Daniel Deronda

Daniel Deronda

George Eliot

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 972 KB
  • EAN: 9788866610014
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 0,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Daniel Deronda" is a mixture of social satire and moral searching, along with a sympathetic rendering of Jewish proto-Zionist and Kaballistic ideas, that has made it a controversial final statement of George Eliot, one of the greatest of Victorian novelists.
The story concerns with the destinies of two characters: Gwendolen Harleth, the spoiled and selfish elder daughter of a widow, and Daniel Deronda, the adopted child of an English aristocrat.
In order to avoid poverty as her family approaches destitution, Gwendolen agrees to marry Henleigh Grandcourt. She is fully aware that he has children by his mistress and that his mistress has a prior claim to him. Not surprisingly, the marriage proves unhappy. Gwendolen finds herself drawn for spiritual guidance to Deronda.
Deronda, who has rescued from suicide a Jewish girl, Mirah Lepidoth, gradually discovers a dense Jewish world through Mirah and her brother, Mordecai. Along the way, Deronda learns that he, too, is a Jew. The novel ends with his determination to seek and pursue his racial and religious roots in Palestine.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • George Eliot Cover

    George Eliot  (1819-1880) il suo vero nome era Mary Ann Evans. Educata nell’ambiente austero e provinciale di una cittadina nella campagna inglese, a vent’anni Mary Ann era una donna profondamente religiosa. A trentacinque anni, a Londra, sfida le convenzioni dell’Inghilterra vittoriana andando a vivere con George Henry Lewes senza sposarsi. Nel 1857, abbandonata la sua attività di giornalista e protetta dall’anonimato, pubblica Amos Barton. È il suo esordio come narratrice e il successo è immediato. Dopo Adam Bede (1859) e Il Mulino sulla Floss (1860, che Proust confessò di non riuscire a leggere senza piangere) scrive Jacob e suo fratello, che pubblicherà solo nel 1864, dopo Silas Marner (1861) e Romola (1862-63). Felix Holt... Approfondisci
Note legali