Categorie

Keith Lowe

Traduttore: M. Sampaolo
Editore: Laterza
Edizione: 2
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: XVIII-498 p. , ill. , Brossura
  • EAN: 9788858119341
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alfredo

    01/07/2014 11.24.53

    Il libro ha qualche difetto, ma ha il grandissimo merito di mettere in luce una parte della storia europea assolutamente sconosciuta a molti e che si spera non debba mai essere rivissuta. Penso sarebbe il caso di adottarlo come testo nei licei.

  • User Icon

    Guido da Milano

    20/05/2014 20.58.48

    Il libro di Keith Lowe è un'opera notevole che ha il pregio di ricostruire con competenza ed equilibrio un periodo storico relativamente poco conosciuto, quello dei primi anni del dopoguerra in Europa, in cui la miseria, il degrado sociale e le violenze frutti della guerra erano tutt'altro che cessati. Assieme all'altrettanto notevole "Inferno. Il mondo in guerra 1939-1945" di Max Hastings - che descrive efficacemente le condizioni di vita durante la seconda guerra mondiale - un libro da consigliare non solo a chi si interessi di storia ma anche a chi si lamenta delle difficili condizioni attuali di parte degli stati europei, per rendersi conto delle sofferenze inaudite che hanno affrontato i loro nonni e di come l'Unione Europea ha quantomeno assicurato la pace per oltre cinquant'anni.

  • User Icon

    Andrea

    10/02/2014 18.36.09

    Il testo è molto bello, davvero interessante e innovativo. L'autore dimostra di avere una profonda sensibilità e conoscenza del dibattito storiografico, riuscendo sempre a dimostrare un equilibrio ammirevole. L'autore dimostra che la guerra non finì nel 1945 così come si spegne una lampadina, ma le violenze, gli odi e l'attitudine alla violenza rimasero per molto tempo. Molte storie misconosciute sono narrate in questo lavoro, dalle violenze sui tedeschi, a quelle sugli ucraini, perfino alle terribili violenze contro gli ebrei che proseguirono anche dopo il 45. Tuttavia l'autore nel dar conto di questa situazione di estrema violenza riesce sempre a mantenere le dovute differenziazioni non annegando tutto nel calderone (Pansa docet) del "tutto uguale". Vi furono violenze e stragi in tutti gli schieramenti, ma non tutte furono uguali e non tutte ebbero lo stesso grado di atrocità. Per una vittima tutte le violenze sono uguali, ma per chi fa storia è obbligatorio riuscire a distinguere fra la volontà di sterminio totale dei nazisti, da quella dei massacri estemporanei dettati da odio e vendette. Senza giustificare nessuno dei due, ma, anzi, facendo comprendere in quale abisso portò la seconda guerra mondiale. Un solo appunto, non all'autore, ma al traduttore e alla casa editrice. E' veramente brutto e disturbante vedere tradotto, di continuo, in tutto il libro il verbo sparare in maniera transitiva ("furono sparati", nel senso di "furono colpiti da armi da fuoco"). Questa modalità, nel parlato, viene usata nell'Italia meridionale, ma non in Italiano e non certo traducendo un saggio storico!!!!! Mi domando se la casa editrice non abbia dato un occhio a cosa stava facendo il traduttore!! Se poi la scelta è stata consapevole fatemi dire che la trovo veramente brutta e, se fossi l'autore, mi arrabbierei non poco.

Scrivi una recensione