Damage and Joy

Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 1
Etichetta: ADA UK
Data di pubblicazione: 24 marzo 2017
  • EAN: 0190296981616
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 29,90

Venduto e spedito da IBS

30 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
Descrizione

EDIZIONE IN VINILE.
The Jesus And Mary Chain e il loro nuovo e attesissimo album in studio dal titolo ‘Damage and Joy’ pubblicato per ADA / Warner Music. L’album è il primo dopo ‘Munki’, pubblicato nell’estata del 1998. Capitanati dai fratelli Jim e William Reid, The Jesus And Mary Chain si sono rimessi insieme dopo tanti anni per esibirsi al festival di Coachella nel 2007. Nonostante i loro tour regolari, il più degno di nota quello mondiale del 2015 che ha visto la rivisitazione del loro album capolavoro “Psychocandy”, ci è voluto molto tempo prima che i due si mettessero d’accordo per registrare il loro settimo album. “Abbiamo iniziato - ci credete? - ad ascoltarci un pochino di più”, spiega Jim. “Negli ultimi due anni abbiamo sepolto un po’ l’ascia di guerra. Molta gente che ci conosce potrebbe dire che non ci siamo addolciti molto. Penso però che andasse fatto, oserei dire che la saggezza arriva con l’età. Vivi e lascia vivere e prendi in considerazione le opinioni degli altri”. La lavorazione a ‘Damage and Joy’ (un riferimento alla traduzione inglese della parola schadenfreude) inizia nel settembre 2015 con il produttore Youth che ha contribuito anche al basso e alla diplomazia durante le sessioni a Londra, Dublino e Granada in Spagna. Alan McGee è stato il primo a confermare che un nuovo album dei JAMC stava per essere pubblicando dicendo alla CBC Music canadese “Hanno fatto un altro album! È una cosa pazzesca!”.
L’album è anticipato dal singolo ‘Amputation’, nel quale ondate di chitarra distorta e la voce di Jim si fondono per creare una traccia ipnotica che indirizza i suoi sentimenti “sull’essere tagliati fuori dal music business… Mi sentivo come tagliato fuori dal rock ‘n’ roll”. L’album include una nuova versione più raffinata di ‘All Things Must Pass’, che è stata presentata precedentemente prima nello show televisivo “Heroes” e poi in ‘Upside Down: The Best of The Jesus and Mary Chain’, e il brano garage–rock ‘Facing Up To The Facts’ che rivela “Odio mio fratello e lui odia me / così deve essere”. L’album contiene anche performance di Brian Young, batterista in tour con la band, e di Phil King, bassista dei Lush. “La cosa interessante di questo album è ciò che esce dalle casse” dichiara Jim. “Fare un buon disco è una conquista se hai ventidue anni, farlo a cinquanta, come siamo noi ora, penso che sia un piccolo miracolo”.

Disco 1
  • 1 Amputation
  • 2 War On Peace
  • 3 All Things Pass
  • 4 Always Sad
  • 5 Songs For A Secret
  • 6 The Two Of Us
  • 7 Los Feliz (Blues and Greens)
  • 8 Mood Rider
  • 9 Presedici (Et Chapaquiditch)
  • 10 Get On Home
  • 11 Facing Up To The Facts
  • 12 Simian Split
  • 13 Black And Blues
  • 14 Can’t Stop The Rock