Le cose di cui sono capace - Alessandro Zannoni - ebook

Le cose di cui sono capace

Alessandro Zannoni

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Perdisa Pop
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 809,36 KB
Pagine della versione a stampa: 148 p.
  • EAN: 9788883725678
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 6,90

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Lui si chiama Nick Corey, come il protagonista di Colpo di spugna di Jim Thompson, ma il suo nome all'anagrafe è Nicola Coretti: è lo sceriffo italo-americano di una piccola cittadina texana e non è affatto uno stinco di santo. Nick odia la sua città, odia il deserto, le vacche, le seccature del suo lavoro; Nick bestemmia, beve e usa metodi decisamente bizzarri per debellare la delinquenza. Quando il suo amico Rudy finisce in un brutto guaio, toccherà a lui aiutarlo, ma non sarà per niente facile, anche perché tutto accade alla vigilia del grande rodeo, con la città invasa da cowboy ubriaconi e attaccabrighe.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Ivo Tiberio Ginevra

    01/09/2011 09:33:05

    Questa opera narrativa è una spietata parodia del romanzo noir americano di frontiera, dove tutti i suoi classici ingredienti (puttane, alcool, pistole, amore e qualche morto ammazzato) sono derisi, infangati e stuprati in serissima veste e, al contempo, offerti come omaggio al grande Jim Thompson. Il linguaggio con cui Zannoni mettere nero su bianco tutta la sua storia, partendo dall'obbligo di una rigorosa narrazione in prima persona è una sfida vinta con gran facilità, anche se s'intuisce perfettamente lo sforzo dello scrittore per adattarsi alla comunicativa del maestro americano, entrando anche in tutti quei meccanismi psicologici della narrazione stessa per arrivare ad un risultato finale scorrevole nella trama, preciso nella caratterizzazione dei personaggi, e soprattutto efficace nei dialoghi conditi anche di humour nero, perché il linguaggio è fondamentale per entrare nell'essenza stessa del noir di frontiera americano, fatto di piccoli inferni in una terra spietata. Questa parodia critica non è solo uno spaccato di letteratura americana, ma un pulp/noir italiano di alto livello.

| Vedi di più >
Note legali