Cosa Nostra S.p.A. Il patto economico tra criminalità organizzata e colletti bianchi - Sebastiano Ardita - ebook

Cosa Nostra S.p.A. Il patto economico tra criminalità organizzata e colletti bianchi

Sebastiano Ardita

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: PaperFIRST
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,86 MB
Pagine della versione a stampa: 201 p.
  • EAN: 9788899784980
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 8,99

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dopo le stragi del 1992 Cosa nostra ha cambiato pelle. È scesa a patti con la politica lasciandosi alle spalle la stagione del sangue e delle morti eccellenti. E così ha riorganizzato le proprie fila secondo il “modello catanese” dove mafia e Stato vanno da sempre a braccetto. Niente più omicidi ma ricerca di nuove relazioni. Nasce così Cosa nostra SpA, una grande impresa che incrocia il suo enorme fatturato con gli interessi dei colletti bianchi che governano multinazionali, enti e istituzioni pubbliche. Un sodalizio che si fonda in modo sistemico su corruzione e collusione e contro il quale sono sempre meno efficaci gli strumenti di contrasto legislativi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,75
di 5
Totale 4
5
3
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giorgio L.

    27/08/2020 09:22:45

    Scritto molto bene, alla ricostruzione storica aggiunge un punto di vista sociale e umano. Il giudice è anche persona che prova empatia per gli altri, ammette errori e critica la parte di società che vuole apparire 'nel giusto'.

  • User Icon

    giorgio g

    02/04/2020 12:48:57

    Una frase che riassume il nocciolo del libro: “Cosa nostra esiste ancora e non è meno dannosa di prima, è solo diversa”. Un limite del libro è che parla di quello che succede a Catania e nel suo hinterland (e, in misura minore, a Messina). Una frase: “E così va in scena l’opera dei pupi in politica.” Il lavoro non spiega però come un provincia “babba” si sia trasformata in una provincia “sperta”. È questo il suo più grave difetto.

  • User Icon

    Barabba

    11/03/2020 10:11:58

    Un libro utile per l'illustrazione delle nuove modalità d'azione delle mafie su scala nazionale e internazionale. Dove si spiega, con dovizia di particolari, come sempre meno le cosche utilizzino la violenza e l'intimidazione, preferendo il ricorso alla corruzione e all'infiltrazione nell'economia legale. L'autore ci racconta come queste modalità siano in realtà da sempre nel bagaglio delle mafie, come l'esperienza di Catania insegna. Un libro da leggere anche per la chiara ricostruzione delle polemiche che hanno attraversato il fronte del movimento antimafia, tra vicende anche penalmente rilevanti e polemiche assolutamente strumentali, come quelle che hanno coinvolto Libera, l'associazione di associazioni.

  • User Icon

    Sandro77

    14/02/2020 23:52:06

    Libro molto godibile, appassionante e pieno di informazioni sulla nuova mafia. Una meravigliosa ricostruzione della mafia partendo da fatti storici e racconti inediti. Si imparano cose importanti divertendosi: non mancano ironia, intrecci e paradossi.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Sebastiano Ardita Cover

    Sebastiano Ardita è un magistrato italiano. Entrato in magistratura all'età di 25 anni, ha iniziato come sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Catania, divenendo poi componente della Direzione distrettuale antimafia, ove si è occupato di criminalità organizzata di tipo mafioso, di inchieste per reati contro la pubblica amministrazione e di infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti e forniture. Come consulente della Commissione parlamentare antimafia della XIII Legislatura ha redatto il documento relativo all'indagine sulla mafia a Catania. È stto direttore generale dell'ufficio detenuti, responsabile dell'attuazione del regime 41bis. Attualmente è procuratore della Repubblica aggiunto presso il Tribunale di Messina. È... Approfondisci
Note legali