Categorie

Serge Latouche

Traduttore: F. Grillenzoni
Collana: Temi
Anno edizione: 2005
Pagine: 105 p. , Brossura
  • EAN: 9788833916231
Usato su Libraccio.it € 5,94

Il grande romanzo a puntate di Latouche sembra non aver fine: quasi a smentire la lotta contro il paradigma della crescita ecco l'ennesimo saggio sull'occidentalizzazione del mondo attuata con l'imposizione dello "sviluppo" all'intero pianeta. Spesso si lascia un libro di Latouche ritenendo che il professore abbia fondamentalmente ragione e che tuttavia in mancanza di soluzioni immediate al problema economico si debba proseguire nella loro ricerca secondo i canoni del tanto controverso sviluppo. Eppure ed è ciò che stupisce il saggio mostra una (nuova e) "bella stanchezza" in particolare nella seconda parte laddove s'introduce il concetto di decrescita e si accenna alle logiche maussiane della società vernacolare di alcuni paesi africani. Compare la consapevolezza del declino quasi affettuosa un impero romano allo sfascio che – ostinato com'è – non mollerà fino all'ultimo; ma anche l'indicazione precisa del senso del declino stesso. La decolonizzazione dell'immaginario non è una semplice trovata linguistica ma una vera e propria necessità la più importante ("Bisogna cominciare a vedere le cose diversamente perché possano diventare diverse"). La prima sezione del libro mostra efficacemente quanto la retorica dello sviluppo abbia ormai invaso persino i progetti di economie alternative. E non mancano nemmeno esempi concreti (eliminare l'obsolescenza dei prodotti ridurre le spese in pubblicità ecc.) per muoversi anche qui come nel Sud verso una società della decrescita. Dal declino (dell'economia dello sviluppo) alla rinascita (della società e dei legami) passando per una consapevolezza la cui negazione è la più potente arma degli sviluppisti: quello economico è in primo luogo un problema.

Mario Cedrini

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    aristos

    11/06/2007 11.05.32

    Come tutti i libelli risulta convincente nella pars destruens (tutti ci accorgiamo delle contraddizioni che viviamo). La scarna pars construens e' piena di bella frasi, che pero' non dicono nulla sui concreti modi e mezzi per cambiare rotta. Anche la frase di Marx "da tutti secondo le sue possibilita' a ciascuno secondo i suoi bisogni" e' molto bella, ma poi chi stabilisce quali sono i bisogni di ognuno? Abbiamo visto come e' andata a finire.

  • User Icon

    Antonio Lo Nardo

    22/03/2006 22.40.49

    Una vera delusione. Pieno di slogan. Per nulla rigoroso.

  • User Icon

    alessandro guardabassi

    22/02/2006 16.54.25

    Le teorie economiche sono a volte davvero indiscutibili, tanto sono evidenti. Ormai sembra anche indiscutibile negare l'insostenibilità di ogni tipo di sviluppo. La critica che però rivolgo a questo volume è di esser troppo lontano dalla realtà. Al contrario di Maurizio Pallante nella sua "Decrescita Felice", c'è una larga parte di critica ma una piccola parte di costruttivismo politico. Per quanto mi riguarda manca quello che viene invece promesso nel titolo: come sopravvivere allo sviluppo.

  • User Icon

    Domenico Di Memmo

    15/01/2006 12.32.07

    Questo libro si basa sulla critica allo sviluppismo, cioè alla visione fanatica dello sviluppo e della crescita del pil a costi enormi per l'ambiente e per le società ancora caratterizzate da strutture ancestrali e rituali. Presenta una critica al nostro modello economico (che non manca di colpire la maggior parte degli economisti sia liberisti ma anche marxisti, e non per fare una finta par condicio, ma basandosi sulle loro parabole in contrasto con il suo pensiero); presenta una critica allo sviluppo concepito solo in termini di crescita del PIL procapite e dimostra scientificamente come lo sviluppo crea disuguaglianze tra redditi e paesi e non risulta essere "sostenibile" (anche quello "sostenibile"!) dalle risorse del nostro pianeta ( Se tutti i paesi si dovessero sviluppare al livello degli usa ci vorrebbero le risorse, calcolate in kcal, di 8 pianeti pari al nostro!!!). Quindi egli invita ad un ripensamento sullo sviluppo proponendo come soluzioni (per me ottime, un po utopiche e storicamente abbastanza difficili da applicare) la decrescita conviviale e il localismo. Concludo con un pezzo del libro che riflette il mio modo di vedere e di pensare: NOI VEDIAMO IL PROGRESSONELLA BELLEZZA DELLE CITTA' E DEI PAESAGGI, NELLA PUREZZA DELLE FALDE FREATICHE CHE CI DANNO L'ACQUA POTABILE, NELLA TRASPARENZA DEI FIUMI, NELLA PULIZIA DELL'ARIA CHE RESPIRIAMO, NEL SAPORE DEI CIBI CHE MANGIAMO. C'E' ANCORA MOLTO DA INVENTARE PER RENDERE PIU' EFFICACE LA LOTTA CONTRO L'INVASIONE DEL RUMORE, PER AUMENTARE GLI SPAZI VERDI, PER PRESERVARE ( E IO AGGIUNGO FAR SVILUPPARE ARMONICAMENTE) LA FLORA E LA FAUNA SELVAGGE, PER SALVARE IL PATRIMONIO CULTURALE E NATURALE DELL'UOMO.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione