano gli psicologi) e qui è descritta senza moralismi e consolanti lieto fine. Il finale non è banale, ma fortemente simbolico e profondamente amaro. La domanda è: è giusto impuntarsi e trascinare un matrimonio stanco e avvilente? Per me anche molto moderno nella descrizione di quei santoni new age a cui molti disperati si appigliano. Incredibile la capacità di Hornby di identificarsi nell'animo femminile (e io invece sono una donna, a differenza di qualche uomo che definisce quello dell'autore un "punto di vista falsamente femminile", sì caro, mi spiace deluderti ma molte di noi la pensano proprio così). L'ho preferito decisamente ad Alta Fedeltà. Non metto 5 solo perchè quello è un voto riservato ai grandi capolavori letterari. Leggetelo. Simonetta.

  • User Icon

    Giuseppe

    14/10/2010 16:48:46

    Adoro questo romanzo; l'ho letto solo perché l'autore era Nick Hornby, che aveva scritto uno dei miei libri preferiti (alta fedeltà). Ma nonostante non mi aspettassi chissà cosa (o forse proprio perché non mi aspettavo chissà cosa), questo romanzo mi è piaciuto da morire. Lasciate perdere chi dà voti bassi; ma anche chi, come me, dà voti alti. Leggete questo libro e giudicate voi. Ci sarà chi l'avrà considerato una perdita di tempo e chi lo amerà e vorrà consigliarlo a tutti. Io sono tra quelli che l'hanno amato. E quindi lo consiglio.

  • User Icon

    Kat

    12/10/2009 10:04:31

    Un divertentissimo spaccato della vita di coppia e, piu in generale, dei rapporti familiari. Spassosissimi i dialoghi, notevole la caratterizzazione dei protagonisti. Un piccolo consigliatissimo gioiello, che si legge in poche ore ma fa ridere e riflettere per giorni.

  • User Icon

    mauro

    25/08/2009 00:00:04

    fa riflettere, con il suo classico modo di scrivere ti guida attraverso pensieri che ogniuno saprà fare suoi. Puoi essere il cattivo per forza che diventa buono altrettanto forzatamente, puoi essere la buona per vocazione che poi in fondo ha i suoi lati di sana cattiveria, o la bambina sognatrice come solo gli animi puri sanno essere, un DJ svalvolato che non ha risolto tutti i suoi bizzarri problemi, una serie di personaggi ognuno con le sue pecche e per questo comunissimi. Un mondo da tenere insieme tirandolo per il fondo dei pantaloni. A nessuno interesserà, ma personalmente mi sono immedesimato con Tom.

  • User Icon

    OskarSchell

    06/05/2009 12:58:53

    Un pelino meno bello di "Un ragazzo", ma comunque carino.

  • User Icon

    Gaetano Sannino

    26/12/2007 21:30:25

    Beh insomma. Mi è stato presentato come un capolavoro invece è semplicemente interessante. Bello comunque e originale anche

  • User Icon

    thereader

    10/09/2007 19:13:21

    Un Nick Hornby in grande spolvero!!!

  • User Icon

    Pippo

    06/04/2007 16:16:44

    Carina l'idea di fondo anche ben esposta ma a mio parere troppo pensiero in questo libro. Un personaggio che diventa buono in maniera veramente spropositata.Cmq leggetelo mi sembra un buon scrittore.

  • User Icon

    Gianluca

    19/01/2007 15:07:29

    disarmante

  • User Icon

    alex

    13/01/2007 14:39:29

    Mi spiace vedere una media voto così bassa per questo che è uno dei libri più belli che io abbia mai letto (se non forse proprio il più bello!). E pensare che l'ho comprato per caso perchè costava poco (4.90) e la trama non mi dispiaceva. Ho scoperto poi che Horby è anche l'autore del libro da cui è stato tratto un film che m'è piaciuto moltissimo ("Abou a boy"). Insomma: 'sto N.H. proprio mi ispira! Mi ripropongo di leggerne altri: mi son fatta regalare "Non buttiamoci giù" e il prossimo quindi sarà quello!

  • User Icon

    Michele Bartalini

    21/11/2006 10:11:34

    i personaggi sono così reali che risulta impossibile non provare dei sentimenti verso di loro. dialoghi squisiti e uno spaccato della vita di coppia e della sua complessità.

  • User Icon

    Azalea

    27/10/2006 13:50:50

    Acuto da morire Hornby! Ma come diavolo fa a delineare psicologicamente così bene i suoi personaggi?

  • User Icon

    Barby

    17/10/2006 14:10:50

    Appena finito...che dire! Mi è piaciuto e mi ha sconvolto.E' impossibile non ritrovarsi nelle considerazioni della protagonista.Un libro che aiuta a pensare alle cose di ogni giorno,a quelle piccole cose routinarie che a volte non consideriamo o a volte odiamo ma che in realtà fanno parte della nostra stessa vita. Consigliato,almeno una volta leggetelo...Io ci tornerò per una seconda.

  • User Icon

    Carmelo De Rosa

    17/10/2006 12:26:30

    Sono d'accordo con molti commenti: mi piace Hornby ma questo è scritto proprio col "mestiere". Al di là della satira del buonismo e della presa in giro di una sorta di New Age, non c'è molto altro. Meno male che ho iniziato da Alta Fedeltà e altri di Hornby prima di leggere questo!

  • User Icon

    sarah

    01/09/2006 08:12:58

    libro con personalità, personaggi ben definiti, nel bene e nel male, sempre ironico e mai scontato, realista all'inverosimile, forse anche un filino troppo, uno dei migliori di hornby a mio avviso

  • User Icon

    Tiziana

    27/07/2006 10:12:56

    Divertentissimo,ironico e mai banale. Hornby riesce a rendere divertente e leggero ciò che altrimenti potrebbe risultare difficile, direi quasi drammatico. Fantastico il finale e soprattutto "viva i libri"!

Vedi tutte le 94 recensioni cliente
  • Nick Hornby Cover

    Nato nell'Inghilterra della fine degli anni Cinquanta, Nick Hornby è considerato una delle voci più originali tra gli autori contemporanei, con i suoi romanzi in cui descrive brillantemente vizi e virtù della sua generazione. Esordisce in letteratura nel 1992 con Febbre a 90°, che racconta la passione dell’autore per il calcio, in particolare per la squadra dell’Arsenal, diventato poi film nel 1997 con Colin Firth. I suoi libri sono pubblicati in Italia da Guanda; tra questi ricordiamo: Febbre a 90’ (1997), Alta fedeltà (2015), Una vita da lettore (2018), Tutto per una ragazza, Sono tutte storie (2013). Sempre da Guanda sono usciti tre volumi da lui curati: i racconti di Le parole per dirlo, la raccolta di scritti sulla musica Rock, pop,... Approfondisci
Note legali