Categorie
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Pagine: 99 p., Brossura
  • EAN: 9788806172978
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,13

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Ben strano mestiere scrivere lettere di licenziamento. Certo, c'è di peggio – e anche di più surreale – in quest'Italia stremata da un decennio di politiche del lavoro. Ma è lo stesso un lavoro duro, se in azienda i colleghi iniziano a chiamarti Killer mentre i capi ti riempiono di complimenti per l'efficienza con cui riesci a occultare la violenza del ben servito dietro a dei capolavori di ipocrisia.

"La punizione, per noi, è allora la rinuncia alla sua prorompente creatività, al suo altissimo profilo. La punizione è affrontare il calo di produttività che deriverà dalla sua dipartita. Mi creda, Sparacqua, la invidio. Invidio il futuro che le si apre davanti, la possibilità di camminare per mano con la sua famiglia e riscoprire le cose semplici della vita". Ovvio che dopo una lettera così pare brutto andarsene senza un sorriso, quasi contenti di essere stati licenziati, anzi con un po' di vergogna per la "fortuna" che ci è capitata. Quando si dice introiettare.

È questo lo spunto scelto da Andrea Bajani per il suo terzo romanzo, Cordiali saluti: il protagonista, un io narrante anonimo e dolente, è l'estensore di lettere di licenziamento tanto grottesche quanto convincenti (ed esilaranti) che un giorno, suo malgrado, entra nella vita di una delle "vittime". Scopre così che l'ex direttore delle vendite ha anche un nome e non solo una funzione, ha anche due figli e non solo una scrivania, e presto morirà. Ma non è il patetismo il registro di questo romanzo, che pure non esita ad andare fino in fondo nell'esplorazione dell'emozione e dei sentimenti nel tempo in cui anche l'interiorità è divenuta terreno di contesa sociale.

Una delle caratteristiche del lavoro cosiddetto postfordista, quello di una qualsiasi azienda del terziario avanzato per intendersi, è infatti proprio la caduta della distinzione fra tempo del lavoro e tempo del privato, fra parole della produzione e parole dell'emotività. Le lettere con cui vengono licenziati i dipendenti – nel romanzo, ma chiunque può far riferimento alla propria esperienza: oppure si pensi all'odierna comunicazione politica – sono un continuo richiamo alle emozioni, all'amore, agli affetti, a un mondo interiore espropriato dai soggetti e rivoltato contro di essi. Da dimensione dell'emancipazione e della libertà individuale a strategia di controllo e normalizzazione. Il linguaggio è lo strumento principale di quest'autentica colonizzazione del privato. Linguaggio della mistificazione e dell'inganno che non esita a utilizzare gli strumenti dell'estetico – a farsi seducente, retorico, narrativo: come un romanzo, una fiction – per narcotizzare e rendere sopportabile, anzi quasi desiderata, la quotidiana violenza di una condizione di sostanziale sfruttamento.

Ora, il discorso sull'interiorità attraverso la finzione era appannaggio della letteratura, saggezza propria di un sapere autenticamente umano prima ancora che umanistico. Cosa succede quando questa "tecnologia del sé" viene sottratta alla letteratura e utilizzata dalle forze inumane della ragione strumentale e del profitto? È l'estrema crisi dell'umanesimo, che in Cordiali saluti è incarnata dal protagonista, allegoria dello scrittore dimessosi dalla propria funzione critica e ridotto a "volenteroso carnefice" per i nuovi poteri; la cui sapienza affabulatoria viene impiegata non per demistificare ma, al contrario, per silenziare il disagio, il conflitto. Il protagonista, colui che con tanta difficoltà dice "io" nel romanzo, è un personaggio disarmato, afasico: ecco, è l'afasia la categoria fondamentale da tenere a mente nel leggere questo romanzo e nel ricondurlo a una riflessione comune che attraversa molta letteratura recente.

