Corrado Pavolini critico d'arte

Lorenzo Giusti

Editore: Liguori
Anno edizione: 2008
Pagine: 208 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788820743123
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 16,14

€ 18,99

Risparmi € 2,85 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Noto soprattutto per il libro Cubismo, futurismo, espressionismo (1926), Corrado Pavolini (Firenze 1898-Cortona 1980) – fra i protagonisti della vita artistica e culturale del Ventennio fascista – assieme a una ricerca poetica, letteraria e teatrale, porta avanti, tra il 1919 e il 1932, un'importante attività di critico d'arte. A Firenze, dove fonda con Primo Conti "Il Centone" e "L'Enciclopedia", poi a Roma, dove collabora fra l'altro con il quotidiano "Il Tevere". Un simpatetico "lirismo critico", praticato da una personalità complessa, irrisolta tra slanci modernisti e restaurazioni del passato, in cui convivono cultura libera, di ceppo romantico, e cultura ufficiale, avanguardia e tradizione, istanze di formalismo e ragioni di lirismo. Un quadro ricostruito in relazione al contesto storico, culturale e artistico, fra certezze del "Novecento", e libertà di una nuova generazione antagonistica, fra conservazione e innovazione architettonica "razionale".