Categorie

Andy McNab

Traduttore: S. Tettamanti
Editore: Longanesi
Edizione: 2
Anno edizione: 2001
Pagine: 480 p. , Rilegato
  • EAN: 9788830416574

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Thomas

    13/04/2009 14.28.30

    Sempre + azione nei romanzi di McNab.. questo è il secondo, e c'è ben + azione del primo romanzo, e + colpi di scena. Ci si immerge maggiormente nel personaggio, ti fa sembrare di essere là con lui, rende partecipi dei suoi pensieri e delle sue emozioni. E' tutto così realistico... con la sua esperienza e i suoi colpi di sfiga, il suo linguaggio normale, il suo humor. Nick Stone è un eroe vero, uno come noi, per questo piace. A volte si perde un pò troppo in descrizioni, ma sta migliorando, il primo romanzo era esagerato, il prossimo sarà ancora meglio. Come sempre, un romanzo di Andy MCNAb è un piccolo manuale dalla spia "fai da te". C'è tutto da imparare

  • User Icon

    Romano De Marco

    19/01/2005 10.33.30

    Secondo capitolo delle avventure di Nick Stone, personaggio immaginario creato da McNab dopo i due libri "verità" PATTUGLIA BRAVO-TWO-ZERO e AZIONE IMMEDIATA. Questa volta Nick è impegnato in una missione sulla carta quasi impossibile... Rintracciare ed eliminare, in territorio americano, una esponente dei servizi segreti inglesi misteriosamente scomparsa da alcuni mesi.. Stone è un uomo pratico, disincantato, deluso dalla vita, culturalmente limitato... Ma di certo non difetta in intelligenza e spirito di adattamento in azione... Stavolta, però, c'è un problema che rende più difficile portare a termine la missione... Una ambientazione realistica che comprende Bin Laden, la CIA e i suoi rami "deviati", la crisi in medio oriente, l'incubo terrorismo... Tutto questo lo troverete in CRISI QUATTRO... per dei versi un libro "profetico" (datosi che è uscito prima del fatidico 11 settembre 2001). McNab descrive per 40 pagine un appostamento, organizzato dal nostro anti-eroe per tenere d'occhio una abitazione, in maniera talmente particolareggiata e minuziosa che pare impossibile non giungere alla conclusione che egli stesso, in passato, sia stato protagonista di qualcosa del genere... (è risaputo che dietro allo pseudonimo dell'autore si nasconde un ex membro dei SAS - forze speciali dell'aviazione britannica...) Non c'è Happy end, non c'è giustizia, non c'è morale. L'unico sprazzo di salvezza che si intravede nella vicenda è il sincero sentimento d'amore che Nick Stone prova per la bambina di 8 anni della quale è divenuto tutore... la unica sopravvissuta alla strage della intera famiglia del suo migliore amico, a sua volta agente, raccontata da McNab nel precedente CONTROLLO A DISTANZA.Stone si aggrappa, con tutte le forze, a questo amore, per non naufragare del tutto. Anche se lo fa non pensando neanche un istante di poter rinunciare al suo destino di assassino, mero esecutore, pedina insignificante e acrisacrificabile di uno sporco gioco condotto a livelli immensamente distanti dal suo. Romano

  • User Icon

    dario g

    11/03/2003 14.06.30

    E' il secondo libro di McNab che leggo dopo Controllo a distanza, devo dire che il romanzo è bello, scritto bene, ma non prende il massimo dei voti perchè, secondo il mio parere, ha un finale leggermente "telefonato".

  • User Icon

    gianni farese

    11/08/2002 19.42.54

    Al livello dei precedenti. Sempre godibili i libri di Andy.

  • User Icon

    Alb

    03/06/2001 12.42.27

    Buon libro, nel genere resta il migliore.

  • User Icon

    GIOVANNI

    16/03/2001 23.49.44

    McNab, per chi conosce l'autore, sa che proviene dai SAS inglesi e che ha lavorato per i servizi di sua maestà. Quello che potete leggere in questo libro è una storia " reale ", le descrizioni dei fatti, le azioni raccontate e soprattutto il modus operandi descritti, sono riscontrabili nel suo precedente libro AZIONE IMMEDIATA dove racconta la sua formazione nei SAS ed alcune azioni eseguite. In CRISI QUATTRO descrive numerose azioni operative, intervallate da descrizioni d'indagini e vita privata. Se non leggessimo sulla copertina che è un ROMANZO, il lettore non se ne accorge, sembra la descrizione di un fatto di cronaca letta su un quotidiano. Comunque se è vero che molti romanzi anno un fondo di verità, sarebbe bello sapere in questo quanto è verità e quanto è romanzo ci sono. Giovanni

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione