Con uno sguardo diverso - Christa Wolf - copertina

Con uno sguardo diverso

Christa Wolf

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: E/O
Collana: Dal mondo
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 3 novembre 2008
Pagine: 153 p., Brossura
  • EAN: 9788876418488
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 12,75

€ 15,00
(-15%)

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Con uno sguardo diverso

Christa Wolf

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Con uno sguardo diverso

Christa Wolf

€ 15,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Con uno sguardo diverso

Christa Wolf

€ 15,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 8,30 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questa raccolta di racconti, il libro più recente della scrittrice tedesca, dà conto di una vita vissuta "a visiera alzata". Nella varietà di registro di ogni racconto - l'ironia, la tenerezza, la profondità - torna infatti sempre protagonista la personalità di una donna che ha affrontato il suo tempo e la sua vita con coraggio, franchezza e intelligenza. Gli originali percorsi linguistici di "Nella pietra" e "Associazioni in azzurro", i reportage a metà tra l'intimo e l'oggettivo delle esperienze vissute dall'autrice durante il suo soggiorno negli USA poco dopo la caduta del Muro di Berlino, i teneri - e al tempo stesso ironici e gustosi - spaccati di vita coniugale e le attualissime riflessioni di "Giovedì 27 settembre 2001" guidano il lettore alla scoperta di una Christa Wolf a tutto tondo. Lasciando affiorare ricordi della sua vita, interrogandosi e riflettendo sui meccanismi spesso perversi dell'attuale realtà e riuscendo a percepire con tutti i sensi nuovi ambienti e persone, Christa Wolf si offre senza riserve accompagnandoci in un viaggio intenso e coinvolgente nella sua vita e nelle sue sensazioni più profonde
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

1
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Stefano

    02/07/2009 13:04:03

    Per quelli che avevano conosciuto Christa Wolf attraverso la lettura dei suoi romanzi più intensi, apprezzandola come uno dei massimi scrittori del secondo Novecento ( non dico scrittrici per non limitare il confronto al solo campo della letteratura femminile), credo che questa raccolta di racconti dell’autrice tedesca non possa che trasmettere un senso di profonda delusione. Se il titolo del libro, “Con uno sguardo diverso”, allude alla deliberata intenzione da parte della scrittrice di abbandonare il registro dei suoi capolavori, per abbracciare una scrittura più lieve, modulata sulle circostanze del quotidiano, attenta alla superficie delle cose, esito di un differente approccio con la realtà, il tentativo mi sembra fallito. La sensibilità della scrittrice si impantana in una perlustrazione del reale opaca, meccanicamente descrittiva, incapace di restituire i bagliori dell’universo visibile. Cosicché si ha l’impressione che il titolo sia un alibi per nascondere una crisi creativa. In attesa di prove più convincenti rileggiamo i veri grandi romanzi di Christa Wolf.

