Concerto per due pianoforti e orchestra

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Max Bruch, Carl Czerny
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: CPO
Data di pubblicazione: 1 marzo 2018
  • EAN: 0761203509027
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 19,50

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Carl Czerny (1791-1857):
Concerto per pianoforte a quattro mani e orchestra op. 153
Max Bruch (1838-1920):
Fantasia per due pianoforti op. 11; Concerto per due pianoforti e orchestra op. 88°
Nel 2017 il Piano Duo Genova & Dimitrov è stato insignito del prestigioso Echo Award per il disco dedicato ai concerti per due pianoforti e orchestra di Béla Bartók e Viktor Babin, realizzato con l’Orchestra Sinfonica della Radio Nazionale Bulgara diretta da Yordan Kamdzhalov e pubblicato dalla CPO. Questo nuovo disco sembra essere destinato a diventare una nuova perla della discografia di questi due artisti, proponendo tre brani di grande interesse di Carl Czerny e di Max Bruch. Czerny e Bruch nel programma dello stesso disco? A prima vista, questo abbinamento potrebbe sembrare quanto meno improbabile, visto che i due compositori si collocano agli antipodi dell’espressione musicale. Da un lato si trova infatti un importante autore di metodi e studi per pianoforte, con una spiccata propensione per le logiche barocche, che gli permise di scrivere praticamente ogni brano che gli venne commissionato, e dall’altro un compositore fieramente romantico, per il quale ogni opera comportava una strenua lotta contro i suoi demoni. Nonostante quello che si potrebbe credere, l’abbinamento di questi due compositori che si collocano ai due capi del XIX secolo funziona alla perfezione, come se fossero le due facce della stessa medaglia. Da una parte abbiamo un concerto per pianoforte a quattro mani composto per un pubblico salottiero e dall’altra un’attraente suite concepita per due autentici virtuosi della tastiera e in mezzo un rarissimo concerto, nel quale il giovane Max Bruch fece riferimento a un genio senza il quale né lui né Carl Czerny sarebbero mai diventati quelli che divennero, un genio di nome Johann Sebastian Bach.
  • Max Bruch Cover

    Compositore e direttore d'orchestra tedesco. Fu allievo di C. Reinecke e F. Hiller a Colonia; dal 1891 al 1911 insegnò composizione all'accademia di Berlino. Celebre direttore d'orchestra, compì numerose tournées in Russia e in America; fu direttore stabile a Coblenza (1865-67), Berlino (1878-80), Liverpool (1880-83) e Breslavia (1883-90). Si dedicò al teatro, ma con scarsa fortuna (Die Loreley, 1863; Hermione, 1872), mentre un successo vastissimo ottennero la sua produzione strumentale (le Sinfonie op. 28, 36 e 51; i Concerti op. 26, 44, 58, la Fantasia scozzese op. 46 e altri pezzi per violino e orchestra; Kol Nidrei op. 47 per violoncello e orchestra su melodie ebraiche; i Quartetti per archi op. 2 e 10) e quella per coro (una quarantina di composizioni sinfonico-corali con o senza solisti,... Approfondisci
  • Carl Czerny Cover

    Pianista, didatta e compositore austriaco. Allievo di Beethoven dal 1801 al 1803, visse a Vienna come insegnante di pianoforte (ebbe come allievo, tra gli altri, Liszt). Lasciò una quantità sterminata di opere didattiche, che ancor oggi costituiscono una delle basi dell'insegnamento pianistico. La sua didattica – che è storicamente importante – consisteva nello sviluppare nell'allievo un automatismo psicologico, cioè la capacità di riprodurre inconsapevolmente il discorso musicale. Negli oltre 1000 studi (e nelle sonate e sonatine anche per due pianoforti e pianoforte a quattro mani, e nelle danze, fantasie, variazioni e rondò) si trovano peraltro non di rado pagine di limpida ispirazione e taglio impeccabile. Compose anche sinfonie, messe, ouvertures, cantate e musica da camera. Approfondisci
Note legali