La cucina arancione

Lorenzo Spurio

Anno edizione: 2013
In commercio dal: 24 luglio 2013
Pagine: 238 p., Brossura
  • EAN: 9788890719080
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
L'uomo di per sé è un animale istintivo che agisce in balia a un impulso, le reazioni, infatti, spesso sono grottesche e inaspettate; i desideri e le emozioni in alcuni casi prendono il sopravvento sulla ragione creando il giusto o lo sbagliato, il normale o l'anormale: ma chi definisce questo? Il luogo comune? La retorica? La regola? Ed è proprio attraverso una libertà letteraria senza catene, logicità o perbenismi, che Lorenzo Spurio impartisce ai protagonisti delle sue storie l'autogestione al movimento, alla decisione, all'evasione di tutto ciò che è coerenza e conformità. Uomini e donne ossessionati, alienati, infantili, maniaci, deviati, perseguitati, tormentati in un girotondo di storie e argomentazioni diverse, dove è sempre l'ego umano a fare da padrone con tutta l'illogicità dell'essere/animale fra ragione/istinto.

€ 9,50

€ 10,00

Risparmi € 0,50 (5%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ale

    19/01/2014 15:47:23

    Un libro di racconti originale, anzitutto per il filo conduttore che li lega, ossia la faccia oscura di ognuno di noi che si palesa solo in condizioni specifiche e resta spesso nascosta. Casi umani, quelli di Spurio, che si possono ritrovare in ogni comunità, il più delle volte insospettabili individui colmi di manie di ogni tipo, spesso impensabili. Ciò nonostante, è impossibile non notare alla fine un insegnamento su come possano ingannare le apparenze. Degni di nota i racconti: "Lì vicino" e "Questione di uguaglianza".

  • User Icon

    Annalisa Soddu

    16/09/2013 20:08:52

    Venticinque densi racconti compongono la nuova esperienza letteraria di Lorenzo Spurio, "La cucina arancione". Nel leggerli mi è venuto spontaneo chiedermi chi, in realtà, fosse l'autore. Sono rimasta colpita dal contrasto tra gli scritti da me conosciuti - prevalentemente rigorosissime recensioni e prefazioni di opere altrui - e la duttilità e sorprendente fantasia e curiosità della mente umana che emerge da questi racconti. Il filo conduttore che li lega è, appunto, la necessità di sondare quell'oceano sconosciuto rappresentato dalle pulsioni dell'essere umano. Pulsioni a volte consapevoli e deliberatamente espresse, a volte frutto di raptus, a volte parte di un'autentica malattia mentale. Vien da chiedersi, tale è la bravura nel condurre l'analisi dei personaggi, se l'autore non abbia personalmente sperimentato CIASCUNA delle situazioni descritte nel libro (cosa altamente improbabile: ne avremmo sentito parlare, se fosse stato un pluriomicida o uno che credeva di essere un nano e si faceva, di conseguenza, tagliare i vestiti, o se fosse andato in giro rotolando come una palla!) o, più verosimilmente, non si sia tuffato a lungo nella indagine appassionata e minuziosa dei fatti di cronaca, dei libri di psicologia e criminologia e dei trattati di psichiatria, deducendone una personale visione estremamente vicina alla realtà e che è stato capace di descrivere con maestria. Un libro molto bello, "La cucina arancione", che attrae ed emoziona, è insieme un libro d'evasione pura, essendo capace di trasportare la mente all'interno delle situazioni che descrive e, però, incute una grande paura: quella di potersi trovare, in qualunque istante, ad essere uno dei protagonisti delle storie ivi narrate; esse, infatti, sono parte del quotidiano. - Annalisa Soddu (psichiatra, scrittrice)

Scrivi una recensione