Il culto moderno dei fatticci - Bruno Latour,C. Pacciolla - ebook

Il culto moderno dei fatticci

Bruno Latour

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: C. Pacciolla
Editore: Meltemi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 809,61 KB
Pagine della versione a stampa: 123 p.
  • EAN: 9788883538889
EBOOK € 8,99
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 8,99

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La parola “feticcio” e la parola “fatto” hanno la stessa etimologia ambigua. La parola “fatto” rinvia però alla realtà esterna, la parola “feticcio” alle credenze del soggetto. Incalzati dalla necessità di tenere distinto il soggetto dall’oggetto e dunque la conoscenza, che è consapevolezza di tale differenza, dalla credenza, che la ignora, i moderni, secondo Bruno Latour, hanno tentato d’istituire un vero e proprio processo al feticcio. Ma ora è arrivato il momento di smetterla di distinguere i feticci dai fatti, la conoscenza dalla credenza, il soggetto dall’oggetto, unendo le due fonti etimologiche nel “fatticcio”, cioè la robusta certezza che permette alla pratica di passare all’azione senza mai credere alla differenza tra immanenza e trascendenza. Ecco allora che il fatticcio può definirsi come “la saggezza del passare, come ciò che permette il transito dalla fabbricazione alla realtà; come ciò che dona l’autonomia che non possediamo”. D’altra parte, scrive Latour, senza i fatticci gli uomini “sarebbero delle macchine, delle cose, degli animali feroci, dei morti”.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Note legali