Conversazioni sull'educazione

Zygmunt Bauman,Riccardo Mazzeo

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Erickson
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 2 dicembre 2011
Pagine: 146 p., Brossura
  • EAN: 9788861379565
Salvato in 69 liste dei desideri

€ 11,05

€ 13,00
(-15%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Conversazioni sull'educazione

Zygmunt Bauman,Riccardo Mazzeo

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Conversazioni sull'educazione

Zygmunt Bauman,Riccardo Mazzeo

€ 13,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Conversazioni sull'educazione

Zygmunt Bauman,Riccardo Mazzeo

€ 13,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Qual è il ruolo dell'educazione in un tempo che ha smarrito una chiara visione del futuro e in cui l'idea di un modello unico e condiviso di umanità sembra essere il residuo di un'era ormai conclusa? Quale ruolo dovrebbero rivestire gli educatori ora che i giovani vivono una profonda incertezza rispetto al loro futuro, i progetti sono diventati più difficili, le norme tradizionali sono meno autorevoli e flussi sempre più cospicui di persone hanno creato comunità variegate in cui diverse culture si ritrovano a vivere vicine senza più essere unite dalla convinzione che l'altro verrà prima o poi assimilato alla "nostra" cultura? Posti di fronte alle sconcertanti caratteristiche del nostro mondo liquido moderno, molti giovani tendono a ritirarsi - in alcuni casi nella rete, in giochi e relazioni virtuali, in altri casi nell'anoressia, nella depressione, nell'abuso di alcol o droghe - nella speranza di proteggersi così da un universo oscuro e vorticoso, altri si lanciano in forme di comportamento più violento. In questo breve libro Zygmunt Bauman, qui in conversazione con Riccardo Mazzeo, riflette sulla situazione dei giovani d'oggi e sul ruolo dell'educazione e degli educatori.
  Recita un antico proverbio cinese: "Quando pianti per un anno, pianta grano. Quando pianti per un decennio pianta alberi. Quando pianti per la vita, coltiva e educa persone". Il lungo termine, la cumulatività delle esperienze formative insieme alla loro direzionalità hanno tradizionalmente plasmato le pratiche educative. Ma la nostra epoca, segnata dall'egemonia del breve termine, dallo sgretolamento della durata e dal bisogno inarrestabile di novità, trasforma in modo radicale questo scenario. Nel secolo della velocità ogni cosa è valida solo "fino a nuovo avviso". Anche le pratiche educative finiscono per portare in profondità il segno di questi mutamenti. I colloqui tra Riccardo Mazzeo e Zygmunt Bauman in tema di educazione, intorno ai quali il libro prende forma, pongono questi processi al centro della riflessione, analizzandone le diverse declinazioni. Mentre si interrogano sulle loro conseguenze in rapporto al significato stesso di formazione riflettono sulle diseguaglianze sociali; sulle differenze e la comunicazione interculturale; sull'"indignazione" politica e la primavera araba; sul perverso modello di crescita economica in cui siamo immersi e sui saccheggi giovanili inglesi dell'estate 2011; sulla "glocalizzazione" e le sue conseguenze. In venti, brevi capitoli questi temi sono analizzati nel loro riferimento, diretto e indiretto, alle problematiche educative. L'ordine analitico è garantito dalla convinzione di fondo che guida le riflessioni di Bauman, sapientemente stimolate, nell'avvio di ogni nuovo colloquio/capitolo, dal suo interlocutore: in ultima analisi, se si ragiona di educazione, insieme al modo con cui i messaggi educativi sono trasmessi ciò che conta è soprattutto il contesto sociale al cui interno essi prendono forma. La cultura liquido-moderna che li avvolge e ci avvolge ha oggi sempre meno a che fare con l'impegno e sempre più con le discontinuità e la dimenticanza. Come conseguenza, anche le forme dell'apprendere sono destinate a mutare. Facendo riferimento al Gregory Bateson di Verso un'ecologia della mente (1972), Bauman porta la nostra attenzione sulla particolare sintonia fra l'apprendimento di carattere più elevato, il "terzo livello" di apprendimento, e il nostro spirito del tempo. Oggi, infatti, non si tratta più soltanto di "apprendere ad apprendere" (il deutero-apprendimento o apprendimento di secondo livello), una capacità grazie alle quali il soggetto del processo educativo è in grado di accostarsi in modo autonomo alle modificazioni delle conoscenze che via via si producono. Piuttosto, in una fase storica in cui i modelli di riferimento che hanno tradizionalmente orientato i saperi diventano obsoleti e le regole del gioco cambiano in corso d'opera, diventa sensato favorire modi radicalmente diversi di accostarsi ai processi educativi. Si tratta, ad esempio, di promuovere l'abilità dei discenti a non conformarsi, a innovare, a costruire cornici cognitive inedite, capaci di dare senso alle esperienze che si vanno accumulando, o anche, se necessario, a eliminare tout-court le cornici obsolete senza sostituirle. Potenzialmente, i modelli mentali devono potere essere rimessi in discussione in ogni momento. Bauman è netto al riguardo: l'insegnamento di queste abilità non deve essere considerato una distorsione del processo formativo (come lo stesso Bateson, solo qualche decennio fa, sembrava ritenere). Piuttosto, l'apprendimento di terzo livello si configura come viatico indispensabile per affrontare il paesaggio nebbioso al cui interno i giovani sono oggi costretti a muoversi. Il sistema educativo con cui essi si confrontano appare invece ancora sintonizzato su un mondo ormai in via di estinzione, e su forme di Bildung a quel mondo consonanti. In questo scenario, il rischio che le giovani generazioni corrono, non potendo disporre di strumenti di orientamento capaci di costruire una mappa adeguata del territorio sociale in cui si trovano a crescere, è di restare soffocate dalla fitta coltre di "nuovismi" incessantemente prodotti dal mercato dei consumi. Rendere intelligibile il contesto sociale (e, per ciò stesso, renderlo almeno in linea di principio, controllabile) implica dunque un'azione di contrasto del processo di crescente marginalizzazione, anche conoscitiva, a cui le giovani generazioni sembrano condannate. Nell'analisi di Bauman, questo è il senso della rivoluzione culturale a cui il sistema educativo è chiamato. Proprio perché le diseguaglianze crescono (di pari passo al "consumismo rampante"), il rischio di mobilità discendente dei giovani si fa più consistente e le loro aspettative verso il futuro decrescono, è necessario attingere alle risorse trasformative che il sistema educativo esistente pure possiede. Tanto è spietato nel mettere in luce le trappole sociali e culturali che l'attuale modello di crescita incessantemente produce, così il libro apre – come sempre accade nel caso delle riflessioni di Bauman – alla possibilità del cambiamento. Carmen Leccardi
  • Zygmunt Bauman Cover

    Fuggito dalla Polonia in seguito all'invasione nazista, Zygmunt Bauman (Poznan 1925 - Leeds, Regno Unito 2017) dopo la guerra ritorna in patria e si laurea in sociologia a Varsavia. La sua dissertazione sul socialismo britannico, che per prima gli diede notorietà, nacque dalla sua permanenza alla London School of Economics. Ottimo conoscitore di Gramsci e di Simmel, dapprima marxista ortodosso, gli venne tolta la cattedra all'università in tempo di epurazioni, cioè nel 1968. Insegnò per un certo periodo all'università di Tel Aviv e poi a quella di Leeds.È il creatore del concetto di società "liquida": l'incertezza dei tempi moderni trasforma i cittadini in consumatori, smantellando ogni certezza conduce a una vita liquida... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali