Concerti e sonate per flauto dritto - CD Audio di Giuseppe Sammartini,Giovanni Battista Sammartini,Stefano Bagliano

Concerti e sonate per flauto dritto

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 18 marzo 2011
  • EAN: 5028421941578

€ 12,50

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

G. Sammartini: Sonata in La minore per violoncello e basso continuo, Trio Sonata in Sol op.1 n.4
Giovanni e Giuseppe Sammartini erano due fratelli di Milano che diventarono grandi musicisti nell'universo musicale del XVIII secolo. Giovanni visse e lavorò sempre a Milano e divenne maestro di cappella in un gran numero di chiese. Era attivo in tutti i generi, incluse l'opera e le sinfonie e produsse un gran numero di sonate e trii. Il suo allievo più famoso fu Gluck. Giovanni fu un compositore importante per lo sviluppo dello stile classico. Egli era un oboista virtuoso oltre che un compositore. Al contrario del fratello, Giuseppe viaggiò molto, stabilendosi a Londra negli anni Venti del XVIII secolo, unendosi all'orchestra dell'opera. Sebbene fosse più 'un uomo di mondo' rispetto al fratello, Giuseppe era il più conservatore dei due e la sua musica è tardo barocca nello stile. Questo CD riunisce le sonate di entrambi i fratelli e un concerto di Giuseppe per flauto dolce e archi.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Giuseppe Sammartini Cover

    Compositore. Fratello maggiore di Giovanni Battista S. Fu membro dell'orchestra del teatro ducale milanese; nel 1727 si stabilì a Londra, come oboista nel King's Theatre, allora diretto da Händel. Negli ultimi anni fu direttore della musica da camera presso il principe di Galles. Importante innovatore della musica strumentale, operò nel settore della sonata e del concerto secondo i moduli dell'ultimo periodo barocco, già superando il basso continuo. Fra le sue raccolte spiccano quelle dei Concerti grossi op. 5 (1747) e delle Ouvertures e grandi concerti, op. 7-8 (1752), op. 10 (1756) e op. 11 (1756). I concerti per clavicembalo o organo dell'op. 9 (1754) e quelli postumi (1790) sono di evidente impronta händeliana. Approfondisci
  • Giovanni Battista Sammartini Cover

    Compositore. Trascorse tutta la sua vita a Milano; fu compositore ufficiale di molte pubbliche manifestazioni, organista e maestro di cappella di varie chiese, e si adoperò per la divulgazione della musica strumentale. Dal 1737 al '41 ebbe come allievo Ch.W. Gluck. Principale esponente di quella scuola milanese che si distinse specialmente nel campo della sinfonia, S. occupa un posto particolare nel quadro della civiltà preclassica, per la ricchezza inventiva e la concisione del suo stile sinfonico, che rivela un graduale ma deciso superamento dei modi tardobarocchi. Ormai assodata è l'influenza da lui esercitata su Gluck e su Boccherini, mentre più sfumata e indiretta fu quella su Haydn e Mozart, nel giudizio dei quali lo stile sinfonico di S. veniva a confrontarsi con quello della scuola... Approfondisci
Note legali