Categorie

Paolo Mazzarello

Collana: Saggi. Scienze
Anno edizione: 2004
Pagine: 327 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788833915739
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it € 12,96

Il libro mette in correlazioni due eventi cruciali nella vicenda biografica del grande scienziato Lazzaro Spallanzani: il primo consiste nel viaggio, da curioso dell'Oriente esotico, della sua natura e della sua civiltà, compiuto a Costantinopoli nel 1785-86 e fissato in appunti in gran parte disomogenei che saranno pubblicati cent'anni più tardi e nei quali sono raccolte acute annotazioni sugli usi e costumi del Levante; il secondo nel vero e proprio affaire, dai contorni sinora non del tutto chiariti, che durante la sua assenza montò contro Spallanzani, apprezzato docente a Pavia e studioso di fama europea, quando gli venne mossa l'accusa di avere sottratto reperti naturalistici dal museo universitario di Pavia allo scopo di arricchire la sua collezione personale di Scandiano. La notizia di quella che a Spallanzani dovette apparire una pugnalata alla schiena lo raggiunse nel viaggio di ritorno: man mano che si precisavano i contorni della campagna di discredito orchestrata contro di lui, la vicenda assumeva i tratti d'una vera e propria congiura ordita da stimati colleghi, come il padre Gregorio Fontana del Collegio Ghislieri di Pavia, il canonico Giovanni Serafino Volta (da non confondersi con il più celebre Alessandro, professore pure lui a Pavia), conservatore del museo che Spallanzani stesso aveva fondato, e il botanico Giovanni Antonio Scopoli, docente a Pavia. Ne era nato uno scandalo, con echi in tutta Europa e che richiese l'intervento delle autorità. Dall'inchiesta che ne scaturì Spallanzani recuperò l'onore, mentre i suoi accusatori fecero la fine dei cenci che vanno all'aria. Un intricato intreccio di gelosie, vendette, trame accademiche, furti scientifici, plagi e altro ancora viene alla luce dal libro di Mazzarello, mostrando quanto grande, diffuso e conflittuale fosse l'interesse per le scienze in quel tempo.

Dino Carpanetto

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    enrico

    31/08/2011 09.59.41

    Questa libro, descrivendo vicende di più di due secoli fa, stupisce per l'attualità delle umane miserie trattate. Le "macchine del fango" e l'alterigia di certi personaggi erano in voga anche allora producendo gli stessi, identici, danni di oggi. Sarebbe interessante verificare se la passione per lo sproloquio e per la sopraffazione nei confronti dei propri simili sia prevalentemente italica o interessi anche le culture non latine. Bravissimo Mazzarello per l'accuratezza della ricerca e un bravo anche a chi ha suggerito la grafica del titolo del libro che è leggernmente fuorviante rispetto ai suoi veri contenuti ma ne ha consentito la necessaria visibilità sul mercato.

  • User Icon

    Federico Focher

    14/12/2004 09.31.57

    Goethe era in viaggio per l’Italia, Mozart aveva appena scritto “Le Nozze di Figaro” e Spallanzani si stava gustando un 'anno sabbatico' a Costantinopoli. Purtroppo un’Europa che non c’è più. Intanto a Pavia alcuni professori e assistenti (Scopoli, Scarpa, Fontana, S. Volta), chi per invidia chi per rifarsi delle ‘baronali angherie’ di Spallanzani, tramano per distruggere la reputazione scientifica del loro ‘esimio collega’. Forse un’Europa che c’è ancora. Tornato a Pavia, il mefistofelico naturalista riprenderà in mano le redini della situazione e “disperderà i superbi”. Una terribile beffa scientifica ai danni di Scopoli coronerà il suo successo. Un libro sul settecento italiano scritto con gusto settecentesco. Da leggere.

Scrivi una recensione