Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Le cose crollano - Chinua Achebe - copertina

Le cose crollano

Chinua Achebe

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: A. Pezzotta
Editore: La nave di Teseo
Collana: Oceani
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 13 ottobre 2016
Pagine: 202 p., Brossura
  • EAN: 9788893440332
Salvato in 283 liste dei desideri

€ 17,10

€ 18,00
(-5%)

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Le cose crollano

Chinua Achebe

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Le cose crollano

Chinua Achebe

€ 18,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Le cose crollano

Chinua Achebe

€ 18,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 18,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Le cose crollano intreccia due storie, entrambe legate al personaggio principale, Okonkwo, "uomo forte", lottatore, nativo di un villaggio Ibo, in Nigeria.

La prima disegna la parabola di Okonkwo da leader indiscusso e rispettato all'interno della comunità, a eroe oltraggiato; la seconda storia, nella trasparenza della prima, racconta lo scontro tra due culture, l'irruzione degli europei, e il crollo della civiltà in cui Okonkwo era cresciuto. Nella vicenda personale di Okonkwo riconosciamo l'ancestrale, tragico conflitto tra l'individuo e la collettività che vivifica tutta la grande tradizione letteraria; e nella denuncia del conflitto tra due culture rintracciamo le radici di percorso storico che, ora, in questi anni, sta stravolgendo la nostra cultura.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,29
di 5
Totale 7
5
3
4
3
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    unopiuuno2

    14/01/2021 23:43:32

    Il mio primo approccio alla narrativa africana. Il racconto è solenne, quasi epico; il protagonista potente e controverso. Lo stile è dritto: nessun onanismo cerebrale, niente sciccherie fantastiche. Giudizio molto positivo, tanto che ho già acquistato gli altri due racconti della trilogia.

  • User Icon

    Fiofio

    17/05/2020 18:07:17

    Un libro che può o meno piacere ma ch è assolutamente da non perdere perché ci fa vedere l,' Africa finalmente dal punto di vista dei nativi africani.

  • User Icon

    paolo g.

    25/09/2019 20:17:33

    Affascinante spaccato di una cultura altra; amara e disperata constatazione della fine della stessa. Un Cuore di tenebra scritto dalla parte dei colonizzati? Di certo l'epica parabola percorsa dal protagonista, bello nella sua austerità e nella sua imponente dignità - quasi una maschera scolpita nell'ebano - parla a noi occidentali moderni di un'umanità diversa e perduta, anche per nostra responsabilità.

  • User Icon

    steno

    17/08/2018 15:23:36

    lo stile narrativo è quello tipico delgli scrittori african del 900, di traizione orale. spicca oltre alla cultura di una trbù nigeriana, l impatto dei bianki con tale cultura, mettendo in rilevanza l intolleranza i alcuni nativi con la rligione critiana. tante curiosità allinterno del romanzo. può essere, tranquillamente adottato dalle scuole. ben scritto

  • User Icon

    n.d.

    05/06/2018 13:13:57

    A mio avviso, uno dei capolavori della letteratura postcoloniale. Achebe riesce a tessere sapientemente le trame del suo popolo annientato da un imperialismo spietato. Lo stile è da narrazione orale, molto avvincente, come se si fosse in ascolto di un vecchio saggio. Insieme ad Aspettando i barbari di Coetzee, è uno dei miei preferiti del genere.

  • User Icon

    Patrizia

    24/09/2017 15:29:10

    Un libro molto bello per vedere il mondo con gli occhi degli Igbo e riflettere sull'intolleranza verso chi è portatore di una cultura diversa.

  • User Icon

    Iris

    17/08/2017 10:02:42

    Un libro interessante, certo però non qualificabile per uno stile indimenticabile. Fa riflettere il rapporto tra società africana e influenza culturale occidentale e cristiana. Le cose crollano, la cultura del luogo subisce un contraccolpo mortale, ma non sempre la morte è la fine di qualcosa, talvolta è l'evolversi più o meno consapevole verso realtà più attraenti o semplicemente più umane. La caduta dell'impero romano è emblema di questo.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente

Un uomo e il suo villaggio, lo scorrere del tempo scandito dalla venuta delle piogge, un preciso senso del bene e del male.
E poi, all’improvviso, un urto mortale. La Grande Storia, tutta eurocentrica, irrompe prepotentemente. Quel mondo inizia a vacillare e, lentamente, a cadere.

Chinua Achebe ci conduce nella vita di Okonkwo, un uomo temuto e rispettato, che deve i suoi traguardi alla volontà di essere diverso dal padre. Egli è il più grande guerriero di Umuofia, villaggio ibo nigeriano dove le tradizioni tengono vivo il passato intrecciandolo alla quotidianità, e il magico è vissuto come sacra abitudine. L’autore, adottando una prospettiva privilegiata perché “locale” consente di abbandonare gli abituali riferimenti spazio-temporali e, solo quando entrano in scena l’uomo bianco e le sue armi, si viene violentemente rimandati alla Storia. Questa irruzione risulta fastidiosa, stonata: inopportuna.
Il lettore si scopre così immerso nella narrazione, tanto da dimenticare di conoscere già quale sarà il corso degli eventi, da sperare che, in un modo o nell’altro, gli abitanti di Umuofia sapranno scacciare questi estranei prepotenti, col loro unico dio geloso e la loro incomprensibile giustizia.

Chinua Achebe narra con stile agile, immediato, arricchito da proverbi e modi di dire, strofe di canzoni, inflessioni talvolta intraducibili, catturando incredibilmente il lettore.  I passaggi descrittivi sono sempre puntuali: dipingono un mondo lontano, che va descritto per essere compreso intimamente oltre che per poterselo figurare.

Chinua Achebe ha rappresentato una delle voci più autorevoli della letteratura africana. Le cose crollano costituisce il primo libro di una trilogia, di cui fanno parte anche Non più tranquilli e La freccia di Dio.

di Marta Casale
Si ringrazia il Master Booktelling

Le cose che crollano, nell’Africa occidentale di fine Ottocento in cui il romanzo è ambientato, sono quelle che hanno sostenuto per secoli l’esistenza comunitaria del popolo igbo. Sono quelle in cui ha sempre creduto Okonkwo, protagonista del racconto, che muore suicida perché vede scomparire i valori del clan e i costumi del suo vissuto. Nel suo mondo tutto si disgrega, crolla, va a pezzi, mentre si sgretola la narrazione identitaria che ha tenuto insieme nel tempo famiglie e villaggi di Umuofia. Il romanzo si colloca in un momento di rapida trasformazione della società igbo.

Il tessuto sociale perde vigore e si sfascia sotto l’impatto violento dell’Europa imperialista e cristiana. Ma, secondo quanto narra Achebe, fattore concomitante di questa rovina generale è la debolezza intrinseca di quel mondo legato al passato, la sua rigida incapacità di adattarsi al cambiamento. Il romanzo ritrae perciò sia la tragedia della conquista, che quella del collasso interno. Ciò che rimane dopo il crollo è l’inizio di un lungo e faticoso processo di accomodamento, ma anche di appropriazione attiva della cultura occidentale per quanto può servire alla riconfigurazione e al rinnovamento del sé individuale e collettivo, dato che non si può tornare indietro nel tempo: è impossibile negare la storia. Lo scrittore si assume dunque il compito di riscrivere la storia africana, distorta o cancellata dalla storiografia europea, da una prospettiva interna ad essa, e ritorna al passato precoloniale non per nostalgia di quel passato, che comunque è perduto, ma perché esso costituisce la base ideologica per il suo controdiscorso: è il terreno di una storiografia alternativa. L’originalità di Le cose crollano sta proprio nello spostamento del punto di vista, nel fatto che assume una prospettiva ontologica africana, piuttosto che storiografica europea.

Due terzi del romanzo sono interamente dedicati alla ricostruzione della società igbo nella seconda metà dell’Ottocento, e i bianchi, l’Europa, l’Occidente non sono affatto al centro dell’azione, come nei romanzi coloniali della tradizione inglese, ma esistono solo in rapporto e in funzione al mondo nero. La rappresentazione degli “alieni”, che a poco a poco s’infiltrano nel clan di Okonkwo e gettano scompiglio fra gli abitanti di Umuofia, fa uso dei mezzi espressivi e dei punti di riferimento a disposizione degli igbo nella prima fase del colonialismo britannico. all’inizio queste creature leggendarie – che vengono prese per albini essendo bianche come il gesso, che hanno piedi senza dita e portano vetri sugli occhi – appaiono proprio ai margini del racconto. Il bianco è un oggetto visto dall’esterno e misurato in rapporto a ordinary men like us: gli igbo, i neri. (…)

Recensione di Annalisa Oboe

  • Chinua Achebe Cover

    Chinua Achebe è stato uno scrittore, poeta e critico letterario nigeriano in lingua inglese. È stato promotore di una diffusione dell’identità culturale africana, per questo viene considerato il padre della letteratura africana moderna.Il suo capolavoro, Il crollo, viene studiato nelle scuole di numerosi paesi africani ed è stato tradotto in oltre 50 lingue. Gran parte dell'opera di Achebe ha messo in luce i pericoli di quella che è stata una rapida "civilizzazione" della Nigeria da parte dei Paesi occidentali durante il colonialismo, e denunciando la catastrofe culturale dei regimi corrotti dopo l’indipendenza.Achebe ha frequentato l'università a Ibadan dove ha studiato inglese, storia e teologia. Ha lavorato presso la BBC e nel 1961 è... Approfondisci
Note legali
Chiudi