Categorie

Carlo Ossola

Editore: Einaudi
Collana: Saggi
Anno edizione: 1987
Pagine: XV-190 p.
  • EAN: 9788806598303

Nessun trattato ha avuto maggior diffusione europea e carattere di modello universalmente riconosciuto, nessun libro meglio rappresenta la "civiltà di corte" e gli ideali di decoro dell'uomo rinascimentale che Il Libro del Cortegiano di Baldassar Castiglione. Specchio di una società che si va raccogliendo intorno al principe, ritratto di un ceto di nobili che esce dal proprio feudo e cerca per sé, da Mantova a Urbino, a Roma, alla Spagna imperiale di Carlo V, non meno che da Firenze a Parigi, dalle libertà comunali al cerimoniale di corte, una dimensione ed un ruolo che chiede di essere riconosciuto non più per origini e lingua, ma per i "modi d'essere": la grazia e la sprezzatura, le urbanità e i motti, i giochi e le arguzie, animano la scena di corte, un entretien che si dispiega e si consuma nella conversazione.Dal "cortegiano" dei palazzi ducali rinascimentali si arriverà all' "uomo di mondo" che anima i salons ed i teatri del secolo XVIII, agli esprits éveillés che con disinvoltura e garbo associano al bonheur della ragione la "scienza delle urbanità", dissimulando nella "compostezza delle maniere" la fine della società di Antico Regime. "C'est qu'on savait vivre et mourir dans ce tems-là...": al di là delle sfortune storiografiche della corte, delle sommarie condanne etiche pronunciate da una critica nutrita di piglio risorgimentale, il fascino di quella tradizione rimane, e più grandeggia - per misura e civiltà - rispetto ai nuovi prontuari di "buone maniere", alla fretta di legittimazione e successo che ci circonda.