Contro la letteratura. Poeti e scrittori. Una strage quotidiana a scuola - Davide Rondoni - copertina

Contro la letteratura. Poeti e scrittori. Una strage quotidiana a scuola

Davide Rondoni

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Il Saggiatore
Collana: Pamphlet
Anno edizione: 2010
Pagine: 134 p., Brossura
  • EAN: 9788842816560
Salvato in 10 liste dei desideri

€ 13,00

Venduto e spedito da Libreria Dedalus

Solo una copia disponibile

+ 3,00 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 6,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

I ragazzi a scuola non si appassionano alla letteratura, anzi, imparano a detestarla. Possono avere in mano Manzoni o Boccaccio, Leopardi o Montale, ma non avviene nulla. "È colpa della tv" strillano spesso dai salotti della tv. "È colpa del ministro" strillano ex ministri, aspiranti ministri o chiunque altro. "Sarà mica colpa degli intellettuali?" si chiedono gli intellettuali. Per Davide Rondoni, autore di questo provocatorio phamplet, la letteratura è l'unico bene antropologico e nazionale del paese. E la scuola la sta distruggendo. La distrugge con gli ismi, che uccidono il gusto e salvano le cattedre; con gli insegnanti, che trattano la letteratura come fosse una fede e ne danno surrogati con cantanti, giornalisti, moralisti. Così Rondoni scrive invettive: una alla signora professoressa, una agli scrittori, che a scuola vanno solo per firmare gli autografi ai ragazzini. Rondoni arriva a una conclusione drastica. La letteratura è indispensabile ma nessuno lo sa. Per renderla davvero necessaria scommettiamo sulla libertà. Rendiamo facoltativo l'insegnamento della letteratura nella scuola italiana.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,5
di 5
Totale 2
5
0
4
1
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    MB

    17/09/2016 18:10:27

    Una scuola diversa. Fatta di libertà. Dove l'obbligo di studiare la letteratura è sostituito dal piacere di scoprirla autonomamente, nel momento in cui il docente la propone, e lo studente si chiede cosa sia. Per leggere ed amare non occorre prima sapere. Contestualizzare preliminarmente l'opera d'arte al fine di renderla fruibile è un imperdonabile errore didattico. Significa snaturare il suo carattere, che è soprattutto espressione di ciò che il normale linguaggio non riesce a comunicare, e a cui lo scrittore di volta in volta inventa, in maniera personale ed estemporanea, un'inedita funzione creativa. Le istruzioni d'uso si addicono solo a un prodotto fabbricato secondo regole prefissate, costruito per servire ad uno scopo preciso ed universale, che non dice nulla del suo ideatore, né si rivolge in modo particolare a nessuno dei suoi utilizzatori, tutti anonimamente equiparati nello strumentale ruolo di clienti/utenti. Il romanzo, la poesia, la novella, per contro, puntano a sfuggire all'uniformità per esplorare nuove possibilità, arrivando fin dove nessuno si è mai spinto, mentre qualcuno, da dietro la pagina, invita il lettore a visitare, insieme a lui, quei luoghi inizialmente sconosciuti ad entrambi. Occorre lasciare che le storie, i versi, le rime parlino individualmente a ciascuno di noi. Senza che nessuno pretenda - dall'alto di una cattedra o di un diploma di specializzazione, magari a secoli di distanza - di decidere cosa l'autore avesse intenzione di rivelarci. Davide Rondoni sostiene la sua tesi - che sarebbe meglio chiamare desiderio - con la convinzione di chi crede incondizionatamente nella vita: quella attuale e pulsante dei nostri ragazzi, e quella, immortale e trascendente, delle verità che, a dispetto del passare degli anni, non smettono di farsi plasmare, docilmente, dai cuori degli uomini di ogni tempo.

  • User Icon

    Luigi Dati

    28/09/2010 17:53:11

    La proposta di questo libro, rendere facoltativo l'insegnamento della letteratura nelle scuole italiane, è una provocazione e come tale va letta. Si sa bene che le provocazioni servono per attirare l'attenzione su problemi reali. In questo caso, tuttavia, la provocazione rischia di avere un effetto nefasto: nel clima attuale di tagli all'istruzione e di squalificazione irresponsabile non solo della scuola e del corpo docente, ma anche dell'italiano in quanto lingua nazionale e patrimonio comune, non è impossibile che qualcuno al ministero della pubblica istruzione prenda sul serio la proposta di Rondoni e la usi per sfasciare ulteriormente la scuola. Occorre aggiungere, infine, che, per la sua scrittura sciatta e spiacevole, Rondoni è l'ultima persona autorizzata a dire che l'insegnamento dell'italiano possa o debba rimanere facoltativo.

  • Davide Rondoni Cover

    Ha pubblicato numerose raccolte di poesia tra le quali Il bar del tempo (Guanda, 1999), Avrebbe amato chiunque (Guanda, 2003), Apocalisse amore (Mondadori, 2008) e Si tira avanti solo con lo schianto (WhiteFly, 2013). Ha fondato e dirige il Centro di poesia contemporanea dell’Università di Bologna e la rivista «clanDestino». In prosa ha pubblicato Gesù, un racconto sempre nuovo (Piemme, 2013), Hermann (Rizzoli, 2010) e diversi saggi tra cui: Il fuoco della poesia (Rizzoli, 2008), Contro la letteratura (Saggiatore, 2011) e Nell’arte vivendo (Marietti, 2012). Ha tradotto Rimbaud, Baudelaire e Péguy. Cura programmi e interventi di poesia in tv su Rai e Tv2000. Approfondisci
Note legali