La raccolta di racconti ha segnato nel 2005 il passaggio di Christa Wolf dalla casa editrice Hanser a Suhrkamp. Nell'originale i testi sono nove, ma giustamente le edizioni e/o hanno ignorato Nagelprobe (Prova del fuoco), di scrittura troppo calata nel linguaggio idiomatico e perciò quasi intraducibile. Del resto anche le Associazioni in azzurro, distese nelle varianti del ventaglio cromatico, appaiono come un piccolo divertissement letterario. Caratteristico invece dell'autoanalisi wolfiana è Nella pietra. Come ragiona il cervello invischiato nel "fango" della narcosi? In sala operatoria, "pezzo di carne sul banco del macellaio", le gambe impietrite dall'epidurale, emergono ricordi e citazioni, frammenti mitogici e figure familiari. Una sorta di scrittura automatica, mossa da una grafica in cui si staglia lo stampatello, voce prescrittiva e rassicurante del chirurgo, mentre la paziente – beata pianificazione tedesca! – sente Mozart in cuffia "a volume regolabile".
I tre racconti di ambiente statunitense sono correlati con il titolo. Diverso appare il mondo nella multiculturale Los Angeles, e lo sguardo della scrittrice europea coglie fotogrammi di un chiassoso party elettorale per Bush, individua nella folla i russi immigrati, plaude lungo l'oceano di Santa Monica al jogging delle innocenti magliette sudate con sopra scritto "Do you like me?". E a quella sorprendente ingenuità la sua risposta "non può che essere sì!" – ma nel farsi di una cronaca a tratti solare irrompe per contro la memoria tedesca, la "traccia del dolore" di speranze e utopie perdute. Sono gli anni successivi alla riunificazione, Wolf è ospite del prestigioso Getty Center e, in questa prosa documentaria e rammemorante, medita sulla sua Medea. Anni difficili per lei, accusata di essere la "scrittrice di stato" della scomparsa Ddr. Intatta resta tuttavia la capacità di osservare, di restituire ambienti e sensazioni. Si prenda il fulminante Sessione fotografica L.A., dove l'uso insolito del registro comico spazia dalla parodia all'autoironia. Si intravede l'austera scrittrice trainata da un taxista ex attore – felice emblema, questo, della flessibilità americana – fin dentro un frenetico studio fotografico affollato di modelle dove, volente e nolente, Wolf viene struccazzata da una lesta make-up-girl e ripresa per un noto magazine. Con un finale a sorpresa che è la sintesi dell'attuale industria culturale.
L'ultimo racconto, Giovedì 27 settembre 2001, nato come capitolo finale di Un giorno all'anno. 1960-2000, è rimasto a lungo nel cassetto, troppo vicino era infatti lo choc dell'11 settembre. La prima edizione fu quella italiana e con la voce di Anita Raja: un dono di Wolf per la fondazione dell'"Almanacco" (Portofranco, 2003), la rivista torinese curata da Gabriella Bosco e Giorgio Cerruti.
A ridosso dell'attentato, il lessico si carica di cronaca televisiva solcata dagli inserti in lingua inglese, con la loro ossessiva convergenza semantica sull'urgenza militare. Emerge anche qui la pratica della scrittura come sviluppo e scorrimento lungo le direttrici della memoria. Flâneuse della storia, mentre tende a indagare razionalmente gli eventi, Wolf di fatto li riattraversa in dialogo con improvvisi e pungenti personaggi del passato. Brecht, ad esempio, con i suoi versi irridenti, o le inquiete figure di donne ebree scampate alla Germania nazista. La rievocazione di un paese ospitale – l'America che accolse gli emigranti in fuga da Hitler – si contrappone al "bacillo" neonazista delle periferie orientali di una Berlino riunificata. Segnali di movimento a chiasmo, destinati a spazzare via il sospetto di un antiamericanismo di maniera. Con una strategia già collaudata in Cassandra e in Guasto – ma qui ben più esplicita – Wolf immagina un pacifismo che valica confini e linguaggi. Significativa è la reiterata citazione da The city of God di Edgar L. Doctorow, l'autore statunitense nei cui confronti l'io narrante manifesta una vera e propria affinità elettiva. La cifra di fondo è quella dello "strappo nel tempo" determinato dall'attacco terroristico. Domina il registro dello sgomento, del senso d'inappartenenza a un mondo scosceso dalla violenza. Resiste invece la dimensione privata, marcata, com'è consuetudine in Wolf, dai segni tangibili dell'esistenza quotidiana, anche nascosta – complice la simbiosi con il marito Gerhard – nello stallo casalingo, tra la doccia, il letto e la lavatrice. Perché sono proprio queste smagliature del banale a costituirsi come spore di vita.
C'è poi un ultimo aspetto, meno appariscente e tuttavia significativo per una scrittura che non esclude la valenza operativa. È la funzione fondante, di reciproco riconoscimento tra Est e Ovest, che scaturisce dalla letteratura autobiografica tedesca successiva al 1989. Ma l'intesa non può che passare attraverso la correzione di alcune storture della storiografia occidentale, sembra dirci l'autrice. Come nel caso di Hans Stubbe, figura vessillo della fitogenetica nella Ddr, poi discreditata dalle impazienti obliterazioni occidentali. Si sente un guizzo di rivolta frontale nella difesa dello scienziato, sostenuta dal richiamo a quel fiero ritratto di intellettuale sul campo che la scrittrice gli aveva dedicato nel lontano 1968. Non è l'unico riferimento alle opere precedenti. Ripetutamente, infatti, la scrittrice mette in luce le proprie risorse narrative, sigle memoriali che punteggiano il testo. Ossia: il passato è rivisitato attraverso la propria opera narrativa. Intellettuali artefici di storia? Indubbiamente questi racconti, nell'ottima resa dalle traduttrici, si presentano come testimonianza di una volontà critica che cerca nella parola la misura dell'esistenza.
Anna Chiarloni
  • Christa Wolf Cover

    Nata il 18 marzo del 1929 in Polonia è considerata una scrittrice tedesca e ha vissuto nella Germania Est, laureandosi a Lipsia e svolgendo attività di lettrice editoriale a Berlino (dove è morta) e a Halle. È una delle principali scrittrici contemporanee. Passata in pieno per due dittature su terra tedesca, ha incarnato per decenni il cuore della letteratura e dei sogni dell’ex-Rdt. Il suo impegno politico ufficiale si è accompagnato a un’insistente rivendicazione della propria autonomia di scrittrice; nel 1976 è stata espulsa dall’Unione degli scrittori tedeschi. Il racconto lungo, Il cielo diviso (Der geteilte Himmel, 1963), storia di un amore nella Germania divisa, divenne uno dei testi più letti e discussi nel suo paese.... Approfondisci
Note legali