Anni di devastanti ingegnerie sociali hanno condannato un'intera generazione al precariato a vita (ma si dice flessibilità nell'orwelliana neolingua delle agenzie interinali). Non solo: ciò di cui si sente la mancanza sono le parole per ribellarsi a questo stato di cose, categorie politiche e sociali condivise necessarie a esprimere, e criticare, il disagio di una vita a contratto. Parallelamente, vigeva nel campo letterario la tendenza a sanzionare la scrittura dell'interiorità con lo spauracchio del sentimentalismo, impedendo di articolare l'emotività se non per vie indirette, ironiche, citazionistiche: come se solo attraverso una maschera l'autore potesse riferire a sé e alla propria condizione, pena l'incappare nel kitsch.

Un'afasia politica ed emotiva, quindi, quanto mai difficile da sopportare oggi. Penso agli ultimi lavori di Tiziano Scarpa e Nicola La Gioia (rispettivamente Kamikaze d'Occidente, Rizzoli, 2003 e Occidente per principianti, Einaudi, 2004): i loro romanzi sono una continua, inesausta indagine intorno a quel buco nero che è il soggetto contemporaneo, o meglio alla possibilità di rappresentarlo autenticamente nell'epoca in cui proprio la rappresentazione è lo strumento principale del potere. L'opzione di Bajani, partendo da stimoli simili, arriva a una soluzione diversa, ugualmente legittima, più vicina per certi versi all'Aldo Nove di La più grande balena morta della Lombardia (Einaudi, 2003). Se per i primi due al soggetto ci si può accostare quasi solo per via negativa, scontornandolo da tutto ciò che soggetto non è eppure lo attraversa (l'informazione, lo spettacolo, i media), come in una sorta di teologia negativa, per Bajani lo scontro si risolve nel confronto diretto con tutto ciò che altrimenti ricadrebbe nel cono d'ombra dell'afasia. Nel tentativo di esprimere – con tutti i rischi che ciò comporta, non ultimo il fallimento – il dolore, il lutto, l'alienazione, il sentimento, la violenza nascosta nei rapporti di lavoro: cercando, disperatamente, le parole che danno forma al silenzio.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    gigi

    06/06/2006 12.32.50

    Una riflessione dal retrogusto amaro su un mondo del lavoro che sta profondamente cambiando "dal di dentro". Scorrevole e caustico.

  • User Icon

    ulli

    10/05/2006 11.44.37

    Il libro e bello, scritto bene e fa riflettere sul intreccio tra vita lavorativa e vita personale. La domanda che mi sono posto personalmente e all'autore in occasione di un incontro è che se sia giusto o meno che le discipline umanistiche concorrano a licenziare le persone... Cordiali saluti!

  • User Icon

    giuseppina

    05/03/2006 12.11.15

    molto bello, si legge in un fiato (anche per l'esiguo numero di pagine), ma quello che lascia dentro dura sicuramente piu' a lungo. ed e' proprio questo quello cerchiamo in un libro, no? bravo l'autore, davvero!

  • User Icon

    Laura B

    23/11/2005 09.29.48

    Bello. Scorrevole. Vale davvero la lettura

  • User Icon

    merlino

    13/09/2005 16.54.32

    Finalmente un po' di cattiveria! E bravo questo Bajani.

  • User Icon

    Chiara G.

    30/08/2005 09.13.53

    Il libro è un piccolo capolavoro. Mi ha emozionato commosso intenerito e fatto sorridere. Bravo davvero.

  • User Icon

    multipla

    12/07/2005 11.45.45

    Veloce, divertente, commovente.

  • User Icon

    clio

    11/07/2005 00.17.29

    Mi stupisco per l'entusiasmo di tanti, a me è sembrato un libro molto noioso e pomposo. La storia poi dov'è?

  • User Icon

    franco

    06/07/2005 15.38.16

    grnade libro e ottimo spunti. la catrtiveria èspressa è da stimolo per cercare bontà al di fuori del libro. bravo bajani, novello Benni, farà carriera come ammaniti, se non di più.

  • User Icon

    angelo

    25/06/2005 09.10.41

    Io da questo libro non mi volevo staccare più. Il prossimo?

  • User Icon

    Giovanni

    23/06/2005 09.23.44

    La cosa peggiore di questo libro e` la fastidiosa sensazione (nei commenti) che dia qualcosa, nei temi e nello stile. Questo libro non rischia nulla. E' un libro fasullo. Inoltre il tema del lavoro, cosa che mi ha spinto all'acquisto, resta molto in superficie (come tutto il resto): giusto una spruzzata per giustificare un po' di chiacchericcio sul tema. Pessimo.

  • User Icon

    Orty

    22/06/2005 12.24.09

    L'ho comprato d'impulso come compro tutti i libri, l'ho letto in due giorni, sul treno, rinunciando al pisulino. Troppo bravo sto ragazzo.

  • User Icon

    monica

    18/06/2005 11.13.41

    Ne ho copiate pagine su pagine, tanto l'ho amato.

  • User Icon

    Serena M.

    18/06/2005 09.08.29

    Davvero deludente e superficiale. La parte sul lavoro è costituita in pratica solo da insulse e ammiccanti letterine di licenziamento, letterine che vorrebbero sorprendere ma non lo fanno, e anzi, la loro ripetizione è fastidiosa, le letterine diventano solo un esercizio stilistico dell'autore. Tutto è posticcio. La parte con l'impiegato che si prende cura dei bimbi del moribondo è involontariamente comica. Questo libro sembra un film del cinema italiano che strizza l'occhio direttamente alla pay tv o ai dvd. A definire romanzo un libro di 99 paginette è solo il prezzo di 9,50 euro, (per una cosa leggerissima che si legge in due ore e mezza). Ma di questo non possiamo certo incolpare lo scrittore, quanto la casa editrice Einaudi. A ogni modo, se vi accontentate, Cordiali saluti è il vostro libro.

  • User Icon

    franco

    13/06/2005 18.26.01

    il libro è carino, davvero, ma il prezzo sproporzionato. l'unico mistero è il fatto che sia stato recensito anche nel giornaletto sotto casa, mentre altri esordienti di pari valore boccheggiano... non sarà mica che questo oltre a essere bravo è anche un po' immanicato? mediate gente, meditate...

  • User Icon

    Cris

    02/06/2005 12.41.00

    Non male; ben scritto; originale? forse un po'troppo Bennet e un po'Nothomb ma di questi tempi e' un pregio anche sapersi ben inspirare. E poi anche questo libro costa troppo

  • User Icon

    smartolin

    28/05/2005 21.50.15

    questo libro mi è rimasto dentro, insieme al suo girino. agrodolce.

  • User Icon

    Maurizia

    25/05/2005 08.11.14

    Un gioiello. Un romanzo prezioso. E non aggiungo altro.

  • User Icon

    elesimo

    21/04/2005 18.54.01

    Le pagine scorrono deliziose tra le dita. Delicato e soffice. Ma, contemporaneamente, anche cinico e spietato. Ho trovato meravigliosamente NON banale il contrasto che emerge dall’accostamento tra la spontaneità della dimensione privata e la perversa macchinazione di quella lavorativa. Le parole sono leggere e semplici (a volte semplicemente evocative…) e si compongono perfettamente in un linguaggio che, guardando attentamente, risulta molto ricercato. Morbido come la poltrona imbottita del capo del personale, e ruvido come la pelle di un ramarro…

  • User Icon

    T. Avoledo

    21/04/2005 10.20.31

    Bello dall'inizio alla fine. Il montaggio alternato ha dei momenti di grande impatto emotivo. E le pagine di delirio aziendale sono (purtroppo) assolutamente vere. Un BRAVO incondizionato all'autore.

Vedi tutte le 31 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione