Categorie

Danilo Kakuen Sacco, Massimo Cotto

Editore: Rizzoli
Collana: Rizzoli best
Anno edizione: 2012
Pagine: 186 p. , Brossura
  • EAN: 9788817062534

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ciro Andreotti

    07/07/2013 14.41.57

    La vita e la carriera di Danilo Sacco, narrata da lui in prima persona. Partendo dall'infanzia sino ad arrivare all'età adulta nella quale arriva velocemente la scelta d'intraprendere la carriera nel campo musicale. Poi l'approdo imprevisto e imprevedibile nei Nomadi e infine i problemi di salute e la decisione di abbandonare a sorpresa il gruppo per proseguire come solista. Una manciata di capitoli, una serie di ricordi e impressioni che con una prosa veloce e una narrazione in soggettiva portano il lettore da Agliano, il paese natio di Sacco, sino al centro del Tibet. Nel mezzo la carriera come vocalist del gruppo rock più longevo della penisola: I Nomadi, in sostituzione del defunto Augusto Daolio. Da li però la storia di Danilo prende una nuova piega. Attraverso una parte centrale nella quale vengono narrate, per iscritto e dettagliatamente, per la prima volta, le paure di un uomo che ha dovuto superare un infarto che lo ha portato ad un passo dalla morte, poi la ricaduta per la paura di non riuscire più a essere quello di prima e la lenta ripresa verso una vita segnata dal Buddhismo e dalla convinzione di dover abbandonare il gruppo, perché di cose da dire ce ne sono ancora molte e i Nomadi forse non fanno più per lui, né lui per loro. Un libro per chi apprezza la musica e un personaggio abbastanza onesto da mostrarsi per quel che è ovvero: "un contadino prestato alla musica che per quasi venti anni ha dovuto sostituire un monumento come Augusto"

  • User Icon

    marelu

    31/01/2013 10.24.20

    Grande Danilo...sei nel cuore di molti e anche nel mio! Leggerti è stato facile, coinvolgente, emozionante. Bella storia, bella persona. Sono certa che continuerai a farmi sognare con la tua speldida voce. Rileggerò di nuovo il tuo libro, quello di un uomo semplice e vero che ha trovato se stesso.

  • User Icon

    Andrea

    16/01/2013 13.26.59

    Un libro che si legge tutto d'un fiato. Magari chi ha vissuto Danilo anche nella sua storia musicale riesce a cogliere le reali sfumature del libro, ma è un libro che fa riflettere su molte cose della vita di tutti i giorni. Un libro che andrebbe letto, che ho letto volentieri e che rileggerò per entrari meglio nel significato di acuni passi molto profondi. Consigliatissimo

Scrivi una recensione