Il continente selvaggio. L'Europa alla fine della seconda guerra mondiale - Keith Lowe - copertina

Il continente selvaggio. L'Europa alla fine della seconda guerra mondiale

Keith Lowe

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Michele Sampaolo
Editore: Laterza
Edizione: 2
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 7 novembre 2013
Pagine: XVIII-498 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788858105153
Salvato in 22 liste dei desideri

€ 21,25

€ 25,00
(-15%)

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Il continente selvaggio. L'Europa alla fine della seconda gu...

Keith Lowe

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il continente selvaggio. L'Europa alla fine della seconda guerra mondiale

Keith Lowe

€ 25,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il continente selvaggio. L'Europa alla fine della seconda guerra mondiale

Keith Lowe

€ 25,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 25,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La seconda guerra mondiale lascia un'Europa nel caos. Un continente devastato, città intere rase al suolo, più di 35 milioni di morti. Ma la distruzione non è solo fisica: è anche. sociale, politica, morale. Legge e ordine sono praticamente inesistenti. Istituzioni per noi oggi scontate, come governo e polizia, sono sparite o disperatamente compromesse. Non ci sono scuole né giornali. Non ci sono trasporti, né possibilità di comunicare. Non ci sono banche, ma tanto il denaro non ha più alcun valore. Non ci sono negozi, perché nessuno ha alcunché da vendere. Non c'è cibo. Non sembra essere nemmeno chiaro ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. La gente ruba tutto quel che vuole. Uomini in armi vagano per le strade minacciando chiunque intralci il cammino. Non c'è vergogna. Non c'è moralità. C'è solo sopravvivenza. Per le generazioni attuali è difficile figurarsi un mondo del genere, eppure ci sono ancora centinaia di migliaia di persone che hanno sperimentato proprio questo, e non in angoli sperduti del globo, ma nel cuore di quella che per decenni è stata considerata come una delle più stabili e sviluppate regioni della terra. "Il continente selvaggio" racconta per la prima volta il lato oscuro e sconosciuto di quegli anni. È il ritratto di un'Europa dura, sconvolgente.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 4
5
4
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Francesco Mambretti

    22/07/2017 11:18:26

    Sì, un libro importante per tutte le ottime ragioni esposte nelle precedenti recensioni. Purtroppo trovo anch'io insopportabile la scelta del traduttore di usare impropriamente il verbo sparare. Non si dovrebbe sparare a nessuno, ma dovendolo proprio fare si spara a qualcuno, non si spara qualcuno. E poiché nelle vicende narrate si spara a un sacco di gente, la fastidiosa sgrammaticatura è ripetuta all'infinito. Non è l'unico problema della traduzione. Si direbbe quasi che il traduttore rivendichi un inopportuno orgoglio dialettale.

  • User Icon

    alfredo

    01/07/2014 11:24:53

    Il libro ha qualche difetto, ma ha il grandissimo merito di mettere in luce una parte della storia europea assolutamente sconosciuta a molti e che si spera non debba mai essere rivissuta. Penso sarebbe il caso di adottarlo come testo nei licei.

  • User Icon

    Guido da Milano

    20/05/2014 20:58:48

    Il libro di Keith Lowe è un'opera notevole che ha il pregio di ricostruire con competenza ed equilibrio un periodo storico relativamente poco conosciuto, quello dei primi anni del dopoguerra in Europa, in cui la miseria, il degrado sociale e le violenze frutti della guerra erano tutt'altro che cessati. Assieme all'altrettanto notevole "Inferno. Il mondo in guerra 1939-1945" di Max Hastings - che descrive efficacemente le condizioni di vita durante la seconda guerra mondiale - un libro da consigliare non solo a chi si interessi di storia ma anche a chi si lamenta delle difficili condizioni attuali di parte degli stati europei, per rendersi conto delle sofferenze inaudite che hanno affrontato i loro nonni e di come l'Unione Europea ha quantomeno assicurato la pace per oltre cinquant'anni.

  • User Icon

    Andrea

    10/02/2014 18:36:09

    Il testo è molto bello, davvero interessante e innovativo. L'autore dimostra di avere una profonda sensibilità e conoscenza del dibattito storiografico, riuscendo sempre a dimostrare un equilibrio ammirevole. L'autore dimostra che la guerra non finì nel 1945 così come si spegne una lampadina, ma le violenze, gli odi e l'attitudine alla violenza rimasero per molto tempo. Molte storie misconosciute sono narrate in questo lavoro, dalle violenze sui tedeschi, a quelle sugli ucraini, perfino alle terribili violenze contro gli ebrei che proseguirono anche dopo il 45. Tuttavia l'autore nel dar conto di questa situazione di estrema violenza riesce sempre a mantenere le dovute differenziazioni non annegando tutto nel calderone (Pansa docet) del "tutto uguale". Vi furono violenze e stragi in tutti gli schieramenti, ma non tutte furono uguali e non tutte ebbero lo stesso grado di atrocità. Per una vittima tutte le violenze sono uguali, ma per chi fa storia è obbligatorio riuscire a distinguere fra la volontà di sterminio totale dei nazisti, da quella dei massacri estemporanei dettati da odio e vendette. Senza giustificare nessuno dei due, ma, anzi, facendo comprendere in quale abisso portò la seconda guerra mondiale. Un solo appunto, non all'autore, ma al traduttore e alla casa editrice. E' veramente brutto e disturbante vedere tradotto, di continuo, in tutto il libro il verbo sparare in maniera transitiva ("furono sparati", nel senso di "furono colpiti da armi da fuoco"). Questa modalità, nel parlato, viene usata nell'Italia meridionale, ma non in Italiano e non certo traducendo un saggio storico!!!!! Mi domando se la casa editrice non abbia dato un occhio a cosa stava facendo il traduttore!! Se poi la scelta è stata consapevole fatemi dire che la trovo veramente brutta e, se fossi l'autore, mi arrabbierei non poco.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  L'argomento di questo volume è "la storia dell'Europa subito dopo la guerra" che, secondo l'autore, "non è, principalmente, una storia di ricostruzione e riabilitazione, ma è piuttosto soprattutto una storia di sprofondamento nell'anarchia". Si tratta di un tema di indubbia rilevanza, oggetto di una quantità di studi dedicati a singoli paesi o regioni ma sul quale "non c'è libro che descriva in dettaglio la storia dell'intero continente – est e ovest – in questo periodo cruciale e turbolento" che va dal 1944 al 1949. Lowe si prefigge come obiettivo quello di colmare questa lacuna, e prova a farlo con una storia divisa in quattro parti dai titoli eloquenti: L'eredità della guerra, Vendetta, Pulizia etnica, Guerra civile. La prima descrive "quanto durante la guerra fu distrutto, sia fisicamente sia moralmente"; la seconda affronta l'ondata di violenza che si abbatté sul continente a guerra finita; le ultime due "mostrano quello che accadde quando a questa (…) violenza fu consentito di andare fuori controllo". L'autore fa uno sforzo lodevole di presentare una storia complessiva di fenomeni che ebbero effettivamente una portata europea, ma è costretto dalla mole stessa dell'argomento a fare delle scelte. Alcune di queste sono abbastanza ovvie, come quella di concentrarsi, nella parte sulla pulizia etnica, sulle migrazioni forzate che ebbero luogo tra Germania, Cecoslovacchia, Polonia e Ucraina occidentale; altre meno, ad esempio quella di ricorrere agli esempi romeno e baltico per illustrare come i sovietici presero il controllo dei paesi da essi occupati od annessi dopo il conflitto. L'ampiezza stessa dell'argomento fa sì che alcuni paesi ricevano più attenzione, e Lowe sembra padroneggiare alcuni casi meglio di altri, mostrando limiti più evidenti man mano che si avvicina alla periferia del continente: poco è lo spazio dedicato alla Scandinavia (Vidkun Quisling nemmeno compare nell'indice dei nomi), ancor meno quello riservato alla Bielorussia e in generale alle regioni già appartenenti all'Urss prima del 1939. Grecia e Jugoslavia sono ciascuna oggetto di un capitolo, ma la scelta di discuterle separatamente impedisce di scorgere il nesso tra l'evoluzione del regime di Tito e l'andamento della guerra civile greca, senza contare che ciascuno dei due capitoli sostanzialmente trascura aspetti non irrilevanti della storia presa in considerazione (l'espulsione dei tedeschi e l'esodo degli italiani nel caso jugoslavo, o il peso della questione macedone in quello greco). A prescindere però dai problemi su singoli punti, che sono in qualche misura inevitabili in un'opera con una portata geografica dopotutto abbastanza vasta, le debolezze principali del volume sono due. La prima ha a che fare col fatto che, pur asserendo (e a ragione) che "un conflitto di così vaste proporzioni (…) non poteva arrestarsi di colpo (…) l'idea della Stunde Null non convince", non sempre Lowe presta adeguata attenzione agli antecedenti delle violenze postbelliche: questo, per fare un esempio, accade nel capitolo su Ucraina e Polonia, ma non in quelli sull'espulsione dei tedeschi o sulla Jugoslavia. La seconda deriva dall'assenza di riflessione teorica e concettuale: categorie come "pulizia etnica" o "genocidio" non vengono problematizzate, e l'autore non si confronta con le acquisizioni della storiografia sulle emozioni quando discute delle vendette e delle violenze postbelliche, benché emerga con chiarezza che dappertutto esse ebbero luogo in un'atmosfera a dir poco elettrica dal punto di vista psicologico oltre che politico. Ciò detto, Lowe offre una ricostruzione complessivamente adeguata dell'immediato dopoguerra. La parte più riuscita del volume è quella iniziale, che fornisce una vivida ricostruzione di un panorama quasi post-apocalittico, un "paesaggio di caos" ottimamente sintetizzato nella prima, efficace pagina del volume ed efficacemente descritto nella prima parte del libro; i capitoli più innovativi sono forse quelli dedicati ad assenza (intesa come il vuoto, demografico e psicologico, lasciato da intere comunità espulse o sterminate così come dagli uomini uccisi al fronte o prigionieri) e distruzione morale, che tematizzano due argomenti di assoluta rilevanza che, finora, non hanno sempre ricevuto la necessaria attenzione da parte degli storici del dopoguerra europeo. In definitiva, pur non offrendo particolari novità storiografiche, Il continente selvaggio propone al lettore non specialista una sintesi (di qualità forse altalenante, ma nel complesso ben concepita anche se non sempre altrettanto ben realizzata) di quanto la ricerca storica offre attualmente su un tema di sicuro interesse e di notevole importanza. Va a merito di Laterza l'averlo tradotto in italiano, e sarebbe auspicabile che ciò potesse avvenire anche per il recente volume di Ian Buruma intitolato Year Zero. A History of 1945 (Penguin Press, 2013). Concentrandosi su un solo anno, Buruma presenta una visione della storia dell'inizio del "dopoguerra" influenzata dal vissuto personale dell'autore e però, per certi versi, più ampia di quella di Lowe, in quanto allarga il suo sguardo oltre l'Europa includendo nella narrazione il Giappone, il Sudest asiatico e la Cina. Buruma dedica invece meno attenzione all'Europa centrale ed orientale e parecchia al caso olandese, poco trattato da Lowe. Quest'ultimo appare inoltre molto influente nell'organizzazione dell'intero libro, che si divide in tre parti, intitolate rispettivamente Complesso della liberazione, Rimozione delle rovine e Mai più, e tocca molti aspetti discussi anche in Continente selvaggio, ma con accenti a tratti diversi. Per esempio, laddove Lowe afferma che "la moralità sessuale assumeva un posto secondario quando si trattava della sopravvivenza" e dedica un paragrafo al tema degli stupri di guerra, Buruma rileva come, in Europa occidentale ma anche in Giappone, la "fraternizzazione" con le truppe alleate abbia costituito anche, per certi versi, un'anticipazione della "liberazione sessuale" degli anni sessanta. Forse però la principale differenza tra i due autori è che, mentre Lowe punta soprattutto a mostrare il carattere caotico e violento del dopoguerra europeo,Buruma dedica molta più attenzione al "molto che venne creato fra le rovine" (dall'unità europea all'Organizzazione delle Nazioni Unite). Year Zero inoltre contiene pagine di particolare interesse sul dopoguerra nipponico e in generale sull'Asia e sul mondo allora "coloniale", sparpagliate in un libro organizzato prevalentemente su base tematica anziché geografica (come quello di Lowe); propone inoltre un'interessante comparazione tra il destino dei civili tedeschi in Europa orientale e di quelli giapponesi nella Cina settentrionale, entrambi vittime delle violenze perpetrate dall'esercito sovietico avanzante da un lato e dalle popolazioni locali, radicalizzate dall'occupazione militare e dallo sfruttamento coloniale, dall'altro. Il suo libro potrebbe, in ultima analisi, costituire un utile complemento al volume di Lowe. Se né l'uno né l'altro appaiono davvero in grado di colmare le lacune storiografiche che, in modi diversi, mettono in rilievo, entrambi forniscono al lettore una messe di informazioni interessanti, e spesso utili spunti di riflessione.     Antonio Ferrara
Note